“Swans Never Die” in prima nazionale

Sei artisti chiamati a raccontare e rileggere in chiave contemporanea l'assolo La morte del cigno | Giovedì 22 luglio al Teatro al Castello Tito Gobbi

0
168

Operaestate Festival, ospita la prima assoluta di Swans, il 22 luglio al Teatro al Castello “Tito Gobbi” di Bassano del Grappa, quando andranno in scena la prima ballerina del Teatro alla Scala Virna Toppi, con il brano di repertorio La morte del cigno, e le creazioni originali ad esso ispirate di Chiara Bersani, Collettivo MINE, Silvia Gribaudi, Philippe Kratz e Camilla Monga. Le iniziative dedicate all’approfondimento dell’assolo di Fokine, e alla sua influenza sulla storia della danza, iniziano già dal mattino, e accompagnano il pubblico fino alla première della serata.

Un’occasione unica per vedere in scena per la prima volta tutte le sei creazioni del progetto Swans Never Die, promosso da una rete di organizzazioni culturali italiane, che vede impegnati, oltre ad Operaestate Festival anche Lavanderia a Vapore, Triennale Milano Teatro, Fondazione Teatro Grande di Brescia, Festival Bolzano Danza / Fondazione Haydn, Il Cassero LGBTI Center/ Gender Bender Festival, Mnemedance e Università degli Studi di Torino/Corso di laurea in DAMS,  con l’intento di invitare il pubblico e gli artisti a ripensare a La morte del cigno, pietra miliare della storia della danza del XX secolo, coreografato da Michel Fokine per Anna Pavlova nel 1905, come a un campo di sperimentazione. Un progetto di ricerca tra storia e memoria, che indaga come sopravvive un’opera coreografica del passato, chi ne raccoglie l’eredità, come si confronta con i temi dell’identità, della diversità e dell’autorialità, in un paesaggio che cambia.

Per questo, le occasioni di approfondimento iniziano già dal mattino: alle ore 10 al Giardino Parolini di Bassano, in programma una classe speciale di Dance Well, come sempre aperta a tutti, con ospite speciale Virna Toppi, prima ballerina del Teatro alla Scala, che guiderà i partecipanti alla scoperta di alcuni  movimenti base della coreografia originale: un lavoro sulla leggerezza e la forza, che cerca di riprodurre la bellezza di un cigno in una figura umana che non vuole abbandonarsi alla morte.

In serata, alle ore 20 sulla terrazza del Teatro al Castello, un incontro gratuito (a numero chiuso con prenotazione obbligatoria presso la biglietteria) aperto al pubblico per scoprire il progetto, l’assolo da cui prende ispirazione e il processo creativo dei coreografi nel corso dei mesi, con la partecipazione della Prof. Susanne Franco, Università Ca’ Foscari Venezia, e con alcuni partner del progetto, che racconteranno la genesi, le tappe e i prossimi sviluppi di un percorso che continuerà anche nel 2022. Un incrocio tra storia e futuro, tra tradizione e creatività, che introduce al programma della serata.

La serata, intitolata Swans, un titolo scelto dagli artisti per sottolineare la pluralità dei cigni in scena, e per racchiudere attraverso un’unica immagine coreografie dalla forte identità personale (e ciascuna con un proprio titolo), è costruita in dialogo con gli artisti coinvolti, dagli aspetti più tecnici alla drammaturgia finale.

Apre la serata Swaën di Camilla Monga, che invita due musicisti a reinterpretare la stessa partitura, realizzando una composizione in parte scritta e in parte improvvisata: lo stesso principio che guida la struttura coreografica, e che rievoca la libertà interpretativa di Anna Pavlova.
Collettivo MINE, invece in Living like I know I’m gonna die, crea una danza per cinque corpi: due coppie e un singolo, un corpus unico di braccia allacciate in un reticolo di incontri fulminei: una vera lotta contro la morte, che trova nel cigno un simbolo della transitorietà dell’esistenza.

In L’Animale, Chiara Bersani indaga l’anima come luogo di movimento e trasformazione, e per avvicinarsi al cigno decide di passare attraverso una domanda: cosa succede quando guardando la profonda notte riusciamo a riconoscerci attraverso il canto?

Philippe Kratz crea invece un pezzo per due interpreti, Open Drift, in cui tenta di catturare ogni transizione e trasformazione, ogni singolo momento di passaggio.

Silvia Gribaudi in Peso Piuma ricerca l’intimità del corpo, l’abbandono ad esso, il ricostruire di nuovi movimenti, con fatica e felicità, ripetendo quelle braccia e quel collo spezzato tipici della Pavlova.

Chiude la serata la coreografia di Fokine, con Virna Toppi, danzatrice amata dal pubblico che l’ammira solitamente in duo con Roberto Bolle, e che qui ha focalizzato la propria ricerca sulla ricca storia di interpreti del pezzo e sul suo personale approccio alla figura del cigno in danza. 

La morte del cigno continua a intrecciare passato, presente e futuro, e a nutrire immaginari di generazioni di artisti, stimolando nuove riflessioni su cosa ereditiamo dalla storia, su come la danza viaggia nel tempo attraverso la memoria incorporata, visiva, emotiva e cinestetica dei danzatori e degli spettatori.

Un viaggio dunque, nella storia passata e futura della danza, per scoprire come un classico ancora ispiri i coreografi e riesca a parlare al pubblico: immortale, proprio come i Cigni che “non muoiono mai”.

In caso di maltempo lo spettacolo verrà allestito alla Sala Da Ponte in Piazzale Cadorna.

Biglietti on line dal sito www.operaestate.it
Box office del Festival tel. 0424 524214

LEAVE A REPLY