Teatro della Pergola-Teatro della Toscana (Firenze): ecco la nuova stagione 2015-2016

0
378
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Filippo Manzini
Foto di Filippo Manzini

Ventiquattro spettacoli, Gabriele Lavia e Vita di Galileo, Maurizio Scaparro e La bottega del caffè, Le tre sorelle ambientate nell’Italia del Sud di Pierfancesco Favino, Casa di bambola con Filippo Timi interprete di tutti i ruoli maschili, il grande teatro internazionale con la prima de Il giardino dei ciliegi rumeno di Roberto Bacci e Battlefield di Peter Brook, la nuova drammaturgia nel rinnovato Saloncino, la formazione del Centro di Avviamento all’Espressione e della scuola l’Oltrarno, la collaborazione con Cango per il festival internazionale dedicato alla danza contemporanea diretto da Virgilio Sieni. Questi i principali impegni nella stagione 2015-2016 del Teatro della Toscana, riconosciuto Teatro Nazionale, nella sede fiorentina del Teatro della Pergola. Prezzi invariati e forti agevolazioni su tutte le formule di abbonamento per chi ha meno di 35 anni.

Una stagione nuova che porta nuove responsabilità: così potrebbe essere riassunta in sintesi la temperie 2015-2016 del Teatro della Pergola. Dopo la nascita del Teatro della Toscana, che alla Pergola ha unito le attività teatrali della Fondazione Pontedera Teatro, e il successivo riconoscimento dello status di Teatro Nazionale, sono pronte a essere presentate le attività stagionali del versante fiorentino di questo nuovo organismo, che sulla capacità sinergica e sincretica ha costruito gran parte dell’innovatività del proprio progetto. Nell’immagine generale, realizzata da SocialDesign di Walter Sardonini, è un ideale fiume Arno a tracciare senso e ampiezza di questa unione, con tutti i significati che porta sul territorio toscano.

La nuova Fondazione Teatro della Toscana, nella sua veste di Teatro Nazionale, è pronta a quel salto in avanti che può garantire ulteriore robustezza alle sue attività e una prospettiva autenticamente internazionale. E proprio nel segno di questa ambizione Gabriele Lavia aprirà la nuova stagione dirigendo Vita di Galileo di Bertolt Brecht; a seguire Maurizio Scaparro proporrà la sua Bottega del caffè, che ha debuttato proprio in questi giorni a Milano nel segno di Expo 2015. La programmazione della stagione rivede, sempre migliorata e arricchita, quella innovativa formula che ha reso possibili i buoni risultati di quest’ultimo periodo: la presenza di titoli classici, ma trattati con sguardo innovativo; il contributo di molti giovani attori che vedono nella Pergola un luogo per preparare i loro spettacoli, come Filippo Timi con Casa di bambola, in cui interpreta tutti i ruoli maschili, e dare un contributo anche in termini di formazione, come Piefrancesco Favino, che debutterà con una inedita versione de Le tre sorelle ambientata nell’Italia del Sud; spettacoli internazionali come la prima de Il giardino dei ciliegi rumeno di Roberto Bacci o la nuova realizzazione di Peter Brook, che arricchiranno il calendario con spettacoli fuori abbonamento; una nuova forma, anche della platea, che sarà data al Saloncino, con una gradinata che lo renderà spazio teatrale a tutti gli effetti, pronto a ospitare spettacoli alle ore 19 (‘A Teatro Prima Di Cena’).

Si irrobustiranno quelle attività culturali che sempre più garantiranno un teatro aperto da mattina a sera insieme al complesso dell’offerta formativa, che vedrà ripartire potenziati i corsi di base del Centro di Avviamento all’Espressione basati sul Metodo Costa, e prendere il via il percorso sul mestiere dell’attore diretto in Oltrarno dal già citato Favino (senza dimenticare, a Pontedera, il Workcenter Grotowski). Queste attività si avvarranno di nuovi spazi (come la già ripristinata sala ballo ‘bassa’ ora dedicata a Wanda Capodaglio) e di un nuovo ‘fronte strada’ che andrà a completare l’idea di un teatro come ‘casa tra le case’: la biglietteria sarà spostata nell’atrio di ingresso e sarà unificata; il bar troverà un suo ampliamento proprio nella ex-collocazione della biglietteria di prevendita, e prima della Libreria dei Lettori, appassionata sfida condotta da Fiammetta Gaudioso con la collaborazione di Gennaro Capuano, che sta per festeggiare il secondo anno di attività; la nuova sala dedicata ad Alfonso Spadoni, ricavata da quella che per anni è stata la Direzione del Teatro.

