“evǝ”, il nuovo spettacolo di Andrea Adriatico

Debutto a Bari, Teatro Kismet, 13 novembre 2021

551
Nel mondo diviso in due generi distinti fa breccia “evǝ”
Donne, uomini, trans, drag: tutti i colori dell’identità
nel nuovo spettacolo di Andrea Adriatico dal testo di Jo Clifford
Debutto a Bari, Teatro Kismet, 13 novembre 2021
e poi a Cagliari, Bologna, Berlino

Il piccolo boy-scout voleva fare la coccinella, ma nella Bibbia sta scritto che Dio creò Adamo ed Eva e che non si può fare confusione tra i sessi e le identità. Un testo graffiante, caustico, che alterna amarezza e divertimento e che porta in primo piano, senza mezzi termini, il peso della cultura maschile e sessista e la responsabilità della religione nella subalternità delle donne e nella volontà di rimozione delle persone transgender.

Andrea Adriatico e Teatri di Vita ritornano sui temi LGBT con il testo dell’autrice transessuale inglese Jo Clifford “evǝ”, che debutterà al Teatro Kismet di Bari (13-14 novembre) e che sarà presentato successivamente in altre città, tra cui Cagliari, Bologna, Berlino.

In scena una compagnia di tantǝ “evǝ” che moltiplicano l’originario monologo in un coro di identità e fluidità, da Eva Robin’s, icona del transgender, alla drag perfomer newyorkese Julie J, dall’attrice storica di Teatri di Vita Patrizia Bernardi al danzatore Met Decay, dall’attore palestinese Anas Arqawi alla drag queen Rodolfo Cascino-Dessy.

evǝ

di Jo Clifford

traduzione di Stefano Casi

riflessǝ in Andrea Adriatico

con Eva Robin’s, Patrizia Bernardi, Julie J

e Anas Arqawi, Met Decay, Rodolfo Cascino

e con ospiti a sorpresa

scene e costumi di Andrea Barberini e Giovanni Santecchia

cura di Saverio Peschechera

e Laura Rodio, Alessandra Sulmicelli, Antonio Berardone

produzione Teatri di Vita

con il sostegno di Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna, Ministero della Cultura

in accordo con Arcadia & Ricono ltd

per gentile concessione di Alan Brodie representation limited.

Una storia che conoscono tutti. Forse. Quella di quando Dio creò Adamo ed Eva, prima il maschio e poi, come un ripiego, la femmina. Due generi ben distinti, con destini ben segnati. Perché in questa storia non è stato previsto chi sta nel mezzo, o ha un po’ dell’uno e un po’ dell’altra. Andrea Adriatico torna a confrontarsi con i temi LGBTQ+ e con la fluidità di generi umani e teatrali, di storie e identità, con il racconto ‘oltraggioso’ del bambino William. Un bambino che non amava essere chiamato William e voleva giocare con le bambine, e che poi è cresciuto, anzi è cresciuta, e ora ha deciso di raccontare agli spettatori, alle spettatrici e a tutti coloro che stanno nel mezzo, o hanno un po’ degli uni e un po’ delle altre, la sua storia, anzi la sua Genesi. Una storia che conoscono tutti, anzi… una storia che non tuttǝ conoscono.

Jo Clifford è una drammaturga e performer inglese, di base a Edimburgo, ha scritto oltre cento opere teatrali, e le è stato assegnato il premio Olwen Wymark. Tra le sue opere, il controverso The gospel according to Jesus, queen of Heaven. God’s new frock, titolo originale di evǝ, è stato scritto nel 2002 e presentato in Italia nel 2007 all’interno di Intercity Festival. Durante il lockdown ha scritto svariati pezzi per teatri e radio inglesi, oltre che due brevi sequenze teatrali per la sua compagnia Queen Jesus Productions. Attualmente sta lavorando all’opera The not so ugly duckling con Maria MacDonel e The Covid requiem con Lesley Orr per il teatro di Pitlochry.

Andrea Adriatico compone partiture della parola e dello spazio, facendo base nella “casa” bolognese di Teatri di Vita creata nel 1993: spettacoli che spesso incontrano drammaturgie dense come quelle di Koltès, Pasolini, Beckett, Copi, Jelinek, interlocutori privilegiati di un modo autorale di creare concerti di corpi e voci, attraversando con i suoi lavori numerosi festival da Santarcangelo alla Biennale Teatro. Al cinema racconta rimozioni intime e pubbliche in documentari e film drammatici, presentati e premiati in festival internazionali, fino all’ultimo Gli anni amari, prodotto con Rai Cinema e dedicato alla vita di Mario Mieli.

Eva Robin’s, icona trans dello spettacolo italiano, alterna la sua presenza come attrice in televisione, al cinema (in film diretti da Dario Argento, Damiano Damiani, Maurizio Nichetti, Alessandro Benvenuti) e in teatro, dove debutta nel 1993 al Festival di Santarcangelo ne La voce umana con la regia di Andrea Adriatico, con il quale calca le scene in molti altri spettacoli, attraversando autori come Cocteau, Copi, Beckett, Jelinek. Sempre in teatro ha lavorato con altri registi come Valter Malosti e Leo Muscato (in Tutto su mia madre, che le è anche valso la nomination al premio Ubu 2011).

Patrizia Bernardi è attrice e cofondatrice insieme a Andrea Adriatico di Teatri di Vita e della compagnia :riflessi. Come attrice, è stata diretta da Adriatico in numerosi spettacoli, come Is, is oil, Un pezzo per sport, La maschia e Madame de Sade, per il quale viene candidata nel 1999 al premio Ubu come migliore attrice. Dal 2009 è tra le protagoniste della rinascita culturale de L’Aquila con l’associazione Animammersa, nata dall’esigenza di raccontare e raccogliere attraverso diverse forme d’arte le testimonianze sul terremoto che ha distrutto la città, con la creazione di spettacoli e progetti artistici .

Julie J, artista multiforme e multidisciplinare, vive e si esibisce a New York, dove combina performance drag, danza e scrittura sperimentale dedicando la sua arte alle soggettività e ai corpi marginalizzati. Nel 2019 è in residenza artistica presso La MaMa Umbria, dove segue un workshop di Andrea Adriatico e sviluppa il recital If I knew you were coming I would have worn eyeshadow. Tra i suoi ultimi lavori, la coreografia sperimentale Quel Shock! (2021) e lo show drag digitale Faulty Defence Mechanism (2021). I suoi pronomi sono she/they, ma – dice – “non importa come mi chiamate, basta che mi chiamate”.

Anas Arqawi ha studiato teatro al Freedom Theatre di Jenin in Palestina, dove ha poi recitato in spettacoli diretti da Nabil Al-Raee e Micaela Miranda. A Teatri di Vita, con la regia di Andrea Adriatico, ha preso parte a La maschia di Claire Dowie e al film Gli anni amari.

Met Decay, danzatore e performer, ha preso parte, tra l’altro, a spettacoli con il Teatro di Sacco (per la regia di Roberto Bisulli) e con i coreografi Daniela Malusardi, Mauro Bigonzetti, Sara Libori e Arianna De Angelis Marocco.

Rodolfo Cascino-Dessy è attore, cantante, modello e performer drag. Fin da giovanissimo partecipa a numerosi spettacoli e porta in scena i suoi testi, tra cui l’atto unico Mother’s song. Nel 2020 è tra gli attori del film Ernesto di Giacomo Raffaelli e Alice De Luca.