“Immacolata concezione”, poesia e tradizione siciliana

Andato in scena al Teatro bellARTE di Torino

0
441
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Dalila Romeo

Vuccirìa Teatro porta al Teatro bellARTE di Torino la nuova creazione “Immacolata concezione” con la drammaturgia e la regia di Joele Anstasi, da un’idea di Federica Carruba Toscano. Spettacolo, già vincitore della V edizione di Teatri del Sacro, ci porta nella Sicilia degli anni’40, laddove la giovane Concetta viene barattata dal padre caduto in disgrazia con una capra gravida e affidata a Donna Anna, tenutaria del bordello del paese. La sua natura ingenua e profondamente umana fa invaghire di lei Don Saro, il signore del paese, costringendo anche il prete ad intervenire per cercare di difenderla dall’angheria egoistica del signorotto locale. Lo spettacolo avvince il pubblico torinese fin dall’inizio con l’entrata dalla platea del gruppo di pastori che portano in scena la nuda Concetta, scambiata dal padre in un turpe mercimonio. Il testo in siciliano non ci distanzia per nulla dall’intreccio della drammaturgia e anzi rende più empatica ed emotiva la relazione fra i personaggi, in scontri di forte tensione e passione tipici di una Sicilia profondamente umana. Ironia e perfetto spirito grottesco affiorano anche nelle scene corali, magistralmente orchestrate con oggetti sonorizzanti, che siano ventagli o quotidiani sventagliati. La drammaturgia di Anastasi è chiara e precisa, segue l’innesco di conflitti umani universali, fatti di amore, gelosia, violenza e giustizia, splendidamente incarnati dai quattro attori in scena, alle prese spesso con diversi ruoli. Uno spettacolo che si avvale di un corpo scenografico composto da una pedana girevole bordello e balcone, stanza e ricettaccolo sacro, nella visione tipica del teatro segnico di Vuccirìa Teatro dedita alla trasformazione dei segni e all’evocazione poetica. Il testo di Anastasi raggiunge vette poetiche di rara intensità, utilizzando il dialetto come strumento emotivo ed espressivo potentissimo. Spettacolo di elevatissima qualità, precisione e poesia a cavallo fra performance, teatro e tradizione; dieci minuti di applausi più che meritati.

———

IMMACOLATA CONCEZIONE

drammaturgia e regia  Joele Anastasi
con  Federica Carruba Toscano,  Alessandro Lui,  Enrico Sortino,  Joele Anastasi, Ivano Picciallo 

da un’idea di Federica Carruba Toscano

scene e costumi  Giulio Villaggio 
light designer  Martin Palma
musica originale “scurannu agghiurnannu” Davide Paciolla
testo musica originale   Federica Carruba Toscano
aiuto-Regia  Nathalie Cariolle

contributo drammaturgico Alessandro Lui

video e graphic designer Giuseppe Cardaci

scenotecnica  2C Arte

sculture cartapesta  Ilaria Sartini

effetti speciali  Midian Lab

organizzazione  Nicole Calligaris

distribuzione  369gradi
produzione  Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini
co-produzione  Vuccirìa Teatro

spettacolo vincitore di Teatri del Sacro V

LEAVE A REPLY