Otello di Giuseppe Verdi

0
271
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Libretto di Arrigo Boito, da William Shakespeare

Prima rappresentazione: Milano, Teatro alla Scala, 5 febbraio 1887.

Direttore: Giampaolo Bisanti

Regia: Stefano de Luca

Scene e costumi:Leila Fteita

Light designer:Claudio De Pace

Maestro del coro: Antonio Greco

Maestri dei cori di voci bianche: Lidia Basterrechea, Michelangelo Gabrielli

Coro As.Li.Co del Circuito Lirico Lombardo

Orchestra I Pomeriggi Musicali

Cori voci bianche del Teatro Sociale di Como e del Conservatorio di Como

Banda di palcoscenico del Teatro Sociale di Como

Una coproduzione dei teatri del Circuito Lirico Lombardo

 

 

Interpreti

Otello: Walter Fraccaro (29/10) e Francesco Anile (30/10),

Jago: Alberto Gazale, Cassio: Giulio Pelligra, Roderigo: Saverio Pugliese,

Lodovico: Alessandro Spina, Montano: AntonioBarbagallo, Desdemona: Daria Masiero,

Emilia: Raffaella Lupinacci, un araldo: Luca Vianello

Con il contributo di Regione Lombardia e in collaborazione con il Comune di Milano

Già nella notte densa

Otello, opera potente che fa parte dell’ultima fase verdiana, segna il parziale abbandono da parte del maestro di Busseto della scrittura operistica consueta divisa in arie e duetti collegate da recitativi. Nell’opera, i recititavi si caricano, infatti, di musicalità drammatica, tratteggiano i personaggi, grazie a un nuovo e sapiente utilizzo del tessuto orchestrale, e fanno avvicinare l’opera di Verdi alla poetica wagneriana, pur sulla base di una totale differenza di concezione interpretativa del teatro musicale e del dato orchestrale. Otello segna dunque una via italiana che supera i canoni del melodramma classico e va verso una creazione artistico/musicale più moderna, dinamica e, perciò, drammatica.

La shakespeariana tragedia della gelosia, “mostro dagli occhi verdi che dileggia il cibo di cui si nutre”, diviene, nelle mani di Boito, materiale perfetto per consegnare a Verdi un libretto che dia vita sulla scena alle passioni e ai tormenti dei personaggi e ne faccia i gangli di un incedere drammatico inesorabile, perfetto quando si veste di un tessuto musicale che spezza le antiche forme ‘chiuse’ per far nascere l’esempio di un forte, passionale, turbinante dramma musicale moderno.

Otello: un dramma dei personaggi ma anche della vita; quella di ognuno di noi; quella che lascia il particolare di una vicenda per diventare una storia comune a tutti gli esseri umani, sostenuta da una musica di fattura rara, potente ed entusiasmante.

Giampaolo Bisanti

Otello porta in scena l’eterno conflitto tra le forze che agiscono nell’universo così come nel profondo dell’interiorità di ognuno di noi. Solo mettendoci, con umiltà e rispetto, alla ricerca di quel vero dramma musicale lontano dalla convenzionalità che Verdi con Otello aveva efficacemente ricercato, potremo sorprenderci ed emozionarci di fronte a queste umanissime passioni e percepire e rappresentare l’universalità di questa lotta interiore tra gli aspetti oscuri e quelli luminosi dell’anima.

Stefano de Luca

Otello

Una coproduzione Teatri del Circuito Lirico Lombardo. Nuovo allestimento.

Direttore: Giampaolo Bisanti

Regia: Stefano de Luca

Scene e costumi:Leila Fteita

Light designer:Claudio De Pace

Coro AsLiCo del Circuito Lirico Lombardo diretto da Antonio Greco

Orchestra I Pomeriggi Musicali

Cori voci bianche del Teatro Sociale di Como e del Conservatorio di Como diretti daLidia Basterrechea e Michelangelo Gabrielli

Banda di palcoscenico del Teatro Sociale di Como

GIAMPAOLO MARIA BISANTI: direttore

Nato a Milano, compie i suoi studi musicali presso il conservatorio della sua città diplomandosi con il massimo dei voti. Esperto nel dirigere il melodramma italiano, sia in Italia sia all’estero, vanta i suoi maggiori successi con i titoli quali: Bohème, Manon Lescaut,Macbeth, La traviata,Madama Butterfly, L’elisir d’amore,Tosca.

STEFANO DE LUCA: regista

Si diploma alla Scuola di teatro del Piccolo Teatro di Milano. È assistente alla regia di Giorgio Strehler in numerosi spettacoli. Debutta nella regia al Piccolo Teatro con Pinocchio, storia di un burattino e Il piccolo principe da Saint-Exupéry. Approfondisce la sua formazione all’estero e tra le sue regie, si ricordano: Ubu Re, Enrico IV,Questi fantasmi!, Gl’innamorati, Filumena Marturano. Dirige la compagnia LupusAgnus, ed è curatore, assieme a Ferruccio Soleri, dell’ultima edizione dell’Arlecchino servitore di due padroni. Nella campo della lirica, ha curato la regia de Il combattimento di Tancredi e Clorinda e di Don Giovanni.

