Medicina narrativa e teatro

0
332
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoDa un progetto del Teatro Officina in collaborazione con Fondazione Lu.V.I. e CeAS, realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo

Laboratorio con (in ordine alfabetico) Silvia Agratti, dott. Bruno Andreoni, Luca Bellè, Eleonora Bertorelli Molendini, Lorenza Cervara, Gabriella Gambarini, dott. Gaspare Jean, Cinzia Pellegrini, Luca Pittiella, Tatiana Porro, Claudia Salis

——–

Il 7 luglio alle 18.00 andrà in scena la perfomance del Laboratorio che conclude il progetto Medicina narrativa e teatro, condotto dal Teatro Officina in partenariato con il Ceas e la Fondazione Lu.V.I. e sostenuto dalla Fondazione Cariplo.

Il laboratorio è stato condotto presso la Cascina Brandezzata, Hospice e Centro Universitario di Formazione e Ricerca nelle malattie inguaribili e terminali. L’Hospice Cascina Brandezzata è un progetto della Fondazione Lu.V.I. nato da un gruppo di lavoro costituitosi presso l’IEO – Istituto Europeo di Oncologia di Veronesi.

In Cascina Brandezzata si è avuta l’opportunità di lavorare con tutta la varietà di soggetti professionali e sociali che ci si potrebbe augurare in un progetto di Medicina narrativa: medici, infermieri, OSS, animatori, pazienti, familiari e studenti di infermieristica. Proprio la diversità di percorsi, di storie e di vissuti dei soggetti coinvolti nel laboratorio costituiscono la ricchezza e il punto di forza di questo lavoro, in cui la malattia diventa un’occasione di crescita e di riflessione collettiva.

Da parecchi anni ormai il Teatro Officina si occupa di medicina narrativa, pratica sociale nata vent’anni fa negli USA all’interno delle Medical Humanities con lo scopo di ridare senso e valore alla relazione umana nei rapporti ospedalieri. La pratica consiste nel raccogliere storie di persone che incontrano la malattia, siano essi i malati stessi, i loro famigliari, i loro curanti. E proprio tramite la narrazione può eventualmente emergere un possibile significato, anche da quel che un senso sembrerebbe non averlo affatto.

Il Teatro Officina ha arricchito questa pratica affiancandole la tecnica e il linguaggio comunicativo teatrali e collaborando con prestigiose istituzioni quali l’Università Statale di Milano, l’Università di Milano Bicocca e l’Istituto Europeo di Oncologia. Ha inoltre realizzato produzioni teatrali basate su testi di medici (tra i quali il dott. Marco Venturino, primario allo IEO, e il dottor Marcello Pili), di pazienti e di infermieri, che sono stati inseriti nella Stagione teatrale 2014/2015 (dal 26 febbraio al 1° marzo in scena al Teatro Officina).

———

7 luglio 2015 ore 18.00

Ingresso libero e gratuito.

Cascina Brandezzata

via Ripamonti 428, Milano

———

Per maggiori informazioni:

Teatro Officina

Via S. Erlembardo, 2 – 20126 Milano

MM1 Gorla | Bus 44 e 86

———

Informazioni:

LUN-VEN: 9.30-17.30

tel: 02.2553200 | fax: 02.27000858 | cell: 3491622028 |

e-mail: info@teatroofficina.it | sito web: www.teatroofficina.it

Orari spettacoli: Feriali ore 21.00 – Festivi ore 16.00

LEAVE A REPLY