Incontro Susanna Tamaro

1
256
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Sono gli alti soffitti della splendida sede della casa editrice Giunti a fare da sfondo al mio incontro con Susanna Tamaro. L’occasione è da manuale: intervista radiofonica che sarà trasmessa su Radio Cuore, per lei che le destinazione del cuore le ha indicate a 15 milioni di lettori, solo con “ Va’ dove ti porta il cuore”. Mi aspetto una star della carta stampata e invece mi trovo davanti una che, dietro un paio di occhiali a montatura leggera, ti buca con la semplicità di due occhi azzurri diretti e gioviali, che mi colpiscono per la loro calma fermezza. Penso alla sua passione per le arti marziali, che lei descrive come un toccasana e ne cerco le tracce nel suo fisico minuto: nessuno, senza conoscerla, direbbe di essere al cospetto di una insegnante di karate, a conferma di quanto, in queste discipline, sia facile lasciarsi ingannare dalle apparenze.

Scherziamo sulla nostra età, siamo coetanei, solo qualche giorno di differenza per una nascita in un dicembre affollato, a giudicare da quanti personaggi famosi, amici e conoscenti condividono con noi il compleanno. Viene facile l’ironia sui possibili eventi che hanno preceduto di 9 mesi quelle date…..Viene facile parlare con lei.

Parliamo della televisione, per la quale oggi Susanna nutre avversione, ritenendola diseducativa e di scarsa qualità… E’ singolare (significativa…) questa sua posizione, considerando che per molti anni, prima che sopraggiungesse il successo come scrittrice, ha lavorato come programmista televisiva. Risponde alle domande con una voce che è un soffio tenue e basso, che forse non vuole essere catturato dal piccolo registratore.

Non siamo soli nella sala dagli alti soffitti, ma quando Susanna parla il silenzio di tutti è per lei ed il carisma di questa intensa Signora si diffonde morbido in onde concentriche, assumendo la forma della magia. Mi dicono che succede ogni volta. Adesso so che è proprio così.

L’ultimo suo libro “Per Sempre” in classifica da pochi giorni è già un bestsellers con 100.000 copie vendute. Lo definirei un libro che racconta il ciclo della vita, l’amore, il dolore della perdita, che lascia il protagonista, Matteo nell’abbrutimento senza apparente via di scampo. Ma quando il dolore sembra avere il sopravvento, la forza della vita attraverso il prorompente rapporto con la natura curerà le ferite interiori del protagonista riportandolo alla salvezza.

Susanna Tamaro

Marco Orangi

Biografia tratta dal sito ufficiale:

Susanna Tamaro, nata a Trieste nel 1957, ha studiato al Centro Sperimentale di Cinematografia, diplomandosi in regia. Per dieci anni ha lavorato per la televisione, realizzando documentari scientifici. È una delle scrittrici italiane più conosciute e amate in tutto il mondo. Ha pubblicato romanzi per adulti di straordinario successo di pubblico: La testa fra le nuvole (1989), Per voce sola (1991), Va’ dove ti porta il cuore (1994), Anima Mundi (1997), Cara Mathilda (2001), Rispondimi (2001), Fuori (2003), Ascolta la mia voce (2006), Baita dei pini (2007), Luisito (2008). A questi si affiancano anche delle narrazioni per ragazzi: Cuore di ciccia (1992), Il cerchio magico (1994), Tobia e l’angelo (1998), Papirofobia (2000), Il grande albero (2009). E dei saggi: Verso casa (1999), Più fuoco più vento (2002), Ogni parola è un seme (2005). Nel 2000 la scrittrice ha istituito la Fondazione Tamaro, ente che si alimenta esclusivamente con i diritti dei suoi libri e con eventuali donazioni, contribuendo allo sviluppo di progetti a favore delle categorie più deboli nel mondo intero.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY