sabato, Marzo 2, 2024

Area Riservata

HomeEventoIL CANTO DI NATALE

IL CANTO DI NATALE

IL CANTO DI NATALE

 

liberamente tratto dal racconto di Charles Dickens

riduzione per marionette su appunti di Eugenio Monti Colla

musica originale di Danilo Lorenzini

 

nuove sculture, scene e luci di Franco Citterio
costumi di
Maria Grazia Citterio e Cecilia Di Marco

direzione tecnica di Tiziano Marcolegio

regia di Franco Citterio e Giovanni Schiavolin

 

Piccolo Teatro Studio Melato
via Rivoli, 6 – Milano
M2 Lanza

 

dal 28 dicembre 2023 al 7 gennaio 2024
giovedì 28 dicembre 2023 – ore 19:30

da venerdì 29 dicembre 2023 a domenica 7 gennaio 2024 – ore 16:00
lunedì 1 gennaio – riposo

 

biglietti
da 10€ a 25€
www.piccoloteatro.org

 

durata

75’ senza intervallo

 

i marionettisti

Franco Citterio, Maria Grazia Citterio, Piero Corbella,

Camillo Cosulich, Debora Coviello, Carlo Decio, Cecilia Di Marco,

Michela Mantegazza, Tiziano Marcolegio, Pietro Monti,

Giovanni Schiavolin, Paolo Sette

 

voci recitanti (edizione registrata nel 2023)

Loredana Alfieri, Marco Balbi, Maria Grazia Citterio,

Lorella De Luca, Carlo Decio, Lisa Mazzotti, Gianni Quillico,

Riccardo Peroni, Franco Sangermano, Giovanni Schiavolin

 

musicisti (edizione registrata nel 2023)

Mattia Bossio, pianoforte; Lorenza Merlini, viola;

Antonio Papetti, violoncello; Rita Pepicelli, violino;

Fausto Polloni, fagotto; Carlotta Raponi, flauto e ottavino

Paolo Sartori, clarinetto in Sib

 

canto

Michela Mantegazza

 

coordinamento musicale

Daniele Sozzani Desperati

direzione tecnica musicale

Luca Volontè

Paolo Sportelli: tecnico di registrazione presso Il borgo della Musica

 

 

Nuova produzione 2023
ASSOCIAZIONE GRUPPORIANI

Comune di Milano – Teatro convenzionato

Next – Laboratorio delle idee

per la produzione e la programmazione dello spettacolo lombardo

 

 

Il canto di Natale è uno dei racconti più iconici che narrano la magica notte che è divenuta, col tempo, un momento atteso da tutti i popoli e da tutte le culture, laiche o credenti. Anche le marionette della Carlo Colla & Figli, con il loro repertorio, hanno avuto modo di raccontare la trasversalità di questo avvenimento dell’anno da tutti atteso come evento che scuote gli animi e le sensibilità umane. Così, dopo gli spettacoli storici La capanna di Betlemme e I nani burloni e dopo il più recente Lo schiaccianoci, i piccoli attori di legno adottano uno dei racconti più famosi che Charles Dickens scrisse nel 1844 e che da allora è stato spunto per innumerevoli versioni e interpretazioni.

La trama non racconta le sacre vicende religiose o le straordinarie situazioni attorno a maghi ed elfi che abitano attorno alla dimora di Papà Natale. Tantomeno di situazioni che scaturiscono dalla fantasia dei bimbi incantati dal mondo dei balocchi e dei giochi. Questa parabola narrativa descrive insieme le straordinarie “voci” che risuonano in questa particolare notte e gli effetti che queste possono avere sulla natura dell’essere umano e, quando ascoltate, possono condurre anche per il più terribile, cinico e avaro animo a una mutazione per essere migliori.

Mantenendo la struttura pentapartita del racconto pensato dall’autore, le marionette si calano nei panni del vecchio bisbetico imprenditore Ebenezer Scrooge e dei personaggi che attorno a lui si muovono, disegnando i caratteri, le personalità e i temperamenti della società che Dickens ha sempre indagato e descritto.

Al protagonista, nel cammino di presa di coscienza della realtà e di mutamento della propria indole, fanno da contrappunto personaggi come spettri e fantasmi frutto dell’immaginazione e della fantasia che la penna dell’autore ha saputo creare e che difficilmente possono trovar riscontro nelle comuni messe in scena teatrali.

La realtà parallela e atemporale del mondo delle marionette, proprio come quella mostrata dallo “Spirito del Natale passato”, quello “presente” e quello “futuro” pensati da Dickens, accompagnano i protagonisti, come gli spettatori, in una sorta di camera degli specchi che permette di guardare e scrutare il proprio io per conquistare una presa di coscienza propedeutica e introspettiva.

Anche in questo nuovo allestimento, ogni “carattere” diviene “maschera”, ogni ambiente, realistico od onirico che sia, diviene illusione e ogni situazione si sublima nell’incanto e nella “maraviglia” dell’oggetto inanimato che prende vita.

Infine, qualche numero:

in totale sono coinvolti nell’operazione 134 individui di cui 34 umani (14 marionettisti, 12 musicisti, 8 attori) e un centinaio di teste di legno, delle quali 40 realizzate ex novo, con relativi costumi. Le scene dipinte totalizzano 360 metri quadri di superficie, per realizzare una ventina di situazioni sceniche differenti.

RELATED ARTICLES

Most Popular