La diavolessa

Andato in scena al Teatro Olimpico di Vicenza nell'ambito del Festival Vicenza in Lirica 2019

0
423
La diavolessa
Foto di Beatrice Milocco

Commedia giocosa in tre atti del 1755

Goldoni in musica per opera di Galuppi

(5 settembre 2019 prima)

———

La poetica goldoniana applicata agli spettacoli operistici è garanzia di umorismo, la musica briosa di Baldassare Galuppi con tempi a volte tempestosi garantisce la godibilità. Il dinamico gioco d’intrecci e il tratteggio del personaggio, tipici di Carlo Goldoni, si ritrovano nelle raffinatezze di stile e nella mescolanza di serio e faceto della composizione musicale. L’incontro della scrittura colta e dell’invenzione del libretto (Goldoni scrive un vero libretto d’opera) con la varietà di forme musicali crea meccanismi teatralmente efficaci.

La Sinfonia d’inizio è festosa con alcuni passaggi morbidi e altri in crescendo, la tinta malinconia degli archi diffonde delicatezza ma è presto fugata dall’esplosione di gioia di tutta l’orchestra, la musica è coinvolgente e il maestro direttore e concertatore Francesco Erle dirige l’Orchestra barocca del Festival Vicenza in Lirica con gesto preciso e senza bacchetta. Del resto lui conosce bene l’opera perché è lui che l’ha revisionata insieme al Maestro Franco Rossi.

Qualche sentore della musica di Haydn e di Mozart in corso d’opera e la varietà di forme nelle arie aumentano la piacevolezza dell’ascolto.

La giovane compagnia di canto, selezionata con apposite audizioni e supportata da un corso di perfezionamento, giunge al debutto ben preparata e tutti hanno buone doti vocali.

Al conte e alla contessa, coinvolti loro malgrado nel tentativo di truffare il ricco ed ingenuo don Poppone, è riservata la forma seria, cioè l’aria col da capo, spolverata di sarcasmo.

Nella scrittura vocale virtuosa e brillante della contessa, una copia sfocata della regina della notte, Ligia Ishitani Silva si destreggia bene con voce aggraziata e agile di soprano leggero di agilità tra acuti, sovracuti, trilli, salti.

Il conte, per lingua e vocalità eroe del barocco, è interpretato dal bravo controtenore sopranista Ettore Agati, esperto della prassi esecutiva settecentesca e dotato di un mezzo vocale limpido e flessibile; l’emissione naturale produce belle sonorità omogene nel timbro, l’uso della messa di voce, la soavità dei filati, la precisione della linea di canto rendono questo artista molto interessante.

Due giovani squattrinati Dorina e Giannino, ruoli di mezzo carattere, sperano di guadagnare denaro aderendo a questo intrigo: nel ruolo dell’avventuriera Dorina, vestita da moschettiera con parrucca bianca, Arlene Miatto Albeldas, mezzosoprano deciso con voce particolare (è armoniosa ma non sempre ha impostazione lirica), canta bene e si muove con grande disinvoltura; Giannino, giovane amante di Dorina, è il bravo baritono Omar Cepparolli che usa in modo brillante una bella voce timbrata, ampia, sonora e di buon peso e calca il palcoscenico con padronanza e spigliatezza.

Il gentiluomo Don Poppone Corbelli, come Pantalone maestro delle contraddizioni, è il versatile basso buffo Stepan Polishchuk, dotato di voce rotonda e risonante, con maggior sostegno nei registri medio e alto.

La cameriera Ghiandina, che salverà don Poppone dalla rovina, è il soprano leggero Lucia Conte; teatralmente versatile, ha pose provocanti, dotata di voce scintillante e cristallina, canta bene, ha buone mezze voci rinforzate e si lancia in acuti sicuri e tenuti. Il locandiere Falco, novello Figaro che ordisce il tranello, è Lucas Lopes Pereira, un tenorino intonato che ha cantato soprattutto sottovoce a causa di una indisposizione purtroppo non annunciata all’inizio dell’opera.

