Recital di Ludovic Tézier

Il 7 marzo, ore 20, in diretta streaming sui canali social del Teatro alla Scala

0
302
Foto di Gregor Hohenberg

Baritono LUDOVIC TÉZIER

Pianoforte THUY-ANH VUONG

Franz Schubert

An die Musik op. 88 n. 4 D 547

Meeresstille D215a

Robert Schumann

da Dichterliebe op. 48

Hör ich das Liedchen klingen

Franz Schubert

da Schwanengesang D 957

Ständchen

Gabriel Fauré

L’horizon chimérique op. 118

La mer est infinie

Je me suis embarqué

Diane, Séléné

Vaisseaux, nous vous aurons aimés

Henry Duparc

L’invitation au voyage

Gabriel Fauré

Les berceaux op. 23 n. 1

Jacques Ibert

Quatre Chansons de Don Quichotte

Chanson du départ

Chanson à Dulcinée

Chanson du Duc

Chanson de la mort de Don Quichotte

Jacques Offenbach

da Les Contes d’Hoffmann

Scintille diamant

Pëtr Il’ič Čajkovskij

da La dama di picche

Javas ljublju

Giuseppe Verdi

da Rigoletto

Cortigiani, vil razza dannata

Umberto Giordano

da Andrea Chénier

Nemico della patria

———-

Il calendario dei recital di canto propone un nuovo appuntamento domenica 7 marzo alle ore 20, in diretta streaming sul sito e sui canali Facebook e YouTube del Teatro: protagonista il baritono Ludovic Tézier accompagnato al pianoforte da Thuy-Anh Vuong. Proporranno un raffinato programma di liriche da camera e brani d’opera, che spazia da Schubert a Ibert, da Verdi a Čajkovskij. Ludovic Tézier torna alla Scala dopo aver partecipato, il 7 dicembre scorso, alla Serata inaugurale “… a riveder le stelle” con l’aria di Rodrigo “Per me giunto è il dì supremo… Io morrò” dal Don Carlo di Verdi. Il baritono francese ha cantato alla Scala anche in alcuni concerti e come protagonista di Evgenij Onegin di Čaikovskij (2005, direttore Vladimir Jurowski) e nella parte di Lord Enrico Ashton nella Lucia di Lammermoor di Donizetti al fianco di Mariella Devia (2006, direttore Roberto Abbado).

——

LUDOVIC TÉZIER

Nato a Marsiglia, studia all’École d’Art lyrique dell’Opéra di Parigi, debuttando nel 1992 al Grand Théâtre di Ginevra come Pompeo nel Benvenuto Cellini di Berlioz, prima di entrare nell’ensemble dell’Opera di Lucerna e poi, nel 1994, in quello dell’Opéra di Lione, dove resta tre anni, interpretando numerosi ruoli. Nel 1997 debutta all’Opéra Comique e a Glyndebourne, dando inizio a una brillante carriera internazionale che lo porta a cantare nelle sedi più prestigiose, come la Scala, il Metropolitan, il Covent Garden, l’Opéra di Parigi, la Staatsoper di Vienna, la Deutsche Oper di Berlino, il Liceu di Barcellona, il Teatro Real di Madrid, il Grand Théâtre di Ginevra, la Bayerische Staatsoper di Monaco, i Festival di Salisburgo, Bregenz e Glyndebourne e le Chorégies d’Orange, sotto la guida di direttori del calibro di Myung-Whun Chung, Antonio Pappano, Riccardo Muti, Zubin Mehta e Philippe Jordan. Il suo repertorio comprende i ruoli eponimi in Hamlet, Evgenij Onegin, Don Giovanni, Simon Boccanegra, Macbeth, Rigoletto, Werther (versione per baritono), il Conte di Almaviva (Le nozze di Figaro), Renato (Un ballo in maschera), Ford (Falstaff), Eleckij (La dama di picche), Enrico (Lucia di Lammermoor), Germont (La traviata), Chorèbe (Les Troyens), Wolfram von Eschenbach (Tannhäuser), Posa (Don Carlos), il Conte di Luna (Il trovatore), Amfortas (Parsifal), Athanaël (Thaïs).

Recentemente è stato Marc-Antoine nella Cléopâtre di Massenet a Salisburgo e al Théâtre des Champs-Elysées a Parigi, Don Carlo di Vargas (La forza del destino) a Barcellona, Londra e Monaco, Alphonse XI (La favorite) a Monaco, Enrico a Monaco, Parigi e Londra, Don Carlo (Ernani) a Monte-Carlo, Scarpia (Tosca) a Dresda e a Salisburgo, Giorgio Germont, Scarpia, Posa, Escamillo (Carmen), il Conte di Luna, Simone e Lescaut (Manon) a Parigi, Sir Riccardo Forth (I puritani) e Carlo Gérard (Andrea Chénier) all’Opera Australia di Sydney, il Conte di Luna a Madrid, Don Giovanni a Vienna, Amonasro (Aida) in versione da concerto a Roma con Antonio Pappano, Rigoletto al Théâtre du Capitole a Tolosa e Macbeth a Barcellona. Inoltre si esibisce regolarmente in concerti e recital in tutto il mondo.

———-

THUY ANH VUONG

Nata in Vietnam, ha compiuto i suoi studi musicali al Conservatorio di Marsiglia sotto la guida di Pierre Barbizet, diplomandosi in pianoforte, analisi musicale e musica da camera. Ha poi frequentato il Conservatorio di Parigi nelle classi di Michel Béroff e Denis Pascal per il pianoforte e in quelle di Bruno Pasquier, Jean Mouillère, Michel Moraguès e Christian Lardé per la musica da camera e perfezionandosi poi nelle masterclass di György Sebők, Jean-Claude Pennetier, Emmanuel Ax e Jacques Rouvier.

È invitata regolarmente a esibirsi come solista in recital e con orchestre in Francia, in Europa e negli Stati Uniti (a Boston, Chicago, Washington e New York); inoltre partecipa a trasmissioni radiofoniche e televisive per France Musique e per France Télévision. Particolarmente appassionata di musica da camera, suona in diversi ensemble composti di strumentisti delle grandi orchestre parigine; inoltre si esibisce in duo con il sassofonista Fabrice Moretti e con il baritono Ludovic Tézier, con il quale è apparsa al Grand Théâtre di Ginevra, all’Opéra National du Rhin a Strasburgo, alla Staatsoper di Vienna e all’Opéra parigina.

Sempre pronta ad arricchire il proprio repertorio con quello di altri strumenti, è spesso chiamata a collaborare con musicisti quali Régis Pasquier, Gary Hoffman, Frans Helmerson, Mihaela Martin e Jean-Jacques Kantorow a masterclass nel corso di importanti accademie internazionali e in occasione di prestigiosi concorsi per violinisti e violoncellisti, come il Montecarlo Violin Masters o il Concorso Internazionale di violoncello “André Navarra” a Tolosa.

LEAVE A REPLY