La Biennale di Venezia, in vendita gli spettacoli dei Leoni della Biennale Danza Musica e Teatro

In vendita dal 17 marzo al 6 aprile, gli spettacoli dei Leoni della Biennale Danza Musica e Teatro, Abbonamento e biglietti a prezzi speciali

1179

La Biennale di Venezia / In vendita dal 17 marzo al 6 aprile, gli spettacoli dei Leoni della Biennale Danza Musica e Teatro, Abbonamento e biglietti a prezzi speciali

Da domani, giovedì 17 marzo (ore 15.00), fino a mercoledì 6 aprile, sarà possibile acquistare esclusivamente sul sito web della Biennale di Venezia (www.labiennale.org) abbonamento e biglietti a prezzi speciali per tutti gli spettacoli dei Leoni di Danza Musica e Teatro.
L’ abbonamento offre insieme tutti e tre gli spettacoli dei Leoni d’oro alla carriera – Christiane Jatahy per il Teatro, Saburo Teshigawara per la Danza, Giorgio Battistelli per la Musica – al prezzo speciale di 45 euro anziché 65 (30 euro per studenti e under 26).
In alternativa, si potranno acquistare i biglietti dei singoli spettacoli dei tre Leoni d’oro e dei tre Leoni d’argento – Samira Elagoz per il Teatro, Rocío Molina per la Danza, Ars Ludi per la Musica – al prezzo esclusivo di 15 euro anziché 20 per i Teatri Malibran e alle Tese (10 euro studenti e under 26), e 30 euro anziché 45 per il Teatro La Fenice (18 euro studenti e under 26).

Biennale Teatro
The Lingering Now (25 giugno, Teatro alle Tese) del Leone d’oro alla carriera Christiane Jatahy, regista brasiliana che con il suo lavoro esplora il confine tra realtà e finzione, teatro e cinema, parte dall’Odissea di Omero per raccontare l’immigrazione attraverso gli occhi dei rifugiati, i profughi e gli esiliati di oggi. Un viaggio tra Palestina, Libano, Grecia, Sudafrica e Amazzonia in cui Christiane Jatahy incontra persone che sono attori e attrici con lo status di rifugiati, in grado di dar voce al loro personale sentimento dell’esilio e alla propria storia anche attraverso brani dell’Odissea di Omero.
Seek Bromance (30 giugno, Teatro alle Tese) di Samira Elagoz, artista di origini finlandesi ed egiziane premiato con il Leone d’argento, è “una saga di quasi quattro ore, un vero trans romance collocato alla fine del mondo” (S. Eagoz). Al confine tra performance-reportage, multimedia happening e docu-fiction, Seek Bromance racconta il percorso di transizione dello stesso Elagoz: da un passato dichiarato high femme a un presente di mascolinità transgender che scardina archetipi, schemi e clichés legati al genere.
Intitolato ROT, il 50. Festival Internazionale del Teatro diretto da Stefano Ricci e Gianni Forte (ricci/forte) si svolgerà dal 24 giugno al 3 luglio 2022.

Biennale Danza
Petrouchka di Saburo Teshigawara, coreografo, danzatore, pittore, scultore e disegnatore giapponese sulla scena coreutica internazionale dal 1985, s’ispira alla celebre marionetta del balletto di Michel Fokine per riflettere sulla bellezza che spesso si cela nei momenti più disperati (22 luglio, Teatro Malibran). Interpretato dallo stesso Teshigawara e da Rihoko Sato, Petrouchka riscrive un classico del balletto in uno spettacolo dalla grande forza poetica.
Confesión de la carne (titolo provvisorio) della danzatrice spagnola Rocío Molina, conosciuta per coreografie d’avanguardia che spingono al limite il flamenco contemporaneo e che le hanno valso il Leone d’argento, presenterà al pubblico un nuovo assolo con cinque musicisti dal vivo (27 luglio, Teatro alle Tese).
Boundary-less, come si intitola il 16. Festival Internazionale di Danza Contemporanea diretto da Wayne McGregor, andrà in scena dal 22 al 31 luglio 2022.

Biennale Musica
Jules Verne, omaggio in forma di divertissement al capostipite della letteratura di fantascienza, mette insieme i Leoni d’oro e d’argento della Musica. L’opera di teatro strumentale composta a metà degli anni ottanta da Giorgio Battistelli, Leone d’oro alla carriera, verrà presentata in una nuova versione con gli strepitosi interpreti-personaggi di Ars Ludi (14 Settembre, Teatro la Fenice), Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi, e Gianluca Ruggeri. Destinatario del Leone d’argento, Ars Ludi proporrà anche Dressur di Mauricio Kagel, andando alle origini del teatro musicale sperimentale e del suo insopprimibile elemento ludico e fantasioso, insieme a Orazi e Curiazi di Giorgio Battistelli (18 settembre, Tese dei Soppalchi).
Out of Stage, il 66. Festival Internazionale di Musica Contemporanea diretto da Lucia Ronchetti, avrà luogo dal 14 al 25 settembre 2022.