Match it Now: secondo appuntamento con la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali emopoietiche

0
156
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Dal 16 al 23 settembre tante le iniziative di informazione per reclutare nuovi donatori in 180 piazze italiane.

Si rinnova il tradizionale appuntamento di settembre a favore della donazione delle cellule staminali emopoietiche. Dal 16 al 23, in oltre 180 piazze italiane, volontari, medici e personale sanitario saranno a disposizione dei cittadini per fornire tutte le informazioni e gli approfondimenti sulla donazione, con tanti eventi su tutto il territorio nazionale. Anche quest’anno sarà possibile accedere in piazza al primo screening necessario per iscriversi al Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): è sufficiente sottoporsi al prelievo di un campione salivare o venoso e ad un questionario anamnestico. Si possono iscrivere al Registro IBMDR i giovani con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Tra le principali novità dell’edizione 2017, si segnala il sostegno della Lega Serie A che consentirà la promozione di “Match it now” sui campi di calcio in occasione della V Giornata del Campionato (19 e 20 settembre): lo spot ufficiale della Settimana sarà proiettato sui maxi-schermi degli stadi ed esposto uno striscione prima del fischio di inizio delle partite.

La Settimana “Match it now” è stata presentata al Palazzo delle Federazioni Sportive Italiane: il mondo dello sport è da sempre al fianco della promozione della donazione, come testimoniano le parole di Giuseppe Abbagnale, presidente della Federazione Italiana Canottaggio: «Un impegno che la Federazione ha voluto sostenere affiancando i diversi Enti e Strutture che, giornalmente, si dedicano alla ricerca e al reclutamento di nuovi donatori». E ricorda che «dal canottaggio arriva anche la testimonial Alessandra Patelli che, oltre ad essere stata olimpionica ai Giochi di Rio 2016, è anche una straordinaria studentessa di medicina entrata a far parte del mondo delle donazioni».

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Walter Ricciardi, sottolinea come queste tipologie di manifestazioni «rivestano un ruolo fondamentale per far sentire i cittadini pienamente coinvolti nella difesa del diritto alla salute, poiché compiendo un semplice gesto, potrebbero diventare una speranza in più per quei pazienti che attendono con ansia una risposta alla richiesta di salute».

Al messaggio del Presidente si associano le parole del Direttore Generale dell’Istituto Superiore di Sanità, Angelo Del Favero che ricorda l’importanza dell’impegno istituzionale nel favorire la corretta informazione e la sensibilizzazione dei cittadini sui temi della salute. «Donazione vuol dire anche salute, tutela della stessa e costruzione di un senso di comunità». E rinnova l’invito «ai giovani ad informarsi e ad andare nelle piazze coinvolte per dare la proprio adesione».

Il Direttore Generale del Centro Nazionale Trapianti, Alessandro Nanni Costa, ricorda che «l’Italia è uno dei pochi paesi al mondo dove la ricerca di un donatore volontario adulto, nonché il trapianto di cellule staminali emopoietiche, sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale e totalmente gratuiti per i pazienti». Tuttavia, afferma che «dobbiamo ancora lavorare molto, sul fronte dell’organizzazione e della promozione, per incrementare il numero dei donatori iscritti al Registro IBMDR, circa 380.000, e per dare un maggiore apporto dell’Italia al Registro mondiale».

Il Direttore Generale del Centro Nazionale Sangue, Giancarlo Maria Liumbruno, dichiara che «il Sistema Trasfusionale nazionale, attraverso l’alleanza e il lavoro programmato delle Istituzioni, della rete delle strutture trasfusionali e del volontariato del sangue (AVIS, CROCE ROSSA, FIDAS, FRARES) sostiene, con impegno quotidiano, la donazione volontaria, periodica, responsabile, anonima e gratuita. I donatori di sangue, nel nostro Paese, sono più di 1.700.000 e molti di loro sono anche donatori di midollo osseo. Il loro contributo al nostro Sistema sanitario è prezioso. Senza di loro non sarebbe possibile curare tutti i pazienti che necessitano di terapie trasfusionali o di trapianti di cellule staminali emopoietiche».

Il Direttore del Registro IBMDR, Nicoletta Sacchi, ricordando che “Match it now” partecipa anche al World Marrow Donor Day, in programma il 16 settembre in oltre 50 Paesi, rileva che «in Italia oltre il 40% dei trapianti di midollo osseo viene eseguito grazie al dono di un perfetto sconosciuto e che nel mondo ci sono oltre 30 milioni di donatori. Questa cifra, però, non basta perché è solo attraverso l’inserimento di tanti nuovi donatori giovani che si può garantire a tutti i pazienti di trovare il “match” giusto». La Presidente del GITMO (Gruppo Italiano per il Trapianto di Midollo Osseo), Francesca Bonifazi, richiama l’attenzione sull’efficacia del trapianto da donatore non familiare che «rimane ancora oggi, spesso, l’unica terapia in grado di guarire molte malattie neoplastiche e non del midollo osseo». E conferma che «i risultati clinici, seppur non scevri da rischi di morbilità e mortalità, sono in continuo miglioramento; la comunità scientifica trapiantologica italiana ha dato e dà importanti contributi, riconosciuti a livello internazionale, a questo avanzamento».

«Con “Match it now”- spiega la Presidente di ADMO, Rita Malavolta– ci siamo dati come obiettivo quello di lavorare sulla divulgazione trasversale del messaggio relativo all’importanza della donazione del midollo osseo». E continua: «La partita più importante, però, si gioca ogni giorno nelle scuole, nelle università, e in tutti i luoghi dove possiamo incontrare i giovani grazie all’impegno dei tanti volontari e sanitari che prestano il loro tempo al fine di portare il numero maggiore di persone verso una scelta consapevole quale l’iscrizione al Registro IBMDR». Alle parole della Presidente Malavolta fanno eco quelle di Alice Vendramin Bandiera, Vicepresidente ADOCES: «La vera sfida oggi, in un momento di profonda trasformazione sociale sta nell’individuare canali di comunicazione efficaci per raggiungere i giovani e avvicinarli alla cultura del dono. La Federazione svolge un lavoro di sensibilizzazione capillare e costante, a cominciare dalle scuole». E conclude con l’auspicio che «l’invito alla donazione entri a far parte della nostra quotidianità e non si esaurisca con questa Settimana».

Sul sito www.matchitnow.it è presente l’elenco completo degli eventi in programma e delle piazze italiane coinvolte. Inoltre saranno disponibili sul sito anche i dati aggiornati in tempo reale dei donatori che si iscriveranno al Registro nell’arco della settimana.

 

LEAVE A REPLY