Marc Bouchkov in concerto

Il 30 marzo e 1° aprile al Teatro Dal Verme, Milano

0
168
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Nikolaj Lund

Schumann, Ouverture, scherzo e finale, op. 52 
Paganini, Concerto per violino e orchestra n. 2, op. 7 
Voříšek, Sinfonia in Re maggiore, op. 23

Direttore: Charles Olivieri-Munroe

Violino: Marc Bouchkov

Orchestra I Pomeriggi Musicali

Concerto in collaborazione con Gioventù Musicale d’Italia

——

Dalla ferma esperienza di Sergej Krylov all’impeto giovanile di Marc Bouchkov, sul palco di via San Giovanni sul Muro risuona ancora una volta la grande musica per violino! Classe 1991, nato a Montpellier, Bouchkov è per la seconda volta ospite di una Stagione sinfonica dei Pomeriggi Musicali, e per questo appuntamento sceglie di eseguire il Concerto per violino e orchestra n. 2 di Niccolò Paganini, brano nel quale il grande violinista genovese preferì frenare il virtuosismo a favore di una maggiore specificità della melodia.

Sul podio: il M° Charles Olivieri-Munroe; nato a Malta e formatosi tra il Canada e la Repubblica Ceca, Olivieri-Munroe vanta una carriera che lo ha portato a collaborare con alcune delle migliori orchestre internazionali. Alla guida dei Pomeriggi Musicali proporrà quello che Schumann amava considerare il suo secondo lavoro sinfonico, l’Overture, scherzo e finale, op. 52, e la Sinfonia in Re maggiore di Jan Václav Voříšek.

——–

Giovedì 30 marzo ore 21.00

Sabato 1 aprile ore 17.00

Generale aperta – giovedì 30 marzo, ore 10.00

——–

CHARLES OLIVIERI-MUNROE, direttore

Charles Olivieri-Munroe è stato nominato recentemente Direttore Artisti e Direttore Principale della Krakow Philharmonic Orchestra (dal 2015). È Direttore principale della Philharmonie Sudwestfalen in Germania (dal 2011) è ricopre il ruolo di Direttore Principale Onorario alla North Czech Philharmonic Orchestra con la quale intrattiene collaborazioni dal 1997. Charles Olivieri-Munroe è riconosciuto dalla stampa internazionale per la sua ricerca e interpretazione del repertorio slavo e la passione per la purezza del suono orchestrale. Dalla città dove risiede, Praga, la carriera lo ha portato attraverso I Cinque Continenti, dove è apparso alla guida delle migliori orchestra, tra cui: la Israel Philharmonic, la Czech Philharmonic, la Montreal Symphony Orchestra, la Sydney Symphony Orchestra, la Berlin Deutsches Symphonie-Orchester, la St. Petersburg Philharmonic, la National Philharmonic of Russia, la Munich Symphony Orchestra, la Stuttgart Philharmonic, la Danish Radio Symphony, la Budapest Symphony, la Warsaw Philharmonic, la Royal Brussels Philharmonic, la Toronto Symphony Orchestra, la Kyoto Symphony Orchestra, la Bangkok Symphony Orchestra e molte altre. Per quanto riguarda i teatri d’opera, Charles Olivieri-Munroe ha diretto alla Falstaff di Verdi alla Berlin Komische Oper, Don Giovanni di Mozart a Milano, Aida al Festival del Lago di Como, al Teatro la Fenice di Venezia e alla Warsaw Chamber Opera, dove ha direetto una nuova produzione del Rake’s Progress di Stravinsky’s. La prossima stagione lo vedrà dirigere la prima Ceca di Czech Genoveva di Robert Schumann presso il Dvořák National Theatre.

——–

MARC BOUCHKOV, violino

Marc Bouchkov è nato nel 1991 a Montpellier, in una famiglia di musicisti. Numerosi i premi e i riconoscimenti internazionali, fra cui: il Primo Premio al Concorso Internazionale di Violino Henri Koch, e il 2010 Young Concert Artists European Auditions European di Lipsia. Sempre nel 2010, ha ricevuto il primo premio per violino, con lode speciale della giuria, al CNSM di Parigi, e nel 2011 il prestigioso Premio Ebel. Nel 2012 è stato finalista al Queen Elizabeth Competition di Bruxelles, prima di guadagnarsi il Primo Premio al Concorso Internazionale Musicale di Montreal. Come solista, ha avuto una carriera in rapida ascesa, partecipando a numerosi recital ad Amburgo, al Festival di Montpellier, al Théâtre de la Ville di Parigi, a Montreal, e all’ International Musical Olympus Festival di San Pietroburgo. Sono inoltre, numerose le sue collaborazioni con orchestre fra cui: l’Orchestre National de Belgique, la Royal Philarmonic Orchestra de Liège, la Filharmonia Lodz, la Moscow Philharmonic Orchestra e la Staatsorchester Rheinische Philharmonie. Come musicista impegnato in repertori cameristici, Marc Bouchkov in questa stagione tarrà i suoi primi concerti – insieme Kian Soltani e Adrien Boisseau –presso Kölner Philharmonie, la Beethovenhaus Bonn e l’Auditorium du Louvre. Altri ingaggi includono performances presso la Tonhalle di Zurigo, il Schubertiade Schwarzenberg e press il festival di Heidelberger Frühling. Marc Bouchkov suona un violino Jean Baptiste Vuillaume, del 1865, che gli ha generosamente fornito Brigitte Feldtmann (Fondation Feldtmann Kulturell).

