Vittorio Grigolo e Vincenzo Scalera alla Scala

0
151
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoTenore VITTORIO GRIGOLO

Pianoforte VINCENZO SCALERA

-Vincenzo Bellini

Dolente immagine di fille mia

Vanne, o rosa fortunata

Malinconia, ninfa gentile

Per pietà, bell’idol mio

-Gioachino Rossini

da Soirées musicales

La danza

-Gaetano Donizetti

da Il Duca d’Alba

Inosservato, penetrava…Angelo casto e bel

-Giuseppe Verdi

da Il corsaro

Ah sì, ben dite…Tutto parea sorridere

-Francesco Paolo Tosti

Chanson de l’adieu

Pour un baisier

Ideale

‘A vucchella

L’ultima canzone

-Stanislaus Gastaldon

Musica proibita

 

-Ruggero Leoncavallo

Mattinata

-Ernesto De Curtis

Ti voglio tanto bene

-Vincenzo D’Annibale

ʹO paese d’ ʹo sole

Prezzi: da 35 a 5,50 euro

Infotel 02 72 00 37 44

www.teatroallascala.org

Ufficio Stampa Teatro alla Scala

Via Filodrammatici 2 – 20121 Milano

Tel. 02 88 792 412 – Fax 02 88 792 331

stampa@fondazionelascala.it

www.teatroallascala.org

VITTORIO GRIGOLO

Nato ad Arezzo e cresciuto a Roma, già a 4 anni ha scoperto la sua passione per la musica, esibendosi dopo pochi anni come solista nel Coro della Cappella Sistina e debuttando a 13 come Pastorello nella Tosca di Puccini.

In pochi anni la carriera lo ha portato a cantare in tutto il mondo sotto la direzione di Riccardo Chailly, Myung-Whun Chung, Lorin Maazel, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Daniel Oren e Antonio Pappano.

Il suo repertorio comprende circa 24 opere di Mozart, Donizetti, Verdi, Puccini, Offenbach, Gounod, Massenet, Bernstein, oltre a composizioni sacre di Rossini. Considerato tra i più importanti tenori della sua generazione, è ora presente nei più prestigiosi teatri d’opera del mondo: Teatro alla Scala, Covent Garden di Londra, Metropolitan di New York, Washington National Opera, Deutsche Oper di Berlino, Opernhaus di Zurigo, Palau de les Arts di Valencia.

Il suo debutto al Covent Garden nel 2010 nel ruolo di Des Grieux nella Manon di Massenet ha suscitato le lodi della critica internazionale.

Fra le sue recenti esibizioni: Faust e Roméo et Juliette di Gounod, Manon di Massenet, Don Carlo, La traviata, Il corsaro e Rigoletto di Verdi, Les contes d’Hoffmann di Offenbach, La bohème e Gianni Schicchi di Puccini, Lucrezia Borgia e Lucia di Lammermoor di Donizetti.
Spesso presente anche in sede concertistica, nel 2008 è stato invitato a cantare davanti a un pubblico di oltre 40.000 persone nel corso di un evento organizzato a Chicago in onore di Luciano Pavarotti; nel 2010 ha collaborato con Zubin Mehta e la Israel Philharmonic Orchestra in uno speciale gala con Rigoletto in forma di concerto a Tel Aviv; all’inizio del 2011 ha registrato il tutto esaurito la sua tournée di concerti in Germania e Svizzera, durante la quale ha interpretato le arie del suo ultimo album “The Italian Tenor”.

La sua discografia comprende: il suo primo album “In the Hands of Love” premiato col Disco d’Oro e di Platino, West Side Story di Bernstein che gli è valsa una nomination al Grammy, e il suo album “The Italian Tenor” che gli ha meritato il primo posto nella “US Billboard Classical Album Chart”. Il suo ultimo album “Arrivederci” (autunno 2011) comprende la sua personale selezione delle più amate romanze e arie d’opera italiane per tenore.

Inoltre, ha avuto molto successo per le sue esibizioni televisive: nel 2008 come Alfredo nella Traviata trasmessa dal vivo dalla stazione centrale di Zurigo, e nel 2010 per la trasmissione di Rigoletto (regia di Andrea Andermann) ripresa dal vivo nella città di Mantova, nel ruolo del Duca di Mantova accanto a Plácido Domingo in quello di Rigoletto.

Fra i suoi riconoscimenti: “European Border Breakers Award” per il suo primo album solistico “In the Hands of Love” e il “2010 Diapason“ francese “Scoperta dell’anno” per il suo album “The Italian Tenor“; inoltre: “Migliore tenore” dei “2011 Opera Awards” da parte della rivista “L’Opera” per la sua interpretazione di Des Grieux nella Manon al Covent Garden (2010), nonché il prestigioso “ECHO Klassik Newcomer of the Year Award“ del 2011.

Fra i suoi prossimi impegni: La bohème al Covent Garden, Rigoletto al Metropolitan, Lucia di Lammermoor all’Opéra di Parigi, e il nuovo album “Ave Maria“.

 

LEAVE A REPLY