Le Corsaire, Virna Toppi e Mattia Semperboni

I premi Danza&Danza confermano anche per il 2018 le produzioni e gli artisti del Balletto della Scala

0
191
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Danza&Danza
Foto di Brescia e Amisano

Il Balletto della Scala anche per la stagione 2018 conquista riconoscimenti dalla giuria del mensile specializzato Danza&Danza.

Le Corsaire si aggiudica il premio come migliore produzione classica, Virna Toppi unica italiana premiata fra i migliori interpreti della stagione (premiati in questa categoria anche Olga Smirnova e Semyon Chudin, primi ballerini del Teatro Bol’šoj, per le loro interpretazioni alla Scala in La Bayadére e in La bisbetica domata); Mattia Semperboni fra gli interpreti italiani emergenti .

Il Teatro alla Scala è presente anche nella menzione speciale, che va al Balletto del Teatro Bol’šoj, proprio per la sua tournée italiana al Piermarini nel settembre del 2018

Le motivazioni dei premi Danza&Danza sono pubblicate sul n.284 di DANZA&DANZA (gennaio/febbraio 2019) disponibile in edicola, in formato digitale sulla app Danza&Danza (e sul sito a questo link http://www.danzaedanzaweb.com/premio

Di seguito alcuni estratti

Le Corsaire

Prova di spicco per Primi ballerini, Solisti e Corpo di ballo, Le Corsaire vanta finalmente una nuova

produzione del Teatro alla Scala. Il fastoso balletto di Mazilier/Petipa non era mai arrivato in Scala nella sua completezza. Frédéric Olivieri, Direttore del Ballo, ha scelto la versione curata dalla canadese Anna-Marie Holmes per l’American Ballet Theatre (…), chiamando Luisa Spinatelli per scene e costumi. La decisione di puntare sulle forze di casa, affidando tutti i ruoli ai ballerini scaligeri si è rivelata vincente (…). Un balletto potente anche per il Corpo di Ballo, una scena per tutte il Jardin animé.

Virna Toppi

Virna Toppi, Prima ballerina del Teatro alla Scala, è una danzatrice dallo spiccato temperamento

espressivo. Non è un caso che nel 2018 sia stata scelta come protagonista in ruoli giocati sul coinvolgimento della personalità del danzatore oltre che sulla tecnica. Aszure Barton ha subito individuato in Toppi un’artista ideale per entrare nell’emotional landscape della sua creazione (…) . Ugualmente la Fondazione Béjart ha scelto Toppi tra i giovani scaligeri alternati a Roberto Bolle nel ruolo protagonista del Boléro di Ravel: e Virna ne ha dato un’interpretazione focosa e seduttiva, di motivata presa. Non mancano al suo arco ruoli più classici, se pur sempre emotivamente pregnanti, come Manon. (…)

Mattia Semperboni

Il brillante Mattia Semperboni (Milano, 1995) si è fatto notare già ai tempi della Scuola di Ballo

dell’Accademia Teatro alla Scala dove si è diplomato. Entrato nel Corpo di Ballo milanese ha debuttato come solista nella danza con il mandolino nel Romeo e Giulietta di Kenneth MacMillan, nel passo a due dei contadini nella Giselle di Yvette Chauvire, si è messo in luce nel 2018 come uno dei quattro solisti sotto il celeberrimo tavolo del Boléro di Maurice Bejart. Ma è stato il ruolo di Ali, nel Corsaro di Anna-Marie Holmes (…), a fargli conquistare questo premio. Le sue pirouettes alla seconda eseguite con nonchalance e sospese in ralenti nel finale così come la diagonale di saut de basque in cui sembrava divorare il palcoscenico hanno fatto la differenza.

LEAVE A REPLY