Continueranno, poi, le numerose attività del Museo, e quelle per il mondo della scuola, così apprezzate dagli insegnanti.

La Stagione 2015-16 sigla anche un’inedita collaborazione tra la Fondazione Teatro della Toscana e il Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza diretto da Virgilio Sieni. Tra ottobre e novembre prossimi il Teatro della Pergola e Cango, sedi delle due realtà istituzionalmente più accreditate per la prosa e la danza a livello regionale, ospiteranno, insieme ad altri spazi in Oltrarno, la prima edizione di un festival internazionale dedicato alla danza contemporanea sotto la direzione artistica del coreografo fiorentino, sancendo così – sotto il segno di una multidisciplinarietà che si fa concreta proposta culturale – una sinergia progettuale e produttiva dal respiro triennale. Tra gli appuntamenti del festival al Teatro della Pergola La sagra della primavera di Igor Stravinskij con la coreografia di Virgilio Sieni. Il programma completo del festival sarà oggetto di una prossima conferenza stampa.

Commercialmente parlando, rimarranno invariati i prezzi, oltre al tradizionale Pergola26 ci saranno agevolazioni su tutte le formule di abbonamento per coloro che hanno meno di 35 anni; importanti novità anche in direzione della semplificazione, perché da quest’anno gli abbonati alla stagione precedente potranno confermare e poi acquistare il loro rinnovo anche online, e anche nel momento in cui la biglietteria sarà chiusa per ferie, scegliendo poi se ritirare in teatro al primo spettacolo o vedersi arrivare l’abbonamento a casa.

————

LA STAGIONE 2015-2016

La stagione, come detto, si apre con Vita di Galileo di Brecht, diretto e interpretato da Gabriele Lavia (produzione: Fondazione Teatro della Toscana e Teatro Stabile di Torino), il dramma dei rapporti tra scienza e morale, scienza e collettività, che il Maestro affronta dopo i tormenti dei Sei personaggi in cerca d’autore. Un’edizione fedele al testo originale per 25 attori che in scena interpretano più di ottanta personaggi. Teatro all’ennesima potenza che sviluppa tutte le sue possibilità creative. “Con questo spettacolo”, ha affermato Gabriele Lavia, “saldo il conto con la mia vita di teatrante”.

Maurizio Scaparro rivolge lo sguardo a Goldoni, a Venezia e al suo Carnevale, all’Europa. La bottega del caffè (produzione: Fondazione Teatro della Toscana), interpretata da Pino Micol e Vittorio Viviani, è una commedia dei sentimenti e dell’agire degli esseri umani, comune in ogni tempo e in ogni luogo: invidia, amore, odio, brama di denaro e di potere, lotta per il benessere, non sono cambiati dal Settecento a oggi.

La collaborazione tra la Fondazione Teatro della Toscana e Teatro Franco Parenti di Milano permette ad Andrée Ruth Shammah di dirigere per la prima volta Filippo Timi nel capolavoro di Henrik Ibsen Casa di bambola. Da regista donna, Shammah indaga il crollo del ‘maschile’ contemporaneo, posando la sua attenzione non sulla donna che si ribella, ma sulla solitudine dei personaggi maschili, che vengono tutti interpretati dall’estro espressivo di Filippo Timi. Nel ruolo di Nora, Marina Rocco.

Evento speciale è La Controra. Seguendo la linea già iniziata con Servo per due, Pierfrancesco Favino e Paolo Sassanelli riadattano Le tre sorelle di Čechov ambientandolo nel Sud Italia dei primi anni ’50. Con lo stesso Favino, in scena anche altri 12 attori e 4 musicisti che si esibiranno dal vivo.

Si consolida inoltre la vocazione internazionale, aprendo via della Pergola alle migliori proposte artistiche della scena europea. Vi si alterneranno la prima nazionale de Il giardino dei ciliegi di Čechov, una produzione del Teatro Nazionale di Cluj-Napoca, diretta da Roberto Bacci, sulle vittime di un’economia tanto apparentemente anonima quanto crudele, e Battlefield, opera in cui il grande Peter Brook torna al ‘suo’ Mahābhārata, riscoprendo fascinazioni che, pur appartenendo al passato, riflettono allo stesso tempo i durissimi e innumerevoli conflitti che straziano il nostro mondo.

