Letter to a man

0
209
Condividi TeatriOnline sui Social Network

dai Diari di Vaslav Nijinski

ideato e diretto da Robert Wilson

con Mikhail Baryshnikov

tratto dai Diari di Vaslav Nijinsky
spettacolo in lingua inglese e russa con sottotitoli in italiano

un progetto di Change Performing Arts e Baryshnikov Productions

produzione esecutiva CRT Milano

commissionato da Spoleto Festival dei 2Mondi, BAM for the 2016 Next Wave Festival, Cal Performances University of California Berkeley, Center for the Art of Performance at UCLA in collaborazione con Teatros del Canal MadridLes Ballets de Monte-Carlo/ Monaco Dance Forum

———–

All theatre is dance” (tutto il teatro è danza) ha dichiarato una volta Bob Wilson definendo gli ampi confini del suo lavoro.

E Letter to a man (il titolo proviene da una lettera di Nijinsky a Diaghilev), il suo nuovo spettacolo che ha debuttato lo scorso luglio al Festival dei 2Mondi di Spoleto, pur non essendo uno spettacolo di taglio coreografico riguarda da vicino il mondo della danza. La sua costruzione drammaturgica è infatti ispirata ai Diari di Vaslav Nijinsky, testimonianza della progressiva e inesorabile discesa nella follia di quello che fu considerato l’incarnazione stessa della danza degli inizi del ‘900, “l’angelo che litigò con dio”, come è stato definito, e probabilmente il più grande ballerino di tutti i tempi, ineguagliato interprete dei Balletti Russi di Sergej Diaghilev. Scritti nel 1919 e dati alle stampe nel 1936 dalla moglie Ramona che ne aveva proposto una versione molto edulcorata, priva dei brani più crudi relativi alla sessualità di Nijinsky, considerati scandalosi, I diari sono stati pubblicati nella loro interezza solo in anni recenti (Adelphi, 2006).

A portare Nijinsky sulla scena in Letter to a man è un altro grandissimo danzatore, Mikhail Baryshnikov, alla seconda collaborazione artistica con Robert Wilson dopo il successo, lo scorso anno, di The Old Woman.

Baryshnikov tuttavia non propone qui coreografie di Nijinsky. Piuttosto, unico interprete in scena, ne disegna il ritratto attraverso i diversi piani dello spettacolo in cui il movimento, il testo, le luci, la scena, la musica, tutto confluisce in egual misura in una creazione globale, secondo l’inconfondibile stile del regista americano.

Non è [un lavoro] su Nijinsky,” spiega Baryshnikov “E’ su questo straordinario libro, miracolosamente scritto in sei mesi. E’ su un uomo tormentato e sul suo rapporto con la sua arte, con dio, con la famiglia, con le questioni morali. Non abbiamo voluto ricreare nulla… Si tratta di una strana storia parallela sulla voce di questa persona, non sulla sua fisicità“.

Ad accompagnare le sue azioni, una colonna sonora ininterrotta fatta di voci e rumori nei quali a tratti interviene lo stesso Baryshnikov ripetendo ossessivamente brani dei Diari.

———-

11 – 20 settembre 2015

da martedì a venerdì ore 20.30, sabato ore 19.30, domenica ore 16

———-

Teatro dell’Arte

Viale Alemagna, 6 – 20121 Milano

tram 1, 19, 27 – autobus 57, 61, 94

M 1 e 2 Cadorna Triennale

BikeMi 33

la sede è accessibile alle persone con disabilità
———-

Orari spettacoli

20.30

Biglietti

#gold

35,00 / € 32,00 intero, € 32,00 / € 30,00 convenzionati, € 24,50 / € 22,50  / € 17,50

———-

Biglietteria Teatro dell’Arte

tel. 02 72434258

biglietteria@crtmilano.it

orari di apertura: dal martedì al venerdì 14.30>18.30

sabato 11>15

———-

Biglietti on line

http://www.midaticket.it

con l’opzione print-at-home si ha diritto a presentarsi in teatro all’orario d’inizio dello spettacolo

———-

Info

www.crt.it

www.triennale.org

facebook.com/CRTMilano

twitter.com/CRT_milano

 

LEAVE A REPLY