——–

ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI

27 novembre 1945, ore 17.30: al Teatro Nuovo di Milano debutta l’Orchestra I Pomeriggi Musicali. In programma Mozart e Beethoven accostati a Stravinskij e Prokov’ev. Nell’immediato dopoguerra, nel pieno fervore della ricostruzione, l’impresario teatrale Remigio Paone e il critico musicale Ferdinando Ballo lanciano la nuova formazione con un progetto di straordinaria attualità: dare alla città un’orchestra da camera con un solido repertorio classico ed una specifica vocazione alla contemporaneità. Il successo è immediato e l’Orchestra contribuisce notevolmente alla divulgazione popolare in Italia della musica dei grandi del Novecento censurati durante la dittatura fascista: Stravinskij, Hindemith, Webern, Berg, Poulenc, Honegger, Copland, Yves, Français. I Pomeriggi Musicali avviano, inoltre, una tenace attività di commissione musicale. Per I Pomeriggi compongono infatti Casella, Dallapiccola, Ghedini, Gian Francesco Malipiero, Pizzetti, Respighi. Questa scelta programmatica si consolida nel rapporto con i compositori delle leve successive: Berio, Bussotti, Luciano Chailly, Clementi, Donatoni, Hazon, Maderna, Mannino, Manzoni, Margola, Pennisi, Testi, Tutino, Panni, Fedele, Francesconi, Vacchi. Oggi I Pomeriggi Musicali contano su un vastissimo repertorio che include i capolavori del Barocco, del Classicismo e del primo Romanticismo insieme alla gran parte della musica moderna e contemporanea. Compositori come Honegger e Hindemith, Pizzetti, Dallapiccola, Petrassi e Penderecki hanno diretto la loro musica sul podio de I Pomeriggi Musicali, che diventano trampolino di lancio verso la celebrità di tanti giovani artisti. È il caso di Claudio Abbado, Leonard Bernstein, Rudolf Buchbinder, Pierre Boulez, Michele Campanella, Giuliano Carmignola, Aldo Ceccato, Sergiu Celibidache, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Gianandrea Gavazzeni, Carlo Maria Giulini, Vittorio Gui, Natalia Gutman, Angela Hewitt, Leonidas Kavakos, Alexander Lonquich, Alexander Igor Markevitch, Zubin Mehta, Carl Melles, Riccardo Muti, Hermann Scherchen, Thomas Schippers, Christian Thielemann, Salvatore Accardo, Antonio Ballista, Arturo Benedetti Michelangeli, Bruno Canino, Dino Ciani, Severino Gazzelloni, Franco Gulli, Nikita Magaloff, Nathan Milstein, Massimo Quarta, Maurizio Pollini, Corrado Rovaris e Uto Ughi. Tra i Direttori stabili dell’Orchestra, ricordiamo Nino Sanzogno, il primo, Gianluigi Gelmetti, Giampiero Taverna e Othmar Maga, per arrivare ai milanesi Daniele Gatti, Antonello Manacorda e Aldo Ceccato, direttore emerito dell’Orchestra. In alcuni casi, la direzione musicale è stata affiancata da una direzione artistica; in questa veste: Italo Gomez, Carlo Majer, Marcello Panni, Marco Tutino, Gianni Tangucci, Ivan Fedele, Massimo Collarini e, da luglio 2013, Maurizio Salerno. L’Orchestra I Pomeriggi Musicali svolge la sua attività principalmente a Milano e nelle città lombarde, mentre in autunno contribuisce alle stagioni liriche dei Teatri di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Mantova, Pavia – all’interno del cartellone di Opera Lombardia – e alla stagione di balletto del Teatro alla Scala. Invitata nelle principali stagioni sinfoniche italiane, l’Orchestra è ospite anche delle maggiori sale da concerto europee. I Pomeriggi Musicali sono una Fondazione costituita dalla Regione Lombardia, dal Comune di Milano, dalla Provincia di Milano, e da enti privati, riconosciuta dallo Stato come istituzione concertistico-orchestrale e dalla Regione Lombardia come ente primario di produzione musicale. Sede dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali è lo storico Teatro Dal Verme, sito nel cuore di Milano.

——–

Biglietti

Interi Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla 30): € 20,00 + prevendita

Secondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla 40): € 14,50 + prevendita

Balconata: € 11,00 + prevendita

Ridotti* Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla fila 30) € 16,00 + prevendita

Secondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla fila 40) € 12,50 + prevendita

Balconata € 9,00 + prevendita

——–

Biglietti per I Pomeriggi in anteprima

Interi € 10,00 + prevendita

Ridotti* € 8,00 + prevendita

* (Giovani under 26; Anziani over 60; Cral; Associazioni Culturali; Biblioteche; Gruppi; Scuole e Università)

——–

Biglietteria TicketOne – Teatro Dal Verme

Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano

Tel. 02 87.905.201

dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00

www.ipomeriggi.it

www.ipomeriggi.it/facebook

www.ipomeriggi.it/youtube

Biglietteria on-line: www.ticketone.it

LEAVE A REPLY