Il palco del massimo teatro fiorentino si conferma luogo eletto all’incontro con artisti che vivono con intensità la loro professione tra teatro, cinema e televisione. Nuovo lavoro teatrale per Sergio Rubini, Provando… dobbiamo parlare, interpretato insieme a Fabrizio Bentivoglio, Maria Pia Calzone e Isabella Ragonese; L’uomo, la bestia e la virtù di Pirandello, diretto da Giuseppe Dipasquale, vede il ritorno di Marco Messeri al fianco della ditta ‘Geppy Gleijeses-Marianella Bargilli’; talento capace di calarsi nei panni di personaggi sempre diversi, Luca Zingaretti dirige e interpreta The Pride, un brillante testo dell’americano Alexi Kaye Campbell che esplora il tema dell’amore omo ed eterosessuale; Emilio Solfrizzi interpreta il libertino dottor Molineaux nel Sarto per signora di Feydeau, regia di Valerio Binasco.

Con questo divertente vaudeville, fatto di colpi di scena ed equivoci dalla comicità travolgente, salutiamo il 2015 e diamo il benvenuto al 2016. Il nuovo anno entra nel vivo con un capolavoro di Eduardo De Filippo messo in scena dalla Compagnia del figlio Luca, Non ti pago: sogni, vincite al lotto, superstizioni e credenze popolari di un’umanità dolente e sfaccendata, che nella cruda realtà quotidiana non rinuncia all’ingenua attesa di un colpo di fortuna che determini un futuro migliore. E l’economia, soprattutto la sua crisi, è al centro de Il prezzo (The Price), testo poco frequentato di Arthur Miller, con Umberto Orsini, diretto da Massimo Popolizio, anche in scena insieme ad Alvia Reale ed Elia Schilton.

Luca De Fusco si confronta l’unica trilogia della tragedia greca a essere sopravvissuta fino ai giorni nostri, l’Orestea di Eschilo, mentre Alessio Boni incarna incubi e ossessioni di un altro testo a suo modo ‘tragico’, I duellanti di Conrad, un’opera su di una società in rapida estinzione e al tempo stesso un capolavoro dell’assurdo.

La stagione continua con due campioni di ironia e affabulazione, Rocco Papaleo ed Anna Marchesini. Papaleo cavalca la Buena Onda del teatro canzone, avventura e scoperta di un viaggio in musica verso una meta esotica, ai confini del mondo; accompagnata dalla musica del trio AIRE DE MAR, invece, Anna Marchesini racconta Cirino e Marilda non si può fare, le avventure del professor Cirino Pascarella e di Marilda, single quarantenne che mamma Olimpia vuole vedere accasata proprio con il timido professore. Marchesini torna alla Pergola a dieci anni dal fortunato La cerimonia del massaggio di Alan Bennett.

Sebastiano Lo Monaco, con tutta la sua maestria e passione, dialoga con i molti fantasmi dell’Odissea di Omero, nella versione di Valerio Massimo Manfredi, adattata per il teatro da Francesco Niccolini e diretta da Alessio Pizzech. Un’intensa narrazione delle donne e degli eroi che Ulisse ha incontrato nel suo faticosissimo viaggio, accompagnata da un’orchestra di 14 sassofonisti in scena.

Una Musica Ribelle – La forza dell’amore chiude il cartellone 2015-2016. Attore e interprete Eugenio Finardi, in un percorso ideativo e creativo aperto, a più voci, sulla sua testimonianza artistica, politica e umana. Una nuova avventura per la Todomodo Music-All diretta da Pietro Contorno, tra le realtà più significative nel panorama del musical italiano, che ha prodotto quello Spring Awakening che ha infiammato anche il palco della Pergola.

———

IL SALONCINO

La Pergola non è solo la Sala Grande, ma anche il Saloncino, che cambia offerta e forma allo stesso tempo. Per meglio adeguarsi alle necessità del teatro di prosa, senza però perdere la peculiarità acustica che esalta le performance musicali, sarà rimossa l’attuale platea, sostituita da una gradinata con 196 posti a disposizione. Muteranno anche aspetto e dimensioni del palcoscenico, che sarà dotato di un ring in elevazione per le necessarie sospensioni illuminotecniche.

