Il Teatro Rendano (CS) celebra, in prima mondiale, i 150 anni della nascita di Pietro Mascagni

0
203
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoPrenderanno il via giovedì 14 marzo a Cosenza, in prima mondiale, le celebrazioni del 150° anniversario della nascita di Pietro Mascagni che proseguiranno fino al 17 marzo. Piatto forte della 53ma stagione lirica e della quattro giorni dedicata al grande compositore toscano sarà, venerdì 15 marzo (ore 20,30), al Teatro “Rendano”, la messa in scena della “Cavalleria Rusticana” per la regia di Guia Farinelli Mascagni, pronipote del compositore livornese, direttore artistico della Comunione Eredi Maestro Pietro Mascagni e Presidente del Comitato per le celebrazioni. “Cavalleria Rusticana” sarà replicata domenica 17 marzo, alle ore 17,00.

Guia Farinelli Mascagni, che è anche membro del Comitato scientifico della Fondazione Teatro “Goldoni” di Livorno, ha dato da subito pieno sostegno affinché le celebrazioni mascagnane partissero proprio dalla città di Cosenza, esprimendo ad Isabel Russinova, direttore artistico del Teatro “Rendano”, il proposito di percorrere insieme al teatro di tradizione cosentino il cammino delle manifestazioni del 150° anniversario della nascita del compositore, uno dei protagonisti assoluti dell’opera lirica e della scena artistica mondiale, tra fine ‘800 e la prima metà del ‘900, e che dal debutto di “Cavalleria Rusticana” seppe tener vivo per mezzo secolo l’interesse dei maggiori teatri italiani, europei e d’America.

Prologo della quattro giorni dedicata a Mascagni sarà il 14 marzo, alle ore 17,00, al Museo dei Brettii e degli Enotri, la proiezione del film muto restaurato “Rapsodia Satanica” di Nino Oxilia (1917), vera e propria rarità cinematografica, musicata proprio da Mascagni.

Ma le celebrazioni entreranno nel vivo con “Cavalleria Rusticana”, trionfale opera d’esordio di Mascagni, rappresentata per la prima volta al Teatro “Costanzi” di Roma il 17 maggio del 1890.

A dirigere l’Orchestra lirico-sinfonica del Teatro “Rendano”, integrata in “Cavalleria Rusticana” come nel resto delle celebrazioni dedicate a Mascagni dalla “Nova Amadeus Chamber Orchestra” di Roma, sarà la bacchetta di Domenico Virgili, direttore e maestro concertatore napoletano, proveniente dal Conservatorio S.Pietro a Majella, prescelto da Roberto De Simone come direttore di molte delle sue produzioni. Presenza costante dei principali teatri e festival italiani ed internazionali, Virgili ha diretto due importanti eventi in Vaticano: la “Messa degli Umili” in memoria di Papa Giovanni Paolo II (Luglio 2006) e, in veste di maestro concertatore, il concerto per Papa Benedetto XVI nella sala delle Benedizioni. In ambito lirico può vantare l’esecuzione di circa cinquanta opere, tra classiche e contemporanee. In “Cavalleria Rusticana” il coro sarà il Lirico “Francesco Cilea” diretto da Bruno Tirotta. Questo, invece, il cast vocale che eseguirà al “Rendano” l’opera tratta dall’omonima novella di Verga e musicata da Mascagni su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci: il soprano napoletano Virginia Todisco sarà Santuzza, il soprano Miriam Artiaco, Lola, il tenore palermitano Alberto Profeta vestirà i panni di Turiddu, il baritono carrarese Sergio Bologna quelli di Alfio e il mezzosoprano Selene Fiaschi quelli di Lucia.

Prima di “Cavalleria Rusticana”, sempre la sera di venerdì 15 marzo ed in replica domenica 17 marzo, il palcoscenico del “Rendano”, ospiterà il “Gran Galà-Omaggio a Pietro Mascagni”, sempre per la regia di Guia Farinelli Mascagni. Con l’aiuto di proiezioni di filmati e documenti inediti e della musica tratta dalle pagine più significative scritte dal grande compositore, si ripercorreranno i momenti più importanti della sua vita e delle sue opere. In questo viaggio a ritroso nel tempo, l’Orchestra lirico-sinfonica, diretta da Domenico Virgili, accompagnerà, nell’esecuzione delle più celebri romanze tratte dalle opere del compositore, le giovani cantanti Marily Santoro, Antonella Biondo e Claudia Donato, espressione del “Cantiere Lirico” della Fondazione Teatro “Goldoni” di Livorno che segna per l’occasione un importante momento di significativa collaborazione con il “Rendano” di Cosenza.

Le celebrazioni di Mascagni a Cosenza proseguiranno poi sabato 16 marzo, alle ore 20,30, sempre al “Rendano”, con l’Omaggio a “Parisina”, l’opera di Mascagni, scritta dal compositore toscano su libretto di Gabriele D’Annunzio, del quale cade proprio quest’anno, singolare coincidenza, il 150° anniversario della nascita. Il Vate e Mascagni furono accomunati anche dall’anno di nascita, il 1863.

Nel corso della serata saranno riproposte alcune parti dell’opera, eseguite dall’Orchestra lirico-sinfonica del “Rendano” con il coro “Francesco Cilea” e dal soprano Miriam Artiaco.

A seguire la “Messa di Gloria” per tenore, basso, coro e orchestra, composta da Mascagni nel 1888.

L’Orchestra lirico-sinfonica del “Rendano”, diretta da Domenico Virgili, e il coro lirico “Francesco Cilea”, diretto da Bruno Tirotta, saranno integrati dagli apporti dei cantanti Sergio Bologna e Alberto Profeta. Direttore musicale di tutte le celebrazioni mascagnane del “Rendano” è Stefano Sovrani.

I biglietti per le serate del “Rendano” dedicate a Mascagni sono in vendita sia al botteghino del teatro che presso l’agenzia Inprimafila di viale degli Alimena.

 

Autore articolo: Giuseppe Di Donna e Raffaello Bosco

LEAVE A REPLY