The Crazy Gender Show

0
257
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoCoreografia Lorenzo Schiavo Michele Pogliani

Drammaturgia Raffaella Appià

Sound design Tommy Deep

Light design Alberto Trabucco

Coach recitazione Massimo Zannola

The Crazy Gender Show vuole essere un nuovo tipo di performance, che si adatta allo spazio che trova (teatro, discoteca, museo, edificio pubblico, location insolite) e che include danza, musica , recitazione, interazione col pubblico e soprattutto… divertimento. L’ispirazione viene dalla ricerca di coreografi e danzatori di andare oltre la danza, oltre le limitazioni, oltre la noia e l’apatia.

Il palco in questo caso sarà una specie di openspace nel quale il pubblico potrà, se vuole, entrare nel vivo dello spettacolo.

“Una nuova strada. Ci siamo persi, ci siamo incontrati in mezzo alla folla,

abbiamo guardato lontano e abbiamo sperimentato. Con l’urgenza di

divertirci.

Abbiamo provato a non essere noi stessi, ci siamo cambiati i vestiti e

siamo rimasti fedeli alle nostre intenzioni. Abbiamo sciolto i capelli e

siamo diventati forti, cantando, suonando e ballando tutti insieme.

Eravamo in un club con un drink in mano, senza maschere, senza generi,

senza un capo e senza convenzioni.

Possiamo giocare con le differenze? Dove danzare se non ovunque?

Quale finzione per addolcire la realtà?

Entrate nel nostro mondo, scoprirete il suono che vi danza dentro.”

La compagnia DIA si presenta, con la sua prima serata completa, non solo come compagnia di danza contemporanea ma come collettivo di giovani talenti, professionisti e semi