All’inferno non si canta

0
274
Condividi TeatriOnline sui Social Network
fotoAttori: Armando Leopaldo, Domenica Lorini, Paolo Diago, Paolo De Lucia, Lorenzo Biggi, Paola Facchetti, Federica Lancini, Daniele Ghirardi
Musica: Carlo Citterio, Stefano Lonati, Claudio Gioiosi
Drammaturgia e regia: Antonio Fus
Produzione Scena Sintetica
———-
ALL’INFERNO NON SI CANTA è lo spettacolo che conclude la ricerca sulla fine del poeta russo Osip Mandel’stam, “scomparso” in un gulag durante le cosiddette “purghe staliniane”.In quest’ultimo capitolo si riprende il racconto della vita del poeta dove lo avevamo lasciato, a Voronez, a più di mille chilometri da Mosca, dove sconta una condanna a 4 anni di confino per attività controrivoluzionaria. Lo ritroviamo quindi nella redazione della radio del luogo (da noi ribattezzata gul slovo i kultura) con la quale collabora in cambio di un tozzo di pane.
Da lì in poi lo si accompagna verso la fine chiamando a testimoniare i compagni di sventura, sollecitando i ricordi della moglie a proposito del suo amore per la lingua italiana, scendendo all’Inferno, nel gulag con lui, entrando nel XXVI canto dell’Inferno, leggendolo con i suoi occhi.Intorno al poeta morente abbiamo radunato testimoni d’eccezione: Maiakovskij, Pasternak, Esenin, Achmatova, Cvetaeva… e abbiamo chiesto loro di intonare il canto funebre, un compianto alla maniera antica, che fosse un monumento alla indispensabilità della poesia.

Perché assistere allo spettacolo

Innanzitutto in questo spettacolo potrete assistere a una visione dell’Inferno dantesco completamente diversa da quella che vi aspettate. Dimenticate tutto quello che avete visto o sentito su Dante, Osip Mandel’stam ha una visione originale, che non stravolge Dante ma lo “completa”, lo osserva da un’altra angolazione.

Inoltre è uno spettacolo ricco di musica (dal vivo), coinvolgimento (si recita vicini al pubblico), poesia.

Osip Mandel’stam poi, per chi ama la grande poesia, è un autore importante del ‘900 ma poco conosciuto, soprattutto in Italia. Abbiamo voluto rendergli giustizia.

Potrete anche visitare, prima o dopo lo spettacolo, la mostra “L’emergere inarrestabile” dell’artista Giovanni Marconi, visitabile comunque fino al 28 giugno.
E per gli spettatori che si vorranno fermare qualche minuto con noi dopo lo spettacolo, nella sala adiacente al teatro offriremo un bicchiere di vino, con qualche scambio di parole, per conoscersi.

———

Scena Sintetica
via Gabriele Rosa, 4 – 25121 Brescia
tel. 2400060

LEAVE A REPLY