Beethoven Egmont

Il concerto si è svolto il 12 gennaio 2020, ore 17, al Teatro della Fortuna di Fano (PU)

0
194

Beethoven Egmont Per inaugurare le celebrazioni dei 250 anni dalla nascita di Beethoven, la FORM – Orchestra Filarmonica Marchigiana porta in palcoscenico al Teatro della Fortuna di Fano la Sinfonia n. 1 in do magg., op. 21, eseguita per la prima volta a Vienna nel 1800, e le musiche di scena composte da Beethoven per l’Egmont di Goethe, dramma ispirato alla lotta eroica del famoso condottiero fiammingo contro la tirannide.

Beethoven Egmont I quattro movimenti della Sinfonia offrono una vasta gamma di temi e di combinazioni timbriche, che la FORM – Orchestra Filarmonica Marchigiana, sotto la guida del M° Beatrice Venezi, esegue con maestria.

La compattezza orchestrale sia nella tensione dei suoni densi e corposi con arcate fitte e intense sia nella delicatezza delle mezze voci caratterizza il primo movimento Adagio molto-Allegro con brio.

Beethoven Egmont L’attacco delicatissimo degli archi dà il via al secondo movimento, Andante cantabile con moto, cullante nel suo tempo di danza, con suono armonioso dell’orchestra, guidata da un bel gesto circolare del direttore, come insegna il M° Muti.

L’orchestra s’immerge nel trascinante scherzo del terzo movimento, velocizzando il Minuetto: Allegro molto e vivace, imperioso poi variegato, e il direttore scandisce col movimento delle dita della mano sinistra i suoni sottili dei violini.

Nel quarto movimento, Adagio – Allegro molto e vivace, l’alternanza di leggerezza e potenza, le volatine dei violini, le arcate decise dei violoncelli, la sincronia delle arcate conducono alla pienezza pastosa del tutto orchestrale nell’imponente finale.

Beethoven Egmont Per l’Egmont, musiche di scena per la tragedia di Johann Wolfgang von Goethe, op. 84, entra in campo la voce recitante di Saverio Marconi, attore e regista teatrale noto per i suoi musical con la Compagnia della Rancia, che narra il coraggio e la sfortunata storia d’amore del Conte Egmont principe delle Fiandre, innamorato senza essere riamato, e che introduce i lieder cantati dal soprano Angela Nisi con bel timbro vocale e suoni scanditi. In quel contesto tutto nero avrei scelto un bell’abito rosso per il soprano, invece era vestita di nero anche lei.

Imponente la resa orchestrale nell’esprimere l’eroismo, la tensione, la tristezza, il sacrificio, l’impegno militare, messi in rilievo dalla musica di Beethoven.

Beethoven Egmont Beatrice Venezi, la bella e brava direttrice dalla capigliatura scenica, si è messa in luce per il gesto largo delle lunghe braccia, la rotondità dei movimenti, la precisione nel dare gli attacchi, l’immersione totale nella musica che ondeggia anche tra i lunghi suoi capelli biondi. Il lungo abito nero con ornamenti bianchi sul fianco sinistro ha dato la giusta immagine femminile al direttore d’orchestra. (Io avrei evitato le scarpe bianche in contrasto con le calze nere).

LEAVE A REPLY