Le vie dei Festival 2012 (XIX edizione)

0
205
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Le vie dei Festival ospita un progetto del Teatro delle Briciole che ha in corso un autentico “cantiere produttivo”. Dal 2010 la compagnia di Parma ha deciso infatti di guardare orizzonti più vasti affidando a giovani gruppi della ricerca italiana il compito di creare uno spettacolo per bambini. La contaminazione del teatro di ricerca con il teatro ragazzi ha stimolato la ricerca di nuovi linguaggi scenici dando vita così a risultati originali.

“Ha dato un esito ì estremamente interessante l’esperienza con Babilonia Teatri che, per realizzare Baby don’t cry, ha incontrato in vari laboratori, molti bambini cercando di esplorare il loro mondo; mentreLa Repubblicadei bambini risulta sorprendente, forse il miglior spettacolo mai realizzato da Teatro Sotterraneo. E, cosa fondamentale, ciascun gruppo ha portato nelle rappresentazioni gli stessi segni e le stesse poetiche con cui sono da tempo apprezzati e conosciuti. Sia Babilonia che Sotterraneo  hanno declinato infatti varie possibilità di approccio alla realtà producendo lavori diversissimi che abbiamo fatto nostri. Siamo riusciti così a far convivere più anime e questo fa bene al teatro in generale e a quello rivolto ai ragazzi in particolare. Abbiamo garantito la massima autonomia a condizione che fosse posta al centro del progetto la relazione con l’infanzia e con il territorio. Certo, conoscevamo bene il lavoro di entrambi e la sintonia è subito scattata, ma non davamo nulla per scontato”.  (Teatro delle Briciole)

E’ attualmente in cantiere la terza produzione affidata ai Sacchi di Sabbia di Pisa, un gruppo che ha già ottenuto importanti riconoscimenti che si caratterizza per un linguaggio in cui si fondono arti visive, danza e musica.

La scelta delle Briciole non è solo un’avventura produttiva, ma è anche una possibilità di indagine sul contemporaneo infantile, su ciò che lo caratterizza e circonda che, molto spesso, viene dato per scontato o già conosciuto.

Il Teatro delle Briciole è nato nel 1976. Attualmente ha sede a Parma, al Teatro del Parco, un ex edificio industriale ristrutturato con tre sale teatrali attraversate ogni anno da trentamila spettatori. Si è imposto negli anni all’attenzione del pubblico e della critica attraverso una vasta ed articolata produzione di spettacoli rivolti all’infanzia, ai giovani, partecipando alle più importanti stagioni di teatro nazionale ed internazionale.

 dal festival

Armunia Festival Costa degli Etruschi di Castiglioncello

 

domenica 4 novembre 

ore 17.00

Teatro Vascello

 

Teatro delle Briciole

Baby don’t cry

un progetto affidato a Babilonia Teatri

a cura di Valeria Raimondi ed Enrico Castellani

con Marco Olivieri e Francesco Speri

con la collaborazione Ilaria Dalle Donne e Vincenzo Todesco

musiche originali Marco Olivieri

piano luci Babilonia Teatri e Emiliano Curà

scene Babilonia Teatri e Lab TdB  Paolo Romanini

montaggio audio Babilonia Teatri/Luca Scotton

illustrazioni Ilaria Dalle Donne

 

per bambini dai 6 anni

 

Cosa succede quando piangi? Partendo da questa domanda rivolta agli alunni delle scuole di Parma Babilonia Teatri ha composto un ritratto non convenzionale dei sogni e dei dolori dell’infanzia di oggi. Filastrocche rap, musica pop-rock e teatro fisico per raccontare sogni, mode, consumismi, ma anche un’inaspettata voglia di ascolto, di attenzione, di calore.

Il tema è dunque quello delle lacrime infantili. Per quale motivo i bambini piangono? Quando piangono di più? Che sapore hanno le lacrime e quali sono le situazioni che più sovente le provocano? I due attori disegnano un ritratto dei dolori, dei conflitti, dei desideri dell’infanzia contemporanea muovendosi in mezzo ai feticci dell’infanzia: una carrozzina con un galà di lucine, un albero di Natale scintillante di addobbi, i grembiulini di scuola. Lo spettacolo racconta della libertà con cui i bambini sono in grado di piangere, di parlare del loro pianto, di manifestarlo e non nasconderlo, di utilizzarlo come lingua, segnale, messaggio. Il pubblico ride di gusto, partecipa, applaude a scena aperta.

