Domenica mattina con laVerdi

0
199
Condividi TeatriOnline sui Social Network

QUARTO APPUNTAMENTO con Schumann   

Domenica 20 gennaio 2013, ore 11.00 presso l’Auditorium di Milano, largo Mahler

 

Prosegue il cammino de Domenica mattina con laVerdi, rassegna di concerti dell’Orchestra Verdi della domenica mattina all’Auditorium di Milano, un progetto originale ideato e diretto dal Maestro Giuseppe Grazioli.

Il quarto appuntamento è per domenica 20 gennaio 2013, come di consueto alle ore 11.00 all’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo in largo Mahler (info e prenotazioni:  02.83389401/2/3, www.laverdi.org) con un concerto incentrato su Schumann e giocato sulle rarità sinfoniche dei compositori suoi contemporanei meno noti.

In programma l’Ouverture da Raymond (1851) di Thomas, la Sinfonia n. 3 in Do maggiore Singulìere (1845) di Berwald e, nel mezzo, Introduzione e Allegro Appassionato per pianoforte e orchestra (1849) di Schumann, cui questo appuntamento del ciclo domenicale è dedicato.

Con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi diretta da Grazioli, sul palco dell’Auditorium ci sarà anche il pianoforte solista del novarese Simone Pedroni, che torna gradito ospite de laVerdi.

Anche per questa stagione 2012-2013 i matinée domenicali de laVerdi   daranno forma e sostanza a una inedita rassegna che ci condurrà in un nuovo viaggio attraverso la storia della musica, in una prospettiva diversa e accattivante: quella della riscoperta di compositori che, benchè di assoluto spessore, per diverse regioni legate a vicende personali o di carattere più generale, hanno finito per essere “dimenticati” e relegati nel sottoscala della storia della musica.

 

Ma lasciamo la parola al Maestro Grazioli, che ci racconta il progetto:

“Riparte il nostro viaggio alla riscoperta di quei compositori che la critica, le mode e gli stessi interpreti hanno dimenticato o relegato in una posizione di “comprimari”. In questo secondo ciclo di concerti, indagheremo sui motivi che hanno portato alla scomparsa dai nostri teatri d’opera di autori un tempo osannati come Mercadante, Thomas, Adam, Auber. Ascolteremo brani solistici di Rolla, David, Volkmann, Conus portati al successo da celebrati interpreti e poi caduti in disgrazia nel momento in cui la fama di chi li eseguiva si spegneva. Ci chiederemo perchè la diffusione discografica di un autore non sempre corrisponde a una regolare presenza nelle nostre sale da concerto come è il caso di Berwald, Roussel o Khachaturian. Sarà anche un’occasione per mettere a confronto questi autori con quelli che sembrano essere ormai saliti su un piedistallo irraggiungibile come Rossini, Bizet, Mendelssohn, Schumann o Verdi, nella consapevolezza che a giudicare se la loro posizione dominante sia giustificata e meritata possa essere solo un pubblico che ascolta senza preclusioni. Pubblico che ci ha dimostrato nella passata stagione di essere estremamente aperto e desideroso di allargare le proprie conoscenze e che invitiamo a lanciarsi con noi in questa nuova avventura musicale”.

 

Prossimo appuntamento

DOMENICA 24 FEBBRAIO 2013, ORE 11,00

BIZET  

ADAM
Si j’étais roi – Ouverture (1852)

VOLKMANN

Concerto per violoncello (1855)

BIZET
Sinfonia in Do maggiore (1855)

Violoncello  Mario Shirai Grigolato

 

 

Biografie

Giuseppe Grazioli si é diplomato in pianoforte con Paolo Bordoni, in composizione con Niccolò Castiglioni ed ha studiato direzione d’orchestra con Gianluigi Gelmetti, Leopold Hager, Franco Ferrara, Peter Maag e Leonard Bernstein. Ha diretto le principali orchestre italiane, fra le quali Accademia di Santa Cecilia di Roma, Orchestra RAI di Roma e Napoli, Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, Orchestra Sinfonica Siciliana, Orchestra Toscanini di Parma, Orchestra del Teatro Comunale di Trieste, Orchestra dell’Ente Arena di Verona, Orchestra del Carlo Felice di Genova, Orchestra Haydn di Bolzano, Pomeriggi Musicali e Orchestra Giuseppe Verdi di Milano. Dal 1995, anno in cui ha debuttato a St.Etienne con Madama Butterfly, svolge una intensa attività in Francia  Molto apprezzata per la particolarità delle proposte è anche la sua produzione discografica. Dopo una serie di 3 CD con il gruppo Harmonia Ensemble dedicati a rarità del ‘900 (De Falla, Auric, Martinu, Casella, Malipiero, Rieti, Lambert, Bax, Bartok), ha registrato diverse composizioni di Nino Rota: l’opera La visita meravigliosa, entusiasticamente accolta e premiata dalla critica di tutto il mondo; un CD dedicato alla musica per orchestra (Choc du Monde de la Musique) e infine alcuni lavori per il teatro (Lo scoiattolo in gamba, Cristallo di rocca) con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi. E’ appena stata pubblicata per l’etichetta CPO la prima registrazione assoluta del brano Quadri di Segantini di Zandonai, realizzata con l’Orchestra Haydn di Bolzano.

