Lo straordinario talento del Ballet Junior de Genève (BJG) per Musikè Giovani

0
391
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Monger@Gregory Batardon RID

Sabato 24 ottobre alle 21.00, sul palco dell’Auditorium Comunale “Andrea Ferrari” di Camposampiero (PD), si esibiranno i giovani ballerini del Ballet Junior de Genève (BJG). Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito www.rassegnamusike.it

È dedicato alla danza l’appuntamento padovano con Musikè giovani, sezione dedicata ai giovani talenti di Musikè, la rassegna di musica, teatro e danza promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Sabato 24 ottobre alle 21.00, sul palco dell’Auditorium Comunale “Andrea Ferrari” di Camposampiero (PD), si esibiranno gli oltre trenta ballerini che compongono il Ballet Junior de Genève (BJG), compagnia di fama internazionale, i cui giovani allievi, grazie al lavoro dei direttori artistici Patrice Delay e Sean Wood, ogni anno si uniscono alle migliori compagnie di danza europee.

La preparazione tecnica, le prove e il ritmo di lavoro quotidiano sono gli stessi di una compagnia professionale. Questo approcciopermette ai giovani danzatori di affrontare, senza difficoltà, i lavori di alcuni tra i più interessanti e rinomati coreografi dell’ultima generazione.

Clash--«Gregory Batardon_per webPer Musikè, il Ballet Junior de Genève (BJG) eseguirà tre coreografie tra le più significative del suo vasto repertorio. A cominciare da Six Years Later dell’israelano Roy Assaf, vincitore del Premio Danza&Danza della critica italiana come miglior coreografo del 2014. Coreografato sulla celeberrima Sonata per pianoforte “Chiaro di luna” di Ludwig van Beethoven, è il ritratto di un rapporto amoroso, che sulla base di un contatto fisico costante ricrea l’intimità tra due persone che condividono la stessa vulnerabilità.

Affronta il tema universale dei rapporti tra maschile e femminile la seconda coreografia, Clash di Patrick Delcroix; Il lavoro, di notevole difficoltà tecnica, esplora la fluidità del movimento attraverso vivide sequenze, che richiedono ai ballerini un elevato livello di esecuzione.

Monger@Gregory Batardon 2 RIDChiuderà la serata Monger di Barak Marshall, lavoro accolto con entusiasmo da pubblico e stampa per la sua capacità di intrecciare il linguaggio della danza con quello del teatro. Le scene di danza si alternano a veri e propri quadri di vita quotidiana, giocati col linguaggio del mimo, del teatro di figura e del cabaret, per raccontare la rabbia, la seduzione, la paura, l’amore. Con una struttura drammaturgica che trae ispirazione da Le serve di Jean Genet e da Gosford Park di Robert Altman, il lavoro di Marshall è uno spettacolo corale, pieno di ritmo, ironico, divertente e nel contempo impegnato ad affrontare un tema serissimo: il rapporto dell’uomo con il potere.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito www.rassegnamusike.it

Per informazioni:
www.rassegnamusike.it
tel. 345 7154654

Previous articleTeatro Metropolitan (Piombino): ecco la nuova stagione 2015/2016
Next articleIeri è un altro giorno!
Giuseppe Bettiol
Laureato in filosofia all’Università degli Studi di Padova, collaboro con lo Studio Pierrepi dal 2009. Appassionato comunicazione digitale, ho concentrato la mia attività nelle Digital PR, nei rapporti con le testate e gli influencer digitali, seguendo corsi ad hoc. Dal 2010 sono consulente di media & public relation per la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Padova, per il Circolo Tralaltro Arcigay Padova e la Società Dante Alighieri sezione di Padova. Dal 2011 sono responsabile dell’ufficio stampa della manifestazione “Padova Pride Village” alla Fiera di Padova. Attualmente sto inoltre collaborando con il Teatro de LiNUTILE di Padova, il Padova Pride 2018 e l’agenzia di comunicazione We-Go.

LEAVE A REPLY