 

Il pianto è ordinario e straordinario insieme. E’ quotidiano ed eccezionale, e’ consuetudine e stupore. Abbiamo scoperto che per i bambini il pianto non è in nessun modo un tabù. E’ anzi materia di cui parlano senza nessuna reticenza, cogliendone la necessità e l’importanza. Abbiamo cercato di creare uno spettacolo emozionale soprattutto attraverso la musica; c’è un pianista che suon in scena e voci registrate di adulti modificate come fossero di bambini. Questo ha creato musicalità e allo stesso tempo ha consentito di non generare commozione per la voce del bambino, ma di prestare attenzione a ciò che viene raccontato. (Babilonia Teatri)

 

Babilonia Teatri è un gruppo emergente della scena italiana che ha vinto con lo spettacolo   Made in Italy il  Premio Scenario 2007; lavora nel Nord-est  veneto e si esprime con uno stile personalissimo, ruvido fino alla trasgressione: con testi sparati come raffiche di mitraglia da attori quasi sempre frontali rispetto agli spettatori, costruiti di frasi fatte, frasi da autobus, da bar, frasi del nostro vaniloquiare quotidiano, intinto nella pigrizia, nello stereotipo, nel pregiudizio.

 

PREZZI DEI BIGLIETTI: 10 euro (intero)

                                          8 euro  (ridotto ragazzi fino a 12 anni)

 

INFO: Le vie dei Festival tel 06.3202102 – 331.2019941

         leviedeifestival@hotmail.com  www.leviedeifestival.com

 

dal festival

Incontemporanea Parma Festival

 

domenica 11 novembre

ore 17.00

Teatro Vascello

 

Teatro delle Briciole

in collaborazione con Teatro Metastasio Stabile della Toscana

La Repubblicadei bambini

un progetto affidato a Teatro Sotterraneo

regia  Sara Bonaventura, Iacopo Braca, Claudio Cirri, Daniele Villa

con Andrea Corsi, Chiara Renzi

grafica Marco Smacchia

disegno luci Emiliano Curà

 

per bambini dai 6 anni

 

L’altro spettacolo “provocato” dalle Briciole èLa Repubblicadei bambini e lo ha realizzato Teatro Sotterraneo; anche in questo caso, lo spettacolo prodotto è piuttosto insolito. Si tratta di dar vita alla creazione di uno Stato in miniatura, in cui i bambini sono invitati a sperimentare direttamente l’esercizio della cittadinanza e le regole della democrazia. Ciò che nella scuola viene affidato a enunciazioni teoriche, nel corso dello spettacolo diventa esperienza diretta: si mettono in scena la necessità delle regole e l’impulso a violarle, l’affermazione della propria libertà e il rispetto della libertà altrui, l’esercizio del potere e l’istinto della trasgressione.  Si coinvolgono gli spettatori in comizi per assicurarsi l’elezione a presidente, promettendo sempre più dell’altro candidato, non risparmiando colpi bassi, in un’iperbole che non potrà non essere disattesa, con esiti catastrofici.

Si sperimenta la difficoltà di vivere insieme; si percorre, ridendo, giocando, sporcando, inciampando, provando lo spettacolo corre il rischio di interrompersi più volte, perché gli attori non esitano a eccitare l’uditorio, promettendo gelati, campi da calcio, dichiarando che le femmine (o i maschi) saranno esclusi da ogni forma di governo.

Nel costruire una nazione in miniatura i bambini hanno un potere inedito e fatto su misura. Sullo sfondo un piccolo luogo deserto in cui dar vita a una società: Robinson Crusoe ma anche il serial Lost, e naturalmente Il signore delle mosche di Golding.

 

 

Teatro Sotterraneo è un collettivo di ricerca teatrale nato nel 2004; un gruppo, come Babilonia, emerso dal Premio Scenario qualche anno fa, con un’attitudine ironica a smontare il linguaggio, il comportamento, giocando tra la catastrofe di un quotidiano malato e la risata a labbra tirate. Nel 2009 riceve il Premio Speciale Ubu come “uno dei gruppi guida dell’attuale ricambio generazionale”.

 

 

Biglietteria Teatro Vascello Le vie dei festival

PREZZI DEI BIGLIETTI: 10 euro (intero)

                                          8 euro  (ridotto ragazzi fino a 12 anni)

 

 

 

 

Biglietteria Teatro Vascello stagione Prosa

ABBONAMENTI

Abbonamento fisso (*): 8 spettacoli € 80,00

Abbonamento libero: 5 spettacoli a scelta € 60,00

(*)

Fratto_X        Rezza – Mastrella

Wordstar(S)     Pagliai – Gassman

‘Na specie de cadavere lunghissimo      Fabrizio Gifuni

La belle joyeuse       Anna Bonaiuto

La vita cronica      Odin Teatret

Clôture de l’amour      Lazzareschi – Della Rosa

Donna numero 4 tell the food, tell the life       Eleonora Danco

How long is now      Giorgio Colangeli

 

SOSTIENILA CULTURA VIENIAL TEATRO VASCELLO

 

UNO SPAZIO DI LIBERTA’ DOVE L’IMMAGINAZIONE DIVENTA REALTA’

Come raggiungerci: Il Teatro Vascello si trova in Via G. Carini78 aMonteverde Vecchio a Roma sopra a Trastevere, vicino al Gianicolo. Con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa100 metridal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma tel 06 5800108; Via Francesco Saverio Sprovieri, 10, Roma tel 06 58122552; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma tel 06 5803217

Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano: da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello

 

LEAVE A REPLY