Anna Cappelli, uno studio

0
128
Condividi TeatriOnline sui Social Network
foto
Foto di Pepe Russo

regia Pierpaolo Sepe

aiuto regia Sandra Conti

scene Francesco Ghisu

costumi Gianluca Falaschi

luci Carmine Pierri

trucco Vincenzo Cucchiara

una produzione Fondazione Salerno Contemporanea

 

 

La stagione del Teatro Cantiere Florida prosegue sabato 8 marzo 2014 alle ore 21 all’insegna di una grande interprete della scena nazionale: Maria Paiato, che porta in scena, diretta da Pierpaolo Sepe, la storia di Anna Cappelli, personaggio nato dalla vena creativa di Annibale Ruccello. Maria Paiato si fa così interprete straordinaria di un testo necessario dove la protagonista si fa antagonista di se stessa, all’interno di una complessità sfumata e contemporanea.

Anna Cappelli è la storia di una persona comune, osservata mentre scivola nella follia fino a farsi “mostro”, ma che Annibale Ruccello (geniale drammaturgo scomparso a soli trent’anni a metà degli anni Ottanta) colma di pietà: la pietà per i deboli, i traditi, i pazzi, i disperati, gli emarginati.  Una grande prova d’attrice per Maria Paiato, che si cimenta in un monologo intenso scritto da una delle voci più interessanti del teatro italiano della seconda metà del Novecento. Così Pierpaolo Sepe, Premio Marte Award 2012 per la regia per Anna Cappelli. Uno studio, descrive la significatività del monologo di Ruccello “Il testo è insidioso e pieno di trabocchetti. La mostruosa e depravata sottocultura piccolo-borghese invade ogni respiro del dramma, incarnandosi in una donnina in apparenza docile e insignificante. L’intelligenza dell’autore sta nel nascondere, dietro la follia della normalità, un processo culturale drammatico che ha vissuto il nostro paese: la protagonista del dramma porta in sé la miseria degli anni in cui divenne importante avere piuttosto che essere. Il principio del possesso, che ancora guida le nostre vite, si affermò ingoiando tradizioni culturali nobili e preziose. Fu in quegli anni che Pasolini urlò il dolore di chi avvertiva il pericolo che la sua stessa opera potesse perdere forza poetica e politica a causa di una dispersione drammatica di senso e di una tentazione di immoralità capitalistica. Fu in quegli anni che perdemmo l’onore. Fu in quegli anni che nacquero i cannibali, i padri della cultura odierna”.

 

Inoltre, Anna Cappelli. Uno Studio apre il ciclo “Ritratti di donna”, dedicato alle storie di cinque celebri figure femminili, vissute in luoghi e tempi differenti, interpretate dalle attrici culto del nuovo teatro contemporaneo: la possessiva Anna, la visionaria Giovanna, la fragile Marilyn, la shakespeariana Lucrezia, l’innamorata Eva Brown.
Per “Ritratti di donna” il Teatro Cantiere Florida e Teatro Studio di Scandicci si uniscono per offrire al loro pubblico la possibilità di assistere, con un unico abbonamento al prezzo speciale di 45 € a 5 spettacoli della stagione teatrale in corso.
Gli altri appuntamenti di “Ritratti di donna” sono: Elisabetta Pozzi in Giovanna D’Arco (14-15 marzo, Teatro Cantiere Florida), Mariangela D’Abbraccio in Marilyn Monroe Fragments (5 aprile, Teatro Cantiere Florida), Lo Stupro di Lucrezia di Valter Malosti con Alice Spisa (8-9 aprile, Teatro Studio Scandicci) e Federica Fracassi in Eva di Massimo Sgorbani (16-17 aprile, Teatro Studio Scandicci).

 

Maria Paiato si è diplomata all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico nel 1984, ha recitato con importanti registi come Luca Ronconi, Mauro Bolognini, Giancarlo Sepe, Maurizio Scaparro, Antonio Calenda, Nanni Loy, Roberto Guicciardini, Giampiero Cicciò, Valerio Binasco. Al cinema è stata diretta, tra gli altri, da Francesca Archibugi (Lezioni di volo, 2007) e Marco Martani (Cemento armato, 2007). È stata poi interprete nel 2009 del ruolo di magistrato nel film della Comencini Lo spazio bianco. Ha poi interpretato Ida Rosselli nel film di Luca Guadagnino Io sono l’amore, al fianco di Tilda Swinton. Questo film è stato candidato ai Golden Globes 2010 nella categoria “film straniero” ed ha ottenuto un lusinghiero successo negli Stati Uniti. Maria Paiato ha vinto numerosi premi tra cui il Premio Borgio Verezzi (1994), il Premio Flaiano (2001), il Premio Olimpici del Teatro (2004), la Maschera d’oro (2005), e due Premi Ubu (2005 e 2006). Il 14 settembre 2007 le è stato assegnato il Premio Olimpici del Teatro per il monologo Un cuore semplice nella categoria One woman show, mentre il 12 ottobre 2009 ha ricevuto il premio intitolato a Eleonora Duse come migliore attrice per la stagione teatrale 2008-2009.

 

 

Biglietti per gli spettacoli 15/12 €

Abbonamento “Ritratti di donna” x 545 €

 

TEATRO CANTIERE FLORIDA

Via Pisana 111/R – 50143 Firenze 

+39.055.7135357 –www.teatroflorida.it

 

Orari della biglietteria

dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 18.00 in orario continuato.

Nei giorni dello spettacolo il botteghino sarà aperto dalle ore 19.00 alle ore 21.00.

 Prevendita e prenotazioni

I biglietti inoltre sono acquistabili presso tutti i punti vendita del circuito Boxoffice e online su Boxol.

È possibile effettuare la prenotazione telefonica chiamando il numero 0557130664 dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle ore 18.00 o scrivendo una mail a prenotazioni@teatroflorida.it specificando nominativo, titolo e data dello spettacolo, numero di posti richiesti e numero di telefono.

 

LEAVE A REPLY