Luce sull’archeologia – Il mito di Roma

Il 14 febbraio, ore 11, in diretta streaming sul canale Youtube del Teatro di Roma

487

Domenica 14 febbraio (ore 11), in diretta streaming sul suo canale YouTube, il Teatro di Roma omaggia i 150 anni di Roma Capitale con un appuntamento speciale del ciclo di incontri di storia e di arte Luce sullarcheologia dal titolo IL MITO DI ROMA, DA CAPITALE DI UN IMPERO A CAPITALE D’ITALIA, come sempre introdotto e presentato da Massimiliano Ghilardi e con la partecipazione di Claudio Strinati e Andreas M. Steiner. 

Una lezione per festeggiare questo importante traguardo e unoccasione per ripensare il ruolo culturale di una città dalla storia unica e secolare, e a cui mai come questanno il Teatro di Roma guarda come ad oggetto privilegiato del proprio racconto artistico; quando Roma diventa capitale è infatti una città ben lungi dallessere un faro culturale per uno Stato giovane come lItalia del tempo, ma lo diventerà nel secolo successivo grazie allintreccio di saperi popolari, allazione istituzionale e al suo immenso patrimonio artistico. 

Appuntamento dunque con IL MITO DI ROMA in cui la Prof.ssa di Storia Moderna all’Università di Tor Vergata a Roma Marina Formica propone Roma, Romae. Una capitale in età moderna, per parlare della secolarizzazione della città di Roma dopo lUnità d’Italia, che rappresentò una tra le difficoltà che i ceti dirigenti si trovarono ad affrontare per trasformare la città “santain città “laica; segue il Prof. emerito di Storia contemporanea alla Sapienza di Roma Emilio Gentile con Il mito di Roma, da capitale di un impero a capitale dItalia, per analizzare il fenomeno di Roma come capitale mai amata dagli italiani e immersa nell’inerzia di una società rimasta fuori dalla modernità.

L’incontro prevede la partecipazione del mezzosoprano Silvia Pasini e del tenore Michael Alfonsi, accompagnati dal Maestro Simone Genuini, che eseguiranno una selezione di brani dalle opere di Rossini, Bellini e Verdi, una vera e propria colonna sonora del Risorgimento. Un inno al belcanto con attraverso lesecuzione del seguente programma musicale: Aria di Cleopatra, Piangerò la sorte mia, dal Giulio Cesare di G.F. Händel; Rondò di Isabella, Pensa alla Patria, dallItaliana in Algeri di G. Rossini; Duetto Adalgisa e Pollione, Va crudele, al dio spietato, dalla Norma di V. Bellini; La mia letizia infondere, da I Lombardi alla prima crociata di G. Verdi; O Don fataledal Don Carlo di G. Verdi; Ah la paterna mano, da Macbeth di G. Verdi. Finale con Vissi d’arte, dalla Tosca di G. Puccini; E lucean le stelle, dalla Tosca di G. Puccini; Inno di Mameli.

——–

 LUCE SULLARCHEOLOGIA 

Il secondo appuntamento di Luce sullarcheologia sarà un incontro-evento dedicato a Roma, da Capitale di un impero a Capitale di una nazione. Un omaggio con il quale il Teatro di Roma partecipa alle celebrazioni per i centocinquantanni di Roma Capitale dItalia. Oltre gli interventi di Marina Formica e di Emilio Gentile, docenti della Sapienza Università di Roma,anche un programma musicale dedicato a Roma e al Risorgimento.

——–

IL MITO DI ROMA, DA CAPITALE DI UN IMPERO A CAPITALE D’ITALIA

con Massimiliano Ghilardi e Andreas M. Steiner

 e con la partecipazione di Claudio Strinati

contributi di Marina Formica, (Professoressa di Storia Moderna all’Università di Tor Vergata a Roma)

Emilio Gentile (Professore emerito di Storia contemporanea alla Sapienza Università di Roma)

con la partecipazione di Silvia Pasini (mezzososoprano al Teatro dellOpera di Roma)

e Michael Alfonsi (tenore al Teatro dellOpera di Roma)

accompagnati dal Maestro Simone Genuini (direttore della JuniOrchestra dellAccademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma e docente presso il Conservatorio Gaetano Braga di Teramo)