Così sistemato il Saloncino ospiterà le proposte più innovative in un orario particolare, le 19, motivato dall’impossibilità normativa di adoperarlo in concomitanza con la Sala: nasce, o meglio è già nato con gli spettacoli di maggio 2015, ‘A Teatro Prima Di Cena’, che consentirà a chi vuole di vedere una prima rappresentazione, mangiare qualcosa nel bar e poi magari assistere anche alla replica serale per una vera applicazione del concetto di multiprogrammazione.

Si comincia con 2×2=5, tratto da Memorie dal sottosuolo di Dostoevskij, in cui Roberto Bacci crea per Cacá Carvalho un abisso della vita quotidiana. Ancora la coppia Bacci – Carvalho, nella cornice ‘noir’ di tre novelle, con La poltrona scura svelano lo sguardo lucido, crudele e divertito di Pirandello sulla condizione umana. Dopo il grande successo di Thanks for Vaselina, Carrozzeria Orfeo continua a scandagliare i paradossi e le ipocrisie del nostro tempo con Animali da bar. Chiudono Leviedelfool e il loro Made in China – postcards from Van Gogh, un lavoro a due contro i cliché del rapporto uomo-donna sulla scena e uno stile che richiama l’universo kitsch ed effimero dell’oggetto cinese a basso costo.

Per i ragazzi, e senza disdegnare gli adulti, all’interno de ‘Il Teatro dei Giovani’ è stato pensato Happy birthday Mr. Marley, con date anche nella Sala Grande. L’eredità artistica e umana lasciata da Bob Marley costituisce una suggestiva opportunità per lavorare sulle strane parentele che esistono tra mondi solo apparentemente lontani. Un omaggio a un’icona intramontabile.

———

LA FORMAZIONE

Alla Pergola il teatro si fa e si impara come farlo.

Fin dal 1979 il Maestro Orazio Costa ha operato all’interno del Teatro. Il Centro di Avviamento all’Espressione, il Centro di didattica espressiva da lui fondato, rappresenta il punto di arrivo della sua ricerca sulla pedagogia teatrale. Coordinatore generale del Centro è Pier Paolo Pacini, coadiuvato da Marisa Crussi.

Parallelamente all’attività informativa sul Metodo Mimico (per tutti coloro che sono interessati a conoscerne le basi), il Centro organizza un Corso di Formazione per Attori ‘Orazio Costa’, una Scuola di Formazione per il mestiere di attore, della durata di due anni, basato sull’insegnamento del Metodo, ma si avvale anche di approcci didattici provenienti da altri metodi.

Il mestiere della scena si esercita sopra e giù dal palco. Per questo nel marzo 2015 è nato il Laboratorio di Costumi e Scene del Teatro della Pergola (responsabile Elena Bianchini, coadiuvata da Micol Joanka Medda), per creare una realtà di produzione permanente che metta a confronto le antiche manualità proprie della storia artigianale del teatro con esperienze artistiche diverse, per dare un nuovo impulso a quel particolare tipo di cultura che da secoli caratterizza in termini universali la nostra identità: il saper fare. Il programma 2015-2016 prevede corsi inerenti alla progettazione scenografica, alla scenotecnica, all’illuminotecnica, al bozzetto di costume e alla sartoria teatrale, alla realizzazione di oggetti di scena ed accessori di costume fino ad arrivare all’insegnamento teorico e pratico del trucco di scena.

Una nuova realtà formativa di alto perfezionamento triennale per attori apre invece nel cuore di Firenze, per la forte determinazione di un grande interprete come Pierfrancesco Favino. Il suo nome, l’Oltrarno, dice molto del rapporto di intima vicinanza che Favino ha desiderato vi fosse tra la Scuola e Firenze: situata nella Galleria Pio Fedi, che prima di fare da studio all’omonimo scultore fu la chiesa del monastero di Santa Chiara (il cui interno è oggi conservato al Victoria & Albert Museum di Londra), in via dei Serragli, accanto al luogo dove ebbe lo studio il pioniere della regia, Edward Gordon Craig, vicino alla Goldonetta che fu di Kantor e Gassman, e oggi ospita la grande ricerca di Virgilio Sieni. La Scuola vuole nutrirsi di questo clima fatto di creatività e appartenenza, quell’atmosfera particolare che rende l’Oltrarno una delle aree dove più forte batte il cuore della città.

