I hear America singing. Canti e voci dell’altra America

Il 28 e 29 aprile al Centrale Preneste Teatro, Roma

0
185
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Due serate di musica e teatro per celebrare l’America a Roma, a Centrale Preneste Teatro in Via Alberto da Giussano, 58 (zona Pigneto-Malatesta), sabato 28 e domenica 29 Aprile con il festival I hear America singing. Canti e voci dell’altra America. “I hear America singing” scriveva il poeta Walt Whitman, cantore della strada e della libertà. E all’America, che cantando e narrandosi si è inventata e costruita, sono dedicate queste due serate. Artisti e musicisti italiani racconteranno la loro America: quella della “Country music”, un vastissimo mondo musicale di differenti generi e repertori; quella di Washington Irving, scrittore che tratteggia, in forma fantastica, lo stato nascente di una grande nazione; quella infine attraversata da Patti Smith e dalle avanguardie, che segnarono un’epoca con le loro voci poetiche.

Si comincia sabato 28 Aprile alle ore 20.00 con la narrazione a due voci Poesia sesso e rockla rivoluzione a venire di e con Tiziana Lucattini e Fabio Traversa, ispirato a Just Kids di Patti Smith. Prima di passare alla parte musicale è previsto un aperitivo, poi alle 21.30 è in programma il concerto delle BlaBla Sisters ispirato ai cantautori e alla tradizione orale, la serata si conclude dalle 22.30 con la musica dei That’s all folk! Il teatro apre anche la serata di domenica 29 Aprile alle ore 20.00 con Rip Van Winkle di Washington Irving, adattato da Gabriele Traversa, con Fabio Traversa e Gabriele Traversa. Dopo un aperitivo dalle ore 21.15 è la musica a essere protagonista prima con il concerto dei The Dust Bowl Company, in cui un flauto e alcuni strumenti a corda tradizionali accompagnano due voci femminili, poi dalle 22.00 con i ThreetwOne che attingono al repertorio folk di provenienza inglese e nordamericana. Infine alle 22.45 ci sono gli Archive Valley, un trio romano che trae ispirazione dall’Old-Time, la musica tradizionale dei monti Appalachi.

I hear America singing. Canti e voci dell’altra America, il Festival di Teatro e musica a Centrale Preneste Teatro si svolge sabato 28 e domenica 29 Aprile 2018. Il costo del biglietto valido per tutta la serata è di 10 € (teatro-musica-aperitivo). Tra un evento e l’altro è prevista una breve interruzione, l’ingresso è vietato a spettacolo o concerto in corso.

——

Info e prenotazioni: 06 27801063 (lun./ven. 10.00/17.00) – 380 5213054 – 338 6155317 o info@ruotaliberateatro.191.it

I hear America singing. Canti e voci dell’altra America

Festival di Teatro e musica

Sabato 28 e domenica 29 Aprile 2018 dalle ore 20.00

——

Centrale Preneste Teatro Via Alberto da Giussano, 58 – Roma

Biglietto valido per tutta la serata: 10,00 €

Info e prenotazioni: 06 27801063 (lun./ven. 10.00/17.00) – 380 5213054 – 338 6155317 o info@ruotaliberateatro.191.it

Pagina Facebook: www.facebook.com/CentralePrenesteTeatro

——-

IL PROGRAMMA COMPLETO

SABATO 28 APRILE

TEATRO

Ore 20.00 Poesia sesso e rock – la rivoluzione a venire ispirato a Just Kids di Patti Smith

di e con Tiziana Lucattini e Fabio Traversa

Una narrazione a due voci, un viaggio col ritmo del rock, con la struggente melodia del blues, e l’inconfondibile suono notturno di un giradischi che manda jazz. Ed immagini, foto di artisti, canzoni e musiche, brani di film, momenti quotidiani ma irripetibili dell’effervescenza delle avanguardie culturali newyorchesi, storia di un’epoca e di un’epica.

Aperitivo pre-concerto

MUSICA

Ore 21.30 BlaBla Sisters

La musica Americana dei cantautori e della tradizione orale, dalla Old-time music al repertorio moderno che da Nashville arriva al New Country attraversando il Bluegrass… con al centro tre voci femminili che cantano in armonia.

Ore 22.30 That’s all folk!

Il Progetto That’s All Folk nasce dall’incontro di vecchi amici accomunati dalla passione per l’Irlanda e per la musica folk in generale. Tutti concordi su un’idea da trasformare in realtà: formare un gruppo che avesse nel proprio repertorio tutti gli aspetti della musica folk irlandese, scozzese, inglese e anche americana. Fare quindi qualcosa di simile a ciò che fecero grandi interpreti del folk revival come Christy Moore, Dónal Lunny o Dave Swarbrick.

——-

DOMENICA 29 APRILE

TEATRO

Ore 20.00 Rip Van Winkle di Washington Irving

adattamento di Gabriele Traversa, con Fabio Traversa e Gabriele Traversa

Seconda metà del ‘700, un pigro contadino in un piccolo villaggio di coloni olandesi ai piedi dei monti Catskill nella catena Appalachiana. Un viaggio bizzarro, il passaggio da un’America ad un’altra, una metafora del tempo che passa, senza rendercene conto.

Aperitivo pre-concerto

MUSICA

Ore 21.15 The Dust Bowl Company

Un flauto e alcuni strumenti a corda tradizionali accompagnano due voci femminili lungo sentieri musicali polverosi ed antichi che dai suoni del folk revival inglese ed americano degli anni ’60 conducono alla scoperta delle radici della Country music, immergendosi nella ballata anglo-scozzese e nei suoni dell’America profonda.

Ore 22.00 ThreetwOne

I ThreetwOne attingono al repertorio folk di provenienza inglese e nordamericana. Un trio vocale maschile sempre alla ricerca di coesione timbrica e d’intenti, sorretto da chitarra e percussioni, in dialogo con la grazia e la personalità della violinista che li farà prima o poi cambiar nome.

Ore 22.45 Archive Valley

Trio romano che trae ispirazione dall’Old-Time, la musica tradizionale dei monti Appalachi. Con banjo, mandolino, contrabbasso, fisarmonica, vecchie melodie vengono scomposte e ricostruite con influenze di jazz e di musica classica, creando un sound di folk sperimentale intenso e imprevedibile.

LEAVE A REPLY