Il 31 dicembre 2001 ha diretto alla Scala il concerto sinfonico che ha chiuso le attività in Teatro prima dei lavori di restauro. Nel giugno 2002 ha diretto, al Teatro Châtelet di Parigi, il concerto finale del concorso di canto Operalia, in seguito al quale Placido Domingo lo ha invitato a dirigere Lucia di Lammermoor all’Opera di Washington. Nel maggio 2003 ha diretto per il Teatro alla Scala la prima mondiale di Vita di Marco Tutino.

Recentemente  è stato presente nel cartellone del Teatro Regio di Torino (Orfeo agli Inferi, La Tempesta di Purcell/Galantee Le nozze di Figaro), del Carlo Felice di Genova (Candide), del Teatro Comunale di Bologna (The Beggar’s Opera), dell’Opera di Roma (Il Gatto con gli Stivali), del Teatro Rendano di Cosenza (L’elisir d’amore), all’Università di Yale (Il Trittico, A Midsummer Night’s Dream e Don Giovanni) all’Opéra de Quebec (Lucia di Lammermoor) ed ha diretto numerosi concerti sinfonici con le Orchestre del Carlo Felice di Genova, del Teatro de La Maestranza di Siviglia e con l’Orchestra Sinfonica di Tenerife. Nel mese di ottobre 2008 ha diretto all’Opera di Washington I pescatori di perle di Bizet e nel luglio 2010 ha inaugurato il Festival di Martina Franca con Napoli Milionaria di Nino Rota, ripresa poi a Cagliari nel luglio 2011. Nell’agosto 2011 ha registrato con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi una vastissima selezione dell’opera di Nino Rota, tra cui alcuni inediti e rarità, che verrà riprodotta in 6 CD nell’arco dei prossimi due anni.

 

Simone Pedroni, allievo di Piero Rattalino al Conservatorio Giuseppe  Verdi” di Milano e di Lazar Berman e Franco Scala all’Accademia “Incontri col Maestro” di Imola, nel 1993 vince la Gold Medal e il Premio di musica da camera al Concorso Van  Cliburn  in  Texas. Da allora è stato solista con alcune tra le più importanti orchestre del mondo e ha collaborato con direttori come Sir Yehudi Menuhin, Vladimir Spivakov, Zubin Mehta, Eliahu Inbal, Stanislav Skrowachevsky, Gianadrea Noseda, Roberto Abbado, Antonello Manacorda, Oleg Caetani, Leonard Slatkin, Riccardo Chailly e Vladimir Ashkenazy. Con l’Orchestra da Camera di Praga ha effettuato una tournée di 29 concerti negli Stati Uniti. Si è esibito al Teatro alla Scala di Milano, alla Carnegie Hall di New York, alla Herkulessaal di Monaco, alla Filharmonia Narodowa di Varsavia, al teatro Colòn di Buenos Aires, oltre a numerosi concerti negli Stati Uniti d’America, Giappone e Cina. Ha inciso per Philips-Classics, per la Bottega Discantica (Variazioni Goldberg di Bach e musiche di Lisz) e per LOL-records musiche di Mussorgsky, Pärt, Schubert, Scarlatti, Bach/Busoni, Chopin, Gottschalk, Horowitz (disponibili anche su iTunes). Dalla stagione 2007/08 è artista in residence dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi. Tra gli impegni recenti, la prima assoluta del Concerto per pianoforte e orchestra di Luis Bacalov scritto proprio per Pedroni e laVerdi; l’esecuzione e la registrazione del Concerto in mi Piccolo mondo antico di Nino Rota. Con l’Orchestra Verdi ha suonato, tra l’altro, anche il Triplo Concerto di Beethoven.

 

 

Auditorium di Milano Fondazione Cariplo

Largo Gustav Mahler

tel. 02.83389.401/2/3 (orario biglietteria: da martedì a domenica, 14.30 – 19.00)

Biglietti: euro 14,00/12,50/7,00

 

 

Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi

Ufficio Stampa

Massimo Colombo

Tel.  +39.02.83389.329 – +39.393.5285464

massimo.colombo@laverdi.org, www.laverdi.org

 

 

 

LEAVE A REPLY