Tutte le informazioni su www.teatrodellatoscana.it e loltrarno.teatrodellatoscana.it

——

FORMARSI ALLE ARTI DEL TEATRO E DELLA SCENA

Il Centro di Avviamento all’Espressione: il corso biennale per attori ‘Orazio Costa’

Fin dal 1979 il maestro Orazio Costa ha operato all’interno del Teatro della Pergola. Il Centro di Avviamento all’Espressione, il Centro di didattica espressiva da lui fondato, rappresenta il punto di arrivo della sua ricerca sulla pedagogia teatrale: un lavoro che ha impegnato tutta la sua vita, dalle prime esperienze come assistente di Jacques Copeau, fondamentali per l’elaborazione della sua metodologia didattica, e poi attraverso gli anni di insegnamento all’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”. Coordinatore generale del Centro è Pier Paolo Pacini, coadiuvato da Marisa Crussi.

Parallelamente all’attività informativa sul Metodo Mimico (per tutti coloro che sono interessati a conoscerne le basi), il Centro organizza un Corso di Formazione per Attori ‘Orazio Costa’, una Scuola di Formazione per il mestiere di attore, della durata di due anni, basato sull’insegnamento del Metodo, ma si avvale anche di approcci didattici provenienti da altri metodi. Il Corso si compone di lezioni, seminari, incontri e prevede la partecipazione a tutte le più importanti attività del Teatro della Pergola. Inizio a novembre e fine del primo anno a giugno 2016. La frequenza è obbligatoria: nel caso di assenze superiori al 25% del totale delle ore annuali è prevista l’esclusione dal Corso stesso.

Verranno ammessi fino a un massimo di 20 allievi per biennio. Vi possono accedere tutti i cittadini italiani e stranieri con un’ottima conoscenza della lingua italiana, di età compresa tra i 18 e i 27 anni, in possesso di un diploma di scuola superiore o equivalente, che abbiano effettuato un Corso Informativo di Metodo Mimico. L’ultimo Corso Informativo utile per accedere alla Scuola sarà effettuato tra il 20 e il 26 luglio, le iscrizioni sono aperte fino al prossimo 12 luglio.

La domanda, invece, per l’ammissione al Corso di Formazione per Attori potrà essere presentata a partire dal 1° agosto e fino al 12 settembre. Il bando e il modulo di ammissione sono già disponibili sul sito della Fondazione Teatro della Toscana. La selezione si svolgerà nei giorni 18, 19 e 20 settembre.

Tutti i bandi su www.teatrodellatoscana.it

———–

Il Laboratorio di Costumi e Scene del Teatro della Pergola

Il Laboratorio di Costumi e Scene del Teatro della Pergola (responsabile Elena Bianchini, coadiuvata da Micol Joanka Medda) nasce a marzo 2015 con l’obiettivo di creare una realtà di produzione permanente che metta a confronto le antiche manualità proprie della storia artigianale del teatro con esperienze artistiche diverse, per dare un nuovo impulso a quel particolare tipo di cultura che da secoli caratterizza in termini universali la nostra identità: il saper fare.

Il Laboratorio è il luogo in cui si realizzano scene e costumi per gli spettacoli prodotti dal Teatro della Toscana, ma è anche il promotore di un’offerta formativa sui mestieri del teatro, strutturata in una serie di corsi e workshop tematici sia di carattere pratico che teorico.

L’elemento fondante della proposta didattica è la trasmissione diretta dei saperi dai maestri agli allievi e l’elaborazione di progetti concreti, quali la realizzazione di elementi di scena e costume per gli spettacoli, l’elaborazione di allestimenti per esposizioni, la conservazione del patrimonio del Museo della Pergola, la creazione di manufatti che potranno entrare a far parte del repertorio del Teatro. Tra i docenti si annovera la collaborazione di professionisti, artisti e maestri artigiani.

Il programma 2015-2016 prevede corsi inerenti alla progettazione scenografica, alla scenotecnica, all’illuminotecnica, al bozzetto di costume e alla sartoria teatrale, alla realizzazione di oggetti di scena ed accessori di costume fino ad arrivare all’insegnamento teorico e pratico del trucco di scena.

Tra i corsi e gli workshop in programma ricordiamo:

  1. Alterazioni e volumi corporei – come l’abito modella il corpo. Realizzazione di corsetti e sottogonne su modelli storici”.

