Romaeuropa Festival 2019: “Mbira”

Fra il 1° e il 9 novembre in alcuni spazi non convenzionali di Roma: SpinTime, Spazio Hangar 238, Nuovo Cinema Palazzo e Teatro Biblioteca Quarticciolo

0
796

MbiraRoberto Castello apre la rotta verso lAfrica. Porta in scena “Mbira”, in un tour – manifesto per la buona accoglienza culturale, che parte da Milano al Teatro della Cooperativa, dal 25 al 27 ottobre, e prosegue a Roma, nel quadro della 34° edizione di Romaeuropa Festival fra l1 e il 9 novembre, toccando una serie di palcoscenici periferici o non convenzionali quali SpinTime, Spazio Hangar 238, Nuovo Cinema Palazzo e Teatro Biblioteca Quarticciolo. Partner delliniziativa la rivista Nigrizia

Il viaggio, non solo metaforico, proseguirà poi dal 19 al 26 novembre a Maputo, quando la compagnia di Castello, con il giornalista Graziano Graziani, si sposterà nella capitale del Mozambico per presentare il suo In girum imus nocte et consumiur igni, incontrare gli artisti locali e produrre una serie di reportages sulla scena artistica locale nellambito di un progetto di cooperazione culturale promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Mbira” vede in scena due danzatrici, Giselda Ranieri e Ilenia Romano, e un duo musicale composto da Marco Zanotti, percussionista (uno dei maggiori conoscitori ed estimatori italiani di musica africana) e Zam Moustafà Dembelé, griot, cantante e polistrumentista maliano (tamanì e kora) e virtuoso del balafon. Combinando la forma del concerto con danze e parola (di cui si fa carico lo stesso Castello, sulla scena) “Mbira” sfugge alle categorie convenzionali dello spettacolo dando vita ad una struttura drammaturgia semplice e accessibile a chiunque che conduce progressivamente gli spettatori, da una dimensione contemplativa, ad un momento finale di festa e di partecipazione spontanea.

In tempi in cui molti sembrano sedotti dalla xenofobia agitata dalla peggiore politica, “Mbira” prova a spiegare quanto irragionevole sia la presunzione di superiorità della cultura occidentale, come esistano modi di guardare al mondo e allarte sostanzialmente diversi da quelli cui siamo abituati, quanto profondamente la cultura africana in realtà abbia influenzato il mondo intero e quanto forse, al di là di antichi pregiudizi, dallAfrica e dalla sua cultura si potrebbe anche imparare qualcosa di importante.
L’arte è intesa qui come efficace strumento di mediazione, così come in “Mbira” musica e danza sono veicoli popolariper riflettere su ciò che sappiamo o non sappiamo dellAfrica: facilitazioniper avvicinarci a tematiche delicate e complesse.

Potrebbe essere intitolato Fuori dai teatri, il tour di Roberto Castello/ALDES che si terrà a cavallo fra Milano e Roma fra fine ottobre e inizi di novembre, se non si temesse di tradire quanto di buono il teatro sa ancora portare anche nei teatri. Salta però agli occhi che tre delle cinque tappe del progetto, siano un palazzo occupato, un ex sala da biliardo e un tendone da circo, e che la sesta tappa sia lAfrica stessa. Come a dire di un paradosso contemporaneo su cui Castello pone laccento: per essere efficaci con il teatro, oggi è necessario uscire dai teatri. Per tornare ad avere una connessione con la realtà, una funzione sociale rilevante, per riconquistare un pubblico fatto non solo di addetti ai lavori bisogna andare là dove sono le persone che poco o per niente si riconoscono nella definizione di pubblico.

Per questo, il tour parte da Milano il 25, 26 (h20.30) e 27 ottobre (h17.00) nel popolare quartiere di Niguarda, presso il Teatro della Cooperativa, una realtà che condivide con ALDES lidea di un teatro che deve parlare a tutti, che ha quindi coprodotto lo spettacolo e i cui testi sono cofirmati da Renato Sarti e Castello, con la collaborazione di Andrea Cosentino.

L’1 novembre (h21.30) il tour proseguirà a Roma, al Nuovo Cinema Palazzo, lo spazio sociale di San Lorenzo che occupato nel 2011 ha scongiurato lapertura di un casinò.  

Il 2 e 3 novembre (h21.00) toccherà l’Hangar 238, un tendone da circo allestito a Montesacro grazie alla collaborazione con lAssessorato alla cultura del III Municipio nel quadro di un intero fine settimana di iniziative e laboratori legati allAfrica.

Il 4 novembre (h21.00) approderà al Teatro Biblioteca del Quarticciolo, grazie alla collaborazione con l’Associazione Spellbound, per concludersi il 9 novembre (h 21.00) allo Spin Time, un palazzo che dà casa a 150 famiglie in difficoltà, sostenute anche dalle attività del suo centro culturale.

Queste sono le cinque realtà che compongono lestemporanea rete di spettacolo non teatraleche si è spontaneamente costituita per questa occasione, tutte strutture che operano in territori socialmente complessi ma solo apparentemente marginali. Sono infatti tutte preziosi laboratori in cui si sperimentano nuovi modi per rimettere in contatto le sempre più estese aree di difficoltà economica e sociale con unofferta culturale di qualità. Lo stesso intento che ha mosso ALDES a realizzare “Mbira”, ovvero quello di cercare un modo per uscire dal ghetto di un sistema teatrale prigioniero della propria autoreferenzialità. Una rete nata spontaneamente per cui la cultura non è un mezzo per generare proventi ma per contribuire concretamente a creare contesti sociali con una qualità della vita migliore per tutti, italiani e stranieri.

Questo insolito progetto non sarebbe stato possibile senza i partner che hanno voluto contribuire a realizzare questa sorta di manifesto della buona accoglienza culturale, prima ancora di voler condividere il tour di uno spettacolo, a partire dal sostegno attivo della rivista Nigrizia. Un manifesto idealmente condiviso anche dalla 34esima edizione di Romaeuropa, uno fra i principali festival teatrali italiani, che ha deciso di contribuire concretamente alla realizzazione delliniziativa, dal Municipio Roma III, rappresentato dal suo assessore alla cultura Christian Raimo, che da subito ha accolto questa azione di politica non verbaledi Castello (concetto che dà il titolo anche a un blog da lui ideato: 93% – materiali per una politica non verbale www.novantatrepercento.it) e dall’Accademia Nazionale di Danza, che, oltre a condividere le finalità del progetto, tra poche settimane sarà in Mozambico e ha in corso col Mali un progetto ‘Erasmus KA107’, dellUnione Europea.

Fa da sponda dialettica a questa tour di “Mbira” (che sarà poi al Teatro Toselli di Cuneo il 19 dicembre e ai Cantieri Teatrali Koreja di Lecce il 21 di dicembre) la presenza di Castello con la sua compagnia e con il giornalista Graziano Graziani a Maputo, in Mozambico, dal 19 al 26 novembre, nel quadro di un progetto di Cooperazione Culturale del MIBACT nell’anno Italia, culture, Africapensato per aprire un dialogo con gli artisti del luogo e realizzare nel contempo reportages sulla scena artistica locale.

LEAVE A REPLY