WALTER FRACCARO: Otello (29/10)

È invitato regolarmente presso i più prestigiosi teatri italiani ed internazionali. Il suo vasto repertorio comprende, tra gli altri: Aida (Radamès), Stiffelio (Stiffelio), Attila (Foresto), SimonBoccanegra (Gabriele), Macbeth (Macduff), La forza del destino (Alvaro), Don Carlo (Don Carlo), Luisa Miller (Rodolfo), Il trovatore (Manrico), La bohème (Rodolfo), Tosca (Cavaradossi), Madama Butterfly (Pinkerton), Mefistofele (Faust), Carmen (Don José), La Gioconda (Enzo), Turandot (Calaf).

FRANCESCO ANILE: Otello (30/10)

Nato a Polistena (Reggio Calabria), si è diplomato in clarinetto e in canto con il massimo dei voti al Conservatorio di Reggio Calabria. Dal 1999 ha iniziato la carriera nei maggiori teatri d’Europa e del mondo. Da anni è presente anche nei cartelloni dei più prestigiosi teatri italiani: La Fenice di Venezia, San Carlo di Napoli, Teatro Massimo di Palermo, Teatro del Giglio, Comunale di Bologna, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Sociale di Como.

ALBERTO GAZALE: Jago

Oltre agli studi universitari letterari, si è diplomato al Conservatorio di Verona con il massimo dei voti, perfezionandosi poi con Carlo Bergonzi. Il suo debutto internazionale è stato con Un ballo in maschera (Renato) all’Arena di Verona nel 1988. Al Teatro alla Scala, sotto la direzione di Riccardo Muti, ha interpretato diversi ruoli ed è ospite regolare della Wiener Staatsoper; ha preso parte a numerose produzioni, fra le quali La traviata, Nabucco, La forza del destino e Tosca.

DARIA MASIERO: Desdemona

Si diploma con il massimo dei voti in canto sotto la guida del soprano G. Caputi, studia violoncello e didattica della musica presso il Conservatorio di Alessandria. Si perfeziona presso l’Accademia della Scala di Milano, con Mirella Freni, Luciana Serra, Leyla Gencer, Rita Orlandi-Malaspina, Luis Alva, Teresa Berganza. Vincitrice di numerosi concorsi, è inoltre una delle cinque finaliste del Cardiff Singing Competition 2005. Ha lavorato con i più grandi direttori e registi del panorama lirico: Antonio Pappano, Riccardo Muti, Nicola Luisotti, James Conlon, Arvo Volmer, Tomasz Tokarczyk, Marco Guidarini, Jari Hämäläinen, Gianandrea Noseda.

GIULIO PELLIGRA: Cassio

Nato a Catania, comincia i suoi studi musicali come pianista ed in seguito canto lirico. Ha frequentato vari master di stile e tecnica vocale con Romolo Guglielmo Gazzani, Renato Bruson, Barbara Frittoli e Luciana Serra. È

finalista e vincitore di numerosi concorsi lirici come il Concorso Salvatore Cicero e Giovanni (Roméo et Juliette) nei teatri di Pisa, Ravenna, Trento e Rovigo; Alfredo (La traviata) al Luglio Musicale Trapanese; Rodolfo (La bohème)

SAVERIO PUGLIESE: Roderigo

ALESSANDRO SPINA: Lodovico

ANTONIOBARBAGALLO: Montano

RAFFAELLA LUPINACCI: Emilia

LUCA VIANELLO: un araldo

GIULIO PELLIGRA: Cassio

Nato a Catania, comincia i suoi studi musicali come pianista ed in seguito canto lirico. Ha frequentato vari master di stile e tecnica vocale con Romolo Guglielmo Gazzani, Renato Bruson, Barbara Frittoli e Luciana Serra. È stato finalista e vincitore di numerosi concorsi lirici come il Concorso Salvatore Cicero e Giovanni Pacini. Nel 2013 é finalista al Concorso per giovani cantanti lirici d’Europa dell’AsLiCo. Ha interpretato il ruolo di Almaviva (Il barbiere di Siviglia) al Teatro Civico della Spezia e al Teatro Nazionale di Malta; Roméo (Roméo et Juliette) nei teatri di Pisa, Ravenna, Trento e Rovigo; Alfredo (La traviata) al Luglio Musicale Trapanese; SAVERIO PUGLIESE: Roderigo

ALESSANDRO SPINA: Lodovico

ANTONIOBARBAGALLO: Montano

RAFFAELLA LUPINACCI: Emilia

LUCA VIANELLO: un araldo

 

_______________________________________________________________________________________________

Teatro degli Arcimboldi

Viale dell’Innovazione, 20 – 20126 Milano

Tel. 02.64.11.42.212/214

www.teatroarcimboldi.it

www.ipomeriggi.it/facebook

www.youtube.com/teatroarcimboldi

Biglietteria Ticketonewww.ticketone.it

Biglietti da 20,00 a 60,00 (+ prevendita)

Sono previste riduzioni per giovani, gruppi e anziani

LEAVE A REPLY