Soggettiva Danny Boyle

Dal 19 settembre 2020 al 16 gennaio 2021 presso Fondazione Prada, Milano

0
130

Soggettiva Danny BoyleIl programma cinematografico di Fondazione Prada riprende dal 19 settembre 2020 con “Soggettiva Danny Boyle”, una selezione di film ideata dal regista, produttore e sceneggiatore inglese.

La proiezione del film Tetsuo: The Iron Man (1989) di Shinya Tsukamoto, in programma sabato 19 settembre alle ore 20, sarà introdotta da Danny Boyle in collegamento video.

Ogni capitolo di “Soggettiva” indaga la pratica cinematografica contemporanea con un programma di proiezioni speciali e analizza le biografie, le passioni segrete e gli interessi paralleli del suo ideatore. Combinando narrazioni televisive dell’epoca vittoriana, animazioni blockbuster e inarrestabili orizzonti fantascientifici, “Soggettiva Danny Boyle” si focalizza sull‘attuale Terza Rivoluzione Industriale presentando titoli della storia del cinema, in cui i protagonisti affrontano le sfide dell’automazione e dell’intelligenza artificiale e le alterazioni prodotte da una futura fusione tra le macchine e l’uomo. Il programma cinematografico include titoli che generano una dimensione temporale parallela, in cui un universo futuristico entra in collisione con il presente e il passato.

Soggettiva Danny Boyle”, che si svolgerà ogni sabato fino al 16 gennaio 2021, include 16 pellicole: Alien (1979) di Ridley Scott, Big Hero 6 (2014) di Don Hall, Blade Runner (1982) di Ridley Scott, Computer Chess (2013) di Andrew Bujalski, Der Golem, wie er in die Welt kam (Il Golem – Come venne al mondo, 1920) di Paul Wegener, Ex Machina (2014) di Alex Garland, Her (Lei, 2013) di Spike Jonze, Logan’s Run (La fuga di Logan, 1976) di Michael Anderson, Metropolis (1927) di Fritz Lang, Modern Times (Tempi moderni, 1936) di Charlie Chaplin, Robocop (1987) di Paul Verhoeven, Robot & Frank (2012) di Jake Schreier, The Terminator (Terminator, 1984) di James Cameron, Tetsuo: The Iron Man (1989) di Shinya Tsukamoto, Tron (1982) di Steven Lisberger, WALL-E (2008) di Andrew Stanton. 

LEAVE A REPLY