Santa Cecilia, Valčuha e Bozhanov per Beethoven e Bartók

Il debutto del pianista bulgaro e le iniziative realizzate per la Giornata Nazionale della Salute della Donna. Il 20, 21, 22 aprile a Roma

0
199
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Il ritorno del maestro Juraj Valčuha e il debutto romano del pianista Evgeni Bozhanov al centro del nuovo appuntamento della stagione sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Auditorium Parco della Musica Sala Santa Cecilia giovedì 20 aprile ore 19.30 – venerdì 21 ore 20.30 – sabato 22 aprile ore 18) con un programma dedicato a Beethoven e Bartók.

Bozhanov, pianista bulgaro, classe 1984, ha cominciato una vivace carriera internazionale dieci anni or sono nelle stagioni concertistiche di tutto il mondo, da Vienna a Milano, da Tokyo a Dusseldorf dopo aver conquistato numerosi premi, dallo Sviatoslav Richter di Mosca, al Queen Elisabeth di Bruxelles fino al quarto posto del Concorso Chopin di Varsavia del 2010. Un pianista dalla personalità spumeggiante e vivace che, pronto per i prossimi impegni della stagione che lo porteranno a Monaco di Baviera, a Varsavia, a Lisbona, debutta a Roma con il Concerto per pianoforte n. 3 di Beethoven del 1803 imponente e rivoluzionario brano che aveva stupito il pubblico viennese nel dialogo fra solista e Orchestra.

A dirigere sul podio di Santa Cecilia l’Orchestra capitolina torna Juraj Valčuha, già Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai dal 2009 all’autunno 2016 e da poco transitato al Teatro di San Carlo Napoli, come Direttore Principale dell’Orchestra e Coro, ma anche Primo direttore ospite della Konzerthaus Orchester di Berlino. Classe 1976, nato a Bratislava, Valčuha è ben noto al pubblico romano, ma alterna a una brillante carriera internazionale la carriera italiana cominciata nel 2006 e si è già esibito con Bozhanov.

A Valčuha sarà affidata anche la direzione delle dolci e tenere atmosfere del Canto Elegiaco di Beethoven in apertura per concludere con il Concerto per orchestra di Bartók, scritto nel 1943 durante gli anni dell’esilio americano in cui sembra abbandonare la consueta dissonanza per cercare di venire incontro ai gusti del pubblico.

L’appuntamento settimanale di Santa Cecilia si lega agli eventi legati alla Giornata Nazionale della Salute della Donna che include un convegno di musicoterapia e iniziative di screening del seno all’insegna dello slogan “La Musica fa Bene”.

Le iniziative si svolgeranno dal 20 al 23 aprile presso l’Auditorium Parco della Musica e promosse dall’Accademia di Santa Cecilia e dalla Komen Italia, saranno volte alla realizzazione di progetti per la prevenzione del cancro al seno.

Santa Cecilia partecipa attivamente mettendo in vendita i biglietti della Galleria 8, retrostante all’Orchestra, con l’incasso interamente devoluto alla Susan G. Komen Italia.

Il 22 e 23 aprile appuntamento al Teatro Studio con la seconda edizione del Convegno dedicato alla Musicoterapia, “La musicoterapia in Italia e le sue applicazioni in oncologia” in collaborazione con il Polo di Scienze della Salute della Donna e del Bambino della Fondazione Universitaria Policlinico Agostino Gemelli. L’iscrizione al convegno può essere effettuata gratuitamente sul sito www.santacecilia.it/komenitalia dove è possibile consultare il programma delle due giornate.

Le iniziative culmineranno con Giornata Nazionale della Salute della Donna di sabato 22 aprile quando la Susan G. Komen Italia offrirà una giornata di screening gratuiti del seno e di altre patologie oncologiche alle donne che si presenteranno all’Auditorium dalle 10.30 e fino a esaurimento dei posti a disposizione, stessa opportunità domenica 23 aprile dalle 10.30 alle 13.30. Biglietti da 19 a 52 Euro, info su www.santacecilia.it.

LEAVE A REPLY