martedì, Febbraio 27, 2024

Area Riservata

HomeEventoP.ARTE DA NOI, Teatro Laboratori Incontri

P.ARTE DA NOI, Teatro Laboratori Incontri

Dal 18 ottobre al 22 dicembre in varie località toscane

P.ARTE DA NOI25 eventi in 2 mesi di programmazione, 8 spazi coinvolti per un totale di 1000 posti disponibili su un bacino potenziale di 78.000 abitanti. Spettacoli, laboratori, work in progress, mostre e case aperte a pubblico e artisti, con 3 ospiti stabili in residenza artistica e l’atteso ritorno dell’Iraa Theatre di Cuocolo/Bosetti.

Dopo l’anteprima di giovedì 17 ottobre, con Sindrome Italia di T.F. Vaccaro e Vacuo di E. Sbaragli in prova aperta al Teatro dei Coraggiosi e al Teatro De Larderel di Pomarance (ore 18.30 e 21.15), la rassegna si apre ufficialmente con tre giorni di Festa inaugurale: venerdì 18, domenica 20 e venerdì 25 ottobre il pubblico sarà accolto (ore 20.30) da un brindisi di benvenuto durante il quale sarà presentato nei dettagli il programma. A seguire (ore 21.15), i primi spettacoli in calendario: Terra Di Rosa – Vite Di Rosa Balistreri di e con Tiziana Francesca Vaccaro (18/10 Monterotondo M.mo – Teatro del Ciliegio), Radio Maigret – I casi di Monsieur M., il Simenon di Settimo Cielo (20/10 Pomarance – Teatro dei Coraggiosi), e I Marziani al mare di Alberto Severi (25/10 Castelnuovo V.C. – Sala La Pista) con la comicità irresistibile di Beatrice Visibelli e Marco Natalucci.

La kermesse prosegue fino al 22 dicembre con ospiti dalla Toscana e da tutta Italia, sempre all’insegna della parola chiave scelta quest’anno dal direttore artistico Marco Pasquinucci e dalla direttrice organizzativa Annastella Giannelli: Relazioni, “per indicare, con un solo sostantivo plurale, un caleidoscopio di legami fra territori, artisti e pubblici, fra spettatori, cittadini e spazi della comunità, fra generazioni. Pensiamo infatti che la nostra missione più grande sia quella di generare attraverso l’arte intrecci positivi tra persone, anime, luoghi e desideri.”

L’iniziativa “ARTISTInCASA” nasce per sottolineare il valore dell’accoglienza e darà agli abitanti la possibilità di invitare nella propria abitazione le compagnie, per approfondire attraverso momenti conviviali la conoscenza reciproca, le storie e i bisogni che muovono la volontà di “fare” o “vedere” teatro. Gli artisti ospiti, oltre a portare in scena i loro spettacoli, dedicheranno ai pubblici anche prove aperte e laboratori tematicamente connessi alle proprie poetiche.

Nel programma 2019 è inserita la sezione speciale “C’era una volta” dedicata ai classici della letteratura per bambini. Cappuccetto Rosso di Zaches Teatro (dai 4 anni) e Una storia… da Hansel e Gretel dei fratelli Grimm di Pilar Ternera (dai 6 anni) si affiancheranno in serale a Requiem for Pinocchio di Le vie del fool, uno spettacolo che mantenendo sullo sfondo la favola di Collodi riflette su tematiche sociali e attuali come il lavoro, l’emancipazione, il pregiudizio, allargando al mondo degli adulti il proprio target di riferimento.

Alle famiglie è dedicato La stanza dei giochi, spettacolo tout public vincitore del Premio Scenario Infanzia 2014, che avrà come unici protagonisti due attori di 11 e 12 anni, ribaltando la consuetudine del Teatro Ragazzi interpretato da adulti. Una drammaturgia sapiente, che restituisce con limpidezza e semplicità di gesti e parole la dimensione profonda e poetica del mondo infantile. Quest’appuntamento sarà preceduto dall’inaugurazione della mostra finale del progetto “Estate insieme 2019” realizzato in collaborazione con la Società della Salute Valdera-Alta Val di Cecina, che tra luglio e agosto ha coinvolto 55 bambini di Volterra, Pomarance e Castelnuovo Val di Cecina.

Alle nuove generazioni i sono dedicati anche i 3 appuntamenti in matinée dell’azione “Il Teatro fa Scuola”: Bottoni (primo spettacolo per ragazzi della compagnia di fama internazionale Iraa Theatre di Cuocolo/Bosetti), Siete venuti a trovarmi (una storia delicata che continua la ricerca dei Chille de la balanza sulla memoria del manicomio di San Salvi) e Gaia e l’energia della terra (produzione di Officine Papage e Onda Teatro, che racconta il sogno ecologico di una giovane ragazza e della sua papera Pepe).

Energie del territorio” è invece un focus sulle proposte che nascono dal basso e che vedranno salire sul palcoscenico direttamente i cittadini. In questi casi i ruoli tra chi crea e chi osserva/ascolta sono invertiti. Questa scelta è legata soprattutto alla volontà di gratificare l’entusiasmo e le propensioni artistiche dei nostri territori, offrendo loro spazi di visibilità e condivisione.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular