“Scherzi e Lamenti” – Venetian Centre for Baroque Music

0
339
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoNuova sala, nuovo repertorio.

Dopo l’interessante concerto inaugurale al Teatrino di Palazzo Grassi, la stagione invernale del Venetian Centre for Baroque Music si è trasferita negli ambienti delle Sale Apollinee della Fenice, con un concerto dal titolo “Scherzi e Lamenti”.

Grazie al costante apporto dell’orchestra “Il Pomo d’Oro”, il Centro, oramai conosciuto per il lavoro approfondito nell’ambito della ricerca e dell’interpretazione barocca, ha nuovamente portato un gran numero di persone ad apprezzare e confrontarsi con un repertorio che, solo ora, inizia ad emergere dalla nicchia musicale in cui era stato riposto nelle ultime decadi.

Il concerto del 29 Novembre è stato, dunque, un ulteriore tassello, per affezionati e no, nel mosaico del repertorio seicentesco, poco esibito nelle sale da concerto.

I valenti musicisti Rodney Prada (viola da gamba), Riccardo Coelati (violone) e Simone Vallerotonda (tiorba e chitarra barocca), diretti e accompagnati dal giovane Maxim Emelyanychev (clavicembalo e cornetto), hanno splendidamente accompagnato la brava soprano Francesca Aspromonte (un gradito ritorno in terra veneziana), in un percorso che, con perizia, dosava arie e brani strumentali, alternando, come il titolo della serata suggeriva, titoli più gioiosi a composizioni più gemebonde.

Oltre a nomi come Francesco Cavalli (particolare l’efficacia interpretativa e recitativa del soprano in “Affè, mi fate ridere!” dal Xerses) e Giovanni Felice Sances (“Usurpator tiranno”), il programma si è, a più riprese, accostato a Claudio Monteverdi, nel giorno esatto del 372esimo anniversario della morte.

In particolare, le esecuzioni di alcuni degli scherzi musicali del compositore cremonese (fra gli altri “Quel sguardo sdegnosetto”, poi replicato come bis) hanno condotto il numeroso pubblico accorso ad un crescendo di applausi ed esclamazioni di approvazione.

Meritevoli di nota anche le interpretazioni strumentali nel “Capritio sopra otto figure” di Giovanni Battista Vitali e in particolare, del tiorbista Vallerotonda nella “Seconda Toccata e Sfessania” di Johannes Kapsberger

Prossimo appuntamento Mercoledì 9 Dicembre, ore 20.30, al Teatro Malibran, con un programma dal titolo “Arie Napoletane”, sotto la direzione sempre di Emelyanychev e con solista, il controtenore Max Emanuel Cencic.

————-

Sale Apollinee – Teatro la Fenice

29 Novembre 2015, ore 20.30

Soprano – Francesca Aspramonte

Orchestra “Il Pomo d’Oro

Direzione – Maxim Emelyanychev

Venetian Centre of Baroque Music

LEAVE A REPLY