Festival internazionale dei Templari

Alessandria, il 25 agosto

663
Dopo il successo della prima edizione, torna l’innovativo “Festival internazionale dei Templari” nato dalla collaborazione tra Simonetta Cerrini, storica esperta di Templari, e Gian Piero Alloisio, cantautore e drammaturgo.
Il Festival internazionale dei Templari, realizzato in compartecipazione con la Città di Alessandria, è entrato a far parte della Templars Route European Federation (TREF). Il tema di quest’anno – I Templari, san Francesco, la guerra e la santità – invita storici e artisti a rispondere a numerose domande, divenute tragicamente di estrema attualità: qual è la posizione dei cristiani rispetto alla guerra? Qual era la pace per san Francesco? Come affrontavano la guerra i frati cavalieri Templari? Un soldato può divenire santo? Chi era il vero Nemico per i Templari? Cristiani d’Oriente, cristiani cattolici, musulmani ed ebrei: quali rapporti c’erano al tempo delle crociate? Scontro o condivisione?
Ad Alessandria, nella suggestiva cornice di Piazza Santa Maria di Castello, i due mondi degli storici e degli artisti si comporranno in quattro serate-spettacolo volte a raccontare a un largo pubblico la storia dei Templari, cavalieri in cerca di santità, che ancora oggi affascinano milioni di persone in tutto il mondo.
La prestigiosa sede di Cultura e Sviluppo e la Chiesa della Natività di Maria di Spinetta Marengo ospiteranno le conferenze pomeridiane dei relatori.
Tra gli storici, coordinati da Simonetta Cerrini, parteciperanno a questa seconda edizione, Franco Cardini, professore emerito di Storia medievale, saggista dalla produzione sterminata e intellettuale attento alla storia contemporanea, lo storico estone Kristjan Toomaspoeg dell’Università del Salento, studioso dell’Ordine Teutonico, dei rapporti tra il Nord e il Sud dell’Europa e delle frontiere, la storica francese Camille Rouxpetel, dell’Università di Nantes, studiosa dei pellegrinaggi e degli scambi culturali e religiosi tra i cristiani d’Oriente e i cristiani d’Occidente e Antonio Musarra dell’Università La Sapienza di Roma, studioso di storia marittima del Mediterraneo, di storia delle crociate e di storia francescana. Tutti i relatori parleranno in italiano.
Quest’anno, il copione delle quattro serate, scritto da Gian Piero Alloisio, integra gli interventi dei relatori con canzoni d’autore, cabaret, poesie, racconti, letture, musica elettronica, video-interviste a storici internazionali, performances, installazioni che coinvolgeranno anche il pubblico.
L’ingresso è gratuito.
 
Il Festival è su FB e Instagram. @festivaldeitemplari