Schumann l’avventuriero

L’avventura musicale all’Arena del Teatro Ragazzi di Torino

0
418

Schumann«La musica di Schumann è come un’avventura».

Una definizione che ben si addice perfino alla rappresentazione stessa di Conoscendo Schumann, avendo rischiato più volte l’annullamento a causa dei capricci atmosferici dell’11 luglio 2020. Ma Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci, impavidi e avventurosi, hanno voluto sfidare la sorte, mettendo in scena tutto quello che le imprevedibili condizioni del cielo hanno permesso.

Lo spettacolo ha animato la scena, nonostante tutto, a partire dalla considerazioni sul segno zodiacale di Robert Schumann, nato l’8 giugno 1810 sotto il segno dei Gemelli, quindi volubile e malinconico come il cielo grigio-azzurro che sovrastava l’Arena del Teatro Ragazzi. D’altra parte, ci fanno notare Pisci e Buonarota, neanche il violino (Eleonora Minerva), il violoncello (Gabriele Marchese) e il pianoforte (Elena Brunello) che hanno accompagnato la narrazione eseguendo l’Opera 63 di Schumann possono dirsi definiti da un carattere univoco. La tensione tra emozioni contrastanti e tra opposizioni ritmiche fa della musica di Schumann una narrazione a sé; un’avventura, appunto, un periplo, un viaggio.

Robert Schumann scrisse la sua musica caratterizzandola di colori diversi e contrastanti, abbracciando tutta la sfera dei sentimenti e attribuendo agli strumenti d’orchestra – come i personaggi di una storia – la stessa ambivalenza psicologica che la letteratura dei suoi tempi cominciava ad esplorare.

Con una sensibile simile a quella dell’Astrologia, la vicenda raccontata dalla musica si dipana affianco ai cenni biografici, che Pisci e Buonarota riconducono al suo particolare carattere, contraddistinto da sbalzi d’umore, tentennamenti e decisioni repentine. Una biografia che diventa un racconto avvincente, nella cornice di un cielo brontolante e minaccioso che si fa metafora della vita continuamente sfidata dalla sorte.

____

Conoscendo Schumann

a cura di Unione Musicale Onlus

con la partecipazione del Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino

Eleonora Minerva violino

Gabriele Marchese violoncello

Elena Brunello pianoforte

Robert Schumann (1810-1856)

Trio in re minore per violino, violoncello e pianoforte op. 63

Mit Energie und Leidenschaft (Con energia e passione)

Lebhaft, doch nicht zu rasch (Animato, ma non troppo presto)

Langsam, mit inniger Empfindung (Lento, con intimo sentimento)

Mit Feuer (Con fuoco)

accompagnamento all’ascolto a cura di Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci

LEAVE A REPLY