  2. Vestire il Settecento – parte seconda. Realizzazione di un costume femminile del XVIII secolo.”

  3. L’uomo del ‘500 – realizzazione di costumi cinquecenteschi”.

  4. Mascherarsi. Dallo studio della fisiognomica alla creazione di maschere teatrali”.

  5. Piumaggi. Creazione di accessori in piume in stile Liberty e Deco”.

  6. Luci di scena. Introduzione all’illuminotecnica teatrale”.

  7. Elementi di scenotecnica – primo e secondo livello”.

  8. Storia del costume teatrale. La moda e il costume di scena. Elementi di stile – secondo livello”.

  9. Il colore. Composizioni, alchimie e significati simbolici”.

  10. Il trucco di Casanova. Venezia e il Settecento”.

  11. Il plissé. Mariano Fortuny e il corpo della donna nel Novecento. Realizzazione di un costume plissettato”.

Il Laboratorio aderisce inoltre al progetto ministeriale di Alternanza scuola-lavoro offrendo agli studenti dei licei artistici del territorio la possibilità di avere un approccio concreto al mondo teatrale attraverso la pratica artigianale. Il Laboratorio collabora, inoltre, con scuole di alta specializzazione in materia di arti applicate ed artigianato artistico nell’ambito di progetti europei.

Per informazioni: formazione@teatrodellapergola.com – 055 2264354.

———–

L’Oltrarno, la scuola di alto perfezionamento professionale per attori diretta da Pierfrancesco Favino

Una nuova realtà formativa per attori apre nel cuore di Firenze, per la forte determinazione di un grande interprete come Pierfrancesco Favino. Il nome, l’Oltrarno, dice molto del rapporto di intima vicinanza che Pierfrancesco Favino ha desiderato vi fosse tra la Scuola e Firenze: situata nella Galleria Pio Fedi, che prima di fare da studio all’omonimo scultore fu la chiesa del monastero di Santa Chiara (il cui interno è oggi conservato al Victoria & Albert Museum di Londra), in via dei Serragli, accanto al luogo dove ebbe lo studio il pioniere della regia, Edward Gordon Craig, vicino alla Goldonetta che fu di Kantor e Gassman, e oggi ospita la grande ricerca di Virgilio Sieni. La Scuola vuole nutrirsi di questo clima fatto di creatività e appartenenza, quell’atmosfera particolare che rende l’Oltrarno una delle aree dove più forte batte il cuore della città.

Durata triennale, massimo 16 partecipanti, cittadini italiani tra i 18 e i 28 anni, in possesso del diploma di scuola media superiore, con ottima conoscenza della lingua italiana parlata e scritta, e di sana e robusta costituzione. Una struttura dinamica e innovativa, radicata al teatro e alla città, per un nuovo progetto internazionale di formazione professionale: una bottega/apprendistato non solo delle materie tipiche della pratica attoriale, ma anche delle altre discipline, dalla storia dell’arte alle scienze. Nel corpo docente, oltre a Pierfrancesco Favino per la recitazione, figurano come ‘professori’ Wendy Allnutt (movimento), Peter Clough (recitazione), Merry Conway (movimento e clownerie), Bruno Fornasari (recitazione), Gabriele Foschi (canto), Susan Main (voce), Leah Muller (movimento), Stefano Zenni (storia della musica).

Le prove di selezione prevederanno due fasi: nella prima, gli aspiranti dovranno presentare un monologo di drammaturgia teatrale classica (durata massima: 2 minuti), un monologo di drammaturgia teatrale moderna (durata massima: 2 minuti) e sostenere un colloquio attitudinale; nella seconda, ai selezionati sarà richiesto di partecipare a brevi sessioni di lavoro sotto la guida degli insegnanti. Le modalità con cui presentare la domanda e accedere alla prima fase di selezione saranno presto disponibili sul costituendo sito web loltrarno.teatrodellatoscana.it.
Dopo i tre anni di formazione si terrà una presentazione finale del lavoro. Inoltre, si entrerà a far parte di un database che sarà
messo a disposizione degli operatori culturali, con la creazione di un portale sperimentale in chiave di ‘ufficio di collocamento’ per le giovani leve del teatro.
Per informazioni:
http://loltrarno.teatrodellatoscana.it/

———–

PREZZI ABBONAMENTI

Pergola Completo

Abbonamento a 17 spettacoli a posto fisso

Platea € 286.00 ● Posto palco € 224.00 ● Posto palco di III € 197.00 ● Galleria € 161.00

Pergola per 9

2 pacchetti abbonamento di 9 spettacoli ciascuno

A – Vita di Galileo; Provando…dobbiamo parlare; The Pride; Non ti pago; Orestea – Agamennone; I duellanti; Buena onda; La controra; Musica ribelle – La forza dell’amore

B – Vita di Galileo; La bottega del caffè; L’uomo, la bestia e la virtù; Sarto per signora; Il prezzo (The Price); Orestea – Coefore/Eumenidi; Casa di bambola; Cirino e Marilda non si può fare; Il mio nome è nessuno – L’Ulisse

Platea € 207.00 ● Posto palco € 160.00 ● Galleria € 121.00

****

Pergola per 6

3 pacchetti abbonamento di 6 spettacoli ciascuno

A – Vita di Galileo; L’uomo, la bestia e la virtù; Non ti pago; Orestea – Coefore/Eumenidi; Buena onda; Il mio nome è nessuno – L’Ulisse

B – La bottega del caffè; The Pride; Il prezzo (The Price); I duellanti; Cirino e Marilda non si può fare; Musica ribelle – La forza dell’amore

C – Vita di Galileo; Provando…dobbiamo parlare; Sarto per signora; Orestea – Agamennone; Casa di bambola; La controra

Platea € 142,00 ● Posto palco € 113,00 ● Galleria € 82,00

———

PROMOZIONI ABBONAMENTI

Passa al Completo…

Per la stagione 2015-2016 gli abbonati che passeranno alla formula Completo da un altro pacchetto o da uno Sceglipergola potranno usufruire di una riduzione sul prezzo dell’abbonamento.

****
…Porta un amico…

Chi porta un “amico” potrà usufruire di una riduzione sul prezzo dell’abbonamento (per le formule a POSTO FISSO), valida anche per il nuovo abbonato.

N.B. condizione valida per ogni nuovo abbonamento sottoscritto contestualmente alle conferme degli abbonamenti della passata stagione. Si ha diritto a un abbonamento ridotto per ogni nuovo abbonato.

———-

PREZZI

Completo: Platea € 258.00 ● Posto palco € 202.00 ● Posto palco di III € 178.00 ● Galleria € 145.00

Pergola per 9: Platea € 187.00 ● Posto palco € 144.00 ● Galleria € 109.00

Pergola per 6: Platea € 128.00 ● Posto palco € 102.00 ● Galleria € 74.00

Sceglipergola x 10: Platea € 213.00 ● Posto palco € 172.00 ● Galleria € 130.00

Sceglipergola x 5: Platea € 123.00 ● Posto palco € 96.00 ● Galleria € 69.00

Ridotto giovani under 35 ! NOVITÀ

I giovani fino a 35 anni di età potranno usufruire di una riduzione su tutte le formule di abbonamento. La riduzione è personale e applicabile solo su presentazione di un documento di identità presso la biglietteria del Teatro.

———–

PREZZI

Completo: Platea € 244.00 ● Posto palco € 191.00 ● Posto palco di III € 168.00 ● Galleria € 137.00

Pergola per 9: Platea € 176.00 ● Posto palco € 136.00 ● Galleria € 103.00

Pergola per 6: Platea € 121.00 ● Posto palco € 97.00 ● Galleria € 70.00

Sceglipergola x 10: Platea € 200.00 ● Posto palco € 165.00 ● Galleria € 124.00

Sceglipergola x 5: Platea € 115.00 ● Posto palco € 90.00 ● Galleria € 65.00

———

ABBONAMENTI A SCELTA

SCEGLIPERGOLA x 10 – in vendita dal 21 settembre

10 spettacoli a scelta su tutto il cartellone: Platea € 236.00 ● Posto palco € 193.00 ● Galleria € 145.00

SCEGLIPERGOLA x 5 – in vendita dal 28 settembre

5 spettacoli a scelta su tutto il cartellone: Platea € 135.00 ● Posto palco € 106.00 ● Galleria € 76.00

PERGOLA26 – in vendita dal 5 ottobre

Carta a consumo riservata ai giovani nati dopo il 1°gennaio 1989.

Per 6 spettacoli € 60.00 – per 4 spettacoli € 40.00

Gli abbonati avranno diritto alla prelazione e alla riduzione sugli spettacoli fuori abbonamento

———-

CALENDARIO CAMPAGNA ABBONAMENTI

Orario botteghini: dal lunedì al sabato 9.30/18.30, domenica riposo – tel. 055.0763333 – Via della Pergola 24

Chiusura estiva biglietteria: dal 25/07 al 30/08 compresi.

Dal 22 giugno si apriranno le preconferme delle formule a posto fisso (che quest’anno saranno Completo, Pergola per 9, Pergola per 6) previo versamento di una quota di 50 euro. Il pagamento della quota di preconferma potrà avvenire in contanti o con carta/bancomat presso la biglietteria del Teatro (via della Pergola, 24); inoltre su specifica richiesta, la quota potrà essere pagata anche telefonicamente con carta di credito o tramite bonifico bancario (per informazioni: biglietteria@teatrodellapergola.com – 055.0763333).

Da quest’anno, per agevolare gli abbonati, la direzione ha deciso di introdurre la possibilità di pagare la quota di preconferma con carta di credito senza alcuna maggiorazione sul sito www.teatrodellapergola.com. Questo servizio rimarrà eccezionalmente attivo anche durante la chiusura estiva della biglietteria fino al 28 agosto. L’abbonato riceverà una email di conferma da presentare in biglietteria per effettuare il saldo nella settimana tra il 31 agosto e il 5 settembre.

In alternativa e sempre entro il 28 agosto, è possibile confermare il proprio abbonamento pagando la quota intera online; in questo caso l’abbonato potrà scegliere se ritirare il proprio tagliando il giorno del primo spettacolo oppure riceverlo a casa via corriere al costo di € 10,00. Si ricorda inoltre che questa modalità non prevede cambi di turno o di posto, ma solo la conferma dell’abbonamento della stagione passata.

Dal 22 giugno sarà possibile anche pagare interamente il proprio abbonamento presso la biglietteria del Teatro ed effettuare nuovi acquisti per le formule a posto fisso su posti non occupati nella stagione trascorsa. Chi avesse desiderio di cambiare formula o posto potrà farlo da subito compilando un modulo di rinuncia dell’abbonamento scegliendo tra i posti liberi dalla stagione passata oppure potrà preconfermare l’abbonamento dell’anno precedente ed eseguire il cambio nella settimana dal 31 agosto al 5 settembre. Qualora la soluzione trovata non soddisfacesse l’abbonato, la quota di preconferma sarà restituita entro e non oltre il 5 settembre 2015.
Trascorso il termine inderogabile del 24 luglio i posti relativi agli abbonamenti della scorsa stagione non confermati saranno a disposizione del teatro per soddisfare le richieste d’acquisto di nuovi abbonamenti.

Dal 31 agosto al 5 settembre saldo delle preconferme ed eventuali cambi di formula/posto per gli abbonati della passata stagione, o restituzione della quota di preconferma in caso di soluzione non gradita.

Dal 7 settembre sarà possibile effettuare acquisti delle formule Completo, Pergola per 9 e Pergola per 6 (formule a posto fisso) su tutti i posti rimasti liberi. Da questa data sarà inoltre possibile l’acquisto dell’abbonamento online sul nostro sito www.teatrodellapergola.com.

Dal 21 settembre sarà in vendita Sceglipergola x 10 e dal 28 settembre Sceglipergola x 5, che consentono di selezionare rispettivamente 10 e 5 titoli tra tutti quelli proposti dalla stagione.

Dal 5 ottobre sarà in vendita Pergola26, la carta a consumo per 6 o 4 spettacoli riservata ai nati dopo il 1° gennaio 1989.

Dal 5 ottobre saranno in vendita anche i biglietti a prezzo intero per i singoli spettacoli di tutta la stagione (i biglietti ridotti possono essere acquistati solo per gli spettacoli fino al 31 dicembre 2015) sia presso la biglietteria del Teatro, che nei punti vendita del circuito regionale Box Office, che on line sul sito www.teatrodellapergola.com.

Ogni formula resta in vendita fino alla disponibilità degli spettacoli sui relativi turni.

Si ricorda che è consentita la stipula di un massimo di 4 abbonamenti a persona.

Per informazioni su abbonamenti, programmazione e modalità di rinnovo è possibile consultare il sito www.teatrodellapergola.com oppure contattare la biglietteria all’indirizzo biglietteria@teatrodellapergola.com – per informazioni sugli spettacoli e le altre attività è possibile scrivere all’indirizzo pubblico@teatrodellapergola.com.

LEAVE A REPLY