Lo splendido elemento architettonico del teatro olimpico ha fatto da prezioso scenario ad un allestimento minimalista (solo tavoli, panche e panchetti in palcoscenico).

La briosa regia di Bepi Morassi è attenta alla vivacità dell’azione: gli artisti corrono avanti indietro per il palcoscenico col rischio di cadere in un’inquietante botola sempre aperta sul pavimento, salgono sugli sgabelli, entrano ed escono da ogni parte, girano tra il pubblico, due mimi (Luca Rossi e Francesco Motta) son sempre affaccendati, il servitore Gabrino si dà da fare ma non parla; purtroppo le luci di Andrea Grussu e Matteo Bianchi, quasi sempre basse anche se adattate alle situazioni, non hanno badato alla visibilità dei protagonisti, quindi anche i bei costumi settecenteschi di Carlos Tieppo, responsabile dell’Atelier de La Fenice di Venezia, sono rimasti un po’ nell’ombra quando invece con l’architettura palladiana dell’Olimpico avrebbero completato lo stile del secolo dei lumi.

Una scena più illuminata dunque e una dizione più chiara dei cantanti avrebbero favorito la comprensione del testo e aumentato la godibilità dello spettacolo.

Il pubblico ha gradito questa novità e applaudito con vigore anche il grande lavoro degli organizzatori, guidati dall’infaticabile Andrea Castello.

———

Vicenza

Teatro Olimpico

giovedì 5 settembre 2019 ore 21.00
domenica 8 settembre 2019 ore 21.00

***

La diavolessa
commedia giocosa in tre atti di Carlo Goldoni
musica di Baldassare Galuppi

prima rappresentazione assoluta:
Venezia, Teatro di S. Samuele, novembre 1755
edizione di Franco Rossi e Francesco Erle

***

Personaggi e interpreti:

Il Conte Nastri Ettore Agati

La Contessa, sua moglie Ligia Ishitani Silva

Dorina, avventuriera Arlene Miatto Albeldas

Giannino, giovane amante di Dorina Omar Cepparolli

Don Poppone Corbelli, gentiluomo Stepan Polishchuk

Ghiandina, cameriera Lucia Conte

Falco, locandiere Lucas Lopes Pereira

Gabrino, servitore che non parla

***

maestro direttore e concertatore Francesco Erle

regia Bepi Morassi

costumi ideati da Carlos Tieppo e realizzati da Sartoria Daniela e Sartoria Paola Girardi

light designer Andrea Grussu
maestro alle luci Matteo Bianchi

trucco Riccardo De Agostini
acconciature Sonia Castegnaro (Salone Capelli d’Autore, Brendola),
Alessia Manzardo (Salone Elodì, Schio), Elena Paolini (Salone Elena, Lonigo), Doriana Zarpellon (Capelli d’Oro, Zanè)

Orchestra barocca del Festival Vicenza in Lirica

***

primo violino di spalla Enrico Parizzi
traversieri Alberto Crivelletto, Massimo Crivelletto
oboi Arrigo Pietrobon, Nicolò Dotti
corni Enrico Barchetta, Davide Saturno
violino I Pietro Battistoni, Isobel Cordone
violino II Matteo Zanatto (concertino), Stefano Favretto, Alessandra Scatola
viole Simone Siviero (concertino), Elena Gelmi
violoncello Simone Tieppo (continuo), Matylda Adamus
violone Michele Gallo
cembalo e continuo Alberto Maron

produzione Vicenza in Lirica 2019 | Concetto Armonico
direttore artistico Andrea Castello

———

La diavolessa
Foto di Beatrice Milocco

 

 

 

 

 

 

 

La diavolessa
Foto di Beatrice Milocco

 

 

 

 

 

 

 

 

La diavolessa
Foto di Beatrice Milocco

 

 

 

 

 

 

 

 

La diavolessa
Foto di Beatrice Milocco

 

 

 

 

 

 

La diavolessa
Foto di Beatrice Milocco

 

 

 

 

 

 

La diavolessa
Foto di Beatrice Milocco

 

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY