Carmen

La Carmen “immortale” di Leo Muscato danza ancora una volta sul palcoscenico del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino

1648
carmen
Foto di Michele Borzoni
carmen
Foto di Michele Borzoni

Sono ormai passati quasi due anni da quando la Carmen del regista Leo Muscato è stata accolta con dissensi, più che con assensi, presso il Maggio Musicale Fiorentino. La rappresentazione, divenuta una presenza costante nel cartellone del teatro fiorentino, pretende di ergersi a simbolo della lotta contro il femminicidio non concludendosi con la morte della protagonista, quindi di ciò che incarna, bensì con quella di Don José; dimenticando che Bizet, prima di noi, aveva già composto un manifesto contro la violenza sulle donne e che questa non diviene tanto più legittima se compiuta nei confronti di un uomo.

Ascoltando e guardando il capolavoro di Bizet sorge spontanea la domanda se sia effettivamente possibile eliminare Carmen; a tal proposito non è di fatto difficile instaurare una connessione con il Don Giovanni mozartiano, dannato per essere altamente immorale e, allo stesso tempo, tanto vero da smascherare la natura dei personaggi che lo circondano. E così la gitana, che fa perdere la testa al soldato José, riesce ad allontanare materialmente il suo amante dai dogmi, precetti e ordini in cui è sempre stato costretto in primo luogo dalla madre, poi dall’esercito; senza però liberarlo dalla loro prigione mentale. Se nella sopra citata opera di Mozart Don Giovanni è conscio di dar vita insieme al Commendatore a uno scontro tra due moralità poste sullo stesso piano; nel dramma di Bizet, Don José pretende infatti di “correggere” Carmen, e di nominarsi “suo salvatore” reputando la lotta finale come una battaglia vinta in partenza soltanto perché la sua controparte è una donna.

Indipendentemente dalle opinioni più o meno felici, relative al finale, le scene di Andrea Belli e le luci di Alessandro Verazzi incorniciano alla perfezione i due mondi cui afferiscono i protagonisti: quello errante di Carmen prende vita nelle roulotte, in cui consuma i suoi amori passeggeri e tra i cui profili danza e/o sfida il destino leggendo le carte; quello di Don José è decisamente più buio, minimale, fatto di pochi oggetti scenici. Oltre alla rete, che lo separa dal campo dei gitani, c’è spazio unicamente per una scrivania, delle sedie e uomini in uniforme che sorridono e vedono illuminare le stanze soltanto nel momento in cui passa Carmen. Quest’ultima viene sensualmente animata per la seconda volta (la prima è stata il 15 ottobre) da Karina Demurova, mezzosoprano russo, dal timbro caldo, accattivante, correttamente gestito nella restituzione vocale del personaggio, soprattutto nell’aria rappresentativa di “Habanera”; non sempre convincente scenicamente, a tratti si percepisce distanza e poca comunicatività con il Don José di Samuele Simoncini. Seconda recita anche per il tenore senese, questi è in possesso di una voce interessante, morbida, anche se spesso eccessivamente sforzata per le spinte sugli acuti che rendono l’interpretazione poco fluida. Tra i personaggi principali, si inserisce prepotentemente e funzionalmente l’Escamillo di Fabrizio Beggi, il cui timbro ruvido, corposo, dal volume solido, e la cui presenza scenica restituiscono uniformemente la reciproca attrazione tra il torero e la gitana. Federica Vitali tratteggia adeguatamente la pura innocenza di una Micaela quasi infantile nel rapportarsi con Don José; la visibile insicurezza del personaggio accompagna di tanto in tanto anche la voce, piacevole e delicata, seppur schiacciata nel registro acuto.

Ai suddetti ruoli si accostano le interpretazioni riuscite, sia vocalmente che scenicamente, di Min Kim e Antonio Gares, rispettivamente nei panni de Le Dancaire e Le Remendado; di Francesco Samuele Venuti come Moralès, di Shuxin Li come Zuniga e delle Frasquita e Mercédès di Costanza Fontana e Giada Frasconi.

Nonostante il cast mediamente soddisfacente, il pubblico non si è lasciato andare ad applausi troppo calorosi: quelli più sentiti vengono rivolti al direttore d’orchestra Sesto Quatrini, che ha appassionatamente disegnato il connubio tra spensieratezza e tragicità che invade l’animo di Carmen.

(L’articolo si riferisce alla recita del 18 ottobre).

———–

Carmen
Opéra-comique in quattro atti

Libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy tratto da Carmen di Prosper Mérimée

Musica di Georges Bizet

Prima rappresentazione: 3 marzo 1875 all’Opéra-Comique di Parigi

***

Artisti

Maestro concertatore e direttore  Sesto Quatrini

Regia  Leo Muscato

Scene  Andrea Belli

Costumi  Margherita Baldoni

Luci  Alessandro Verazzi

Carmen  Marina Comparato/Karina Demurova (15, 18, 22)

Don José  Luciano Ganci/Samuele Simoncini (15, 18, 22, 25)

Escamillo  Fabrizio Beggi

Micaela  Lavinia Bini/Federica Vitali (15, 18, 22)

Orchestra, Coro e Coro delle voci bianche del Maggio Musicale Fiorentino
Maestro del Coro e del Coro delle voci bianche Lorenzo Fratini