Settembre in Piazza della Passera (15° edizione)

0
265
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Andrea Ruffi
Foto di Andrea Ruffi

Appuntamento a settembre per la XV edizione di Settembre in Piazza della Passera con il suo usuale cartellone di eventi, che rende vivo quest’angolo di Oltrarno tanto amato dai fiorentini. L’edizione 2015, in programma da martedì 8 a venerdì 11 settembre, è ideata come sempre da Stefano Di Puccio e organizzata dalla Trattoria 4 Leoni e dall’Associazione culturale In Piazza.

La rassegna, confermando la sua attenzione per le proposte originali, i progetti inediti e le collaborazioni, per il secondo anno consecutivo apre all’insegna della poesia con PPPP_LaPasseraPoesia\/PerformanceInPiazza, primo festival di poesia&performance – anno secondo. Due serate di poetry slam e poesia performativa a cura di Rosaria Lo Russo, quindi la musica, da sempre fiore all’occhiello del festival. Con la consulenza artistica di Alessandro Di Puccio, anche quest’anno si svolge nel nome del grande jazz con un particolare tributo al pianista e compositore scomparso Luca Flores. Sul palco musicisti che con Flores hanno suonato e che lo hanno conosciuto, come Fabio Morgera, Pietro Tonolo, Bruno Marini, Mauro Avanzini, Antonio Zambrini, Francesco Maccianti Guido Zorn, Lello Pareti , Piero Borri, Alessandro Fabbri, insieme allo stesso Di Puccio.

Martedì 8 settembre, alle ore 21, si comincia con un’accesa gara di Poetry Slam. “La poesia è un atto solitario? I poeti stanno chiusi in una torre d’avorio? Non tutti. Lo slam poetry – spiega Rosaria Lo Russo – il gioco a premi che sta coinvolgendo molte piazze d’Italia e del mondo, ci fa guardare alla poesia come un azione collettiva e sociale, divertente e arrabbiata, attraverso la messa in scena dei corpi e delle voci di poeti e poete diversissimi fra loro“.

Il maestro di cerimonia, conduttore della gara della serata di martedì sarà Paolo Gentiluomo da Milano, mentre sul palco si sfideranno, a suon di versi, i poeti: Antonella Bukovaz (Udine), Caterina Davinio (Roma), Ulisse Fiolo (Treviso), Sergio Garau (Torino), Alessandra Greco (Firenze), Bernardo Pacini (Firenze), Jonida Prifti (Roma), Alessandro Raveggi (Firenze) e Lidia Raviello (Roma). Sarà una severissima giuria popolare, estratta dal pubblico, a decretare il vincitore. Forma d’espressione individuale già diffusa in Europa e in America, e che si sta diffondendo sempre di più anche nel nostro paese, lo Slam come dice il poeta Lello Voce è “…arte della performance, è poesia sonora, vocale; lungi dall’essere un salto oltre la ‘critica’, lo Slam è un invito pressante al pubblico a farsi esso stesso critica viva e dinamica”.

La fierezza della femmina è il titolo della serata di mercoledì 9 (ore 21). Rosaria Lo Russo, poetessa, performer e attrice fiorentina, ci presenterà una serata di poesia e musica in omaggio a Anne Sexton – poetessa e scrittrice americana – accompagnata da Alessandro Querci di Mondo Candido al contrabbasso. A seguire, dalle 22, guest artist di questo mercoledì Dre Love & The Band, un’esperienza autentica di Funk, Soul e Hip Hop. Andre Halyard nasce nel Queens, a New York, e fin da giovanissimo è affascinato dalla hip hop culture in tutte le sue forme: dal rap al beatmaking, dalla breakdance al turntablism. Da quindici anni vive e lavora in Italia, dove ha partecipato a numerosi progetti con Radical Stuff, Neffa e i Messaggeri della Dopa, DJ Enzo, Gopher D, Reggae National Tickets, Irene Grandi, Almamegretta e Alex Britti. Nella sua musica l’improvvisazione acid-rap si fonde con groove funky e una voce intima e soul, in un tributo alla tradizione afroamericana che si mescola alle sperimentazioni elettroniche europee. La band, espressione della sua visione musicale, è composta da Drumz aka Diego Leporatti alla batteria, Gianni Pantaleo alle tastiere, Lorenzo Forti al basso e Guido Masi alla chitarra. Il loro repertorio si muove tra brani originali e omaggi ai grandi artisti afroamericani.

Giovedì 10 settembre è la volta di For those I Never Knew. Tributo a Luca Flores (1956-1995). Sono trascorsi venti anni dalla scomparsa di Luca Flores, importante musicista jazz fiorentino alla cui vita e opera Walter Veltroni ha dedicato nel 2003 un bellissimo libro, Il Disco del Mondo, e da cui è stato tratto il film di Riccardo Milani Piano Solo (2007), interpretato da Kim Rossi Stuart. Nonostante la prematura scomparsa all’età di trentotto anni, avvenuta il 29 marzo 1995, Luca Flores è considerato uno dei più importanti pianisti e compositori jazz italiani e nella sua carriera ha intrecciato collaborazioni con grandissimi artisti fra cui Chet Baker, Dave Holland, Lee Konitz, Dave Murray. Le ragioni di questo tributo sono legate alla figura di riferimento che Luca Flores, con il suo talento e la sua straordinaria espressività, ha rappresentato per la vita musicale di Firenze nel corso degli anni ‘80 e ’90. Fu guida per tutti i giovani musicisti che si apprestavano a diventare professionisti e anche per tanti appassionati. Flores svolgeva anche un’intensa attività didattica presso il CAM_Centro Attività Musicali di Firenze e Siena Jazz. Fra i suoi allievi, ricordiamo Stefano Bollani e Alessandro Galati. La sua musica è stata definita dal critico Thom Jurek “il meglio del jazz creativo nella musica italiana”.

For those I Never Knew si apre, alle ore 21, con una presentazione della vita artistica di Luca Flores, a cura di Alessandro Di Puccio. A seguire il concerto-tributo con Pietro Tonolo al sax tenore, Bruno Marini al sax baritono e clarinetto basso, Mauro Avanzini al sax contralto e flauto, Fabio Morgera alla tromba, Alessandro Di Puccio al vibrafono, Antonio Zambrini e Francesco Maccianti al pianoforte, Guido Zorn e Lello Pareti al contrabbasso, Piero Borri e Alessandro Fabbri alla batteria.

Settembre in piazza della Passera si conclude venerdì 11 settembre con CAMCON, serata-concerto con i migliori giovani allievi del corso di jazz del Conservatorio L. Cherubini e del CAM di Firenze, accompagnati da alcuni ospiti illustri. Frutto di un’importante collaborazione tra le due prestigiose scuole fiorentine, il progetto, inaugurato lo scorso anno, è una nuova produzione musicale che vede un gruppo di giovani musicisti toscani confrontarsi con un repertorio di classici del jazz, dando allo stesso tempo significative prove in ambito compositivo e di arrangiamento. 

——–

Tutte le serate sono ad ingresso gratuito e hanno inizio alle ore 21.00.

Per informazioni: associazione.inpiazza@gmail.com – tel. 329 0058885

www.4leoni.comfacebook.com/piazzadellapassera

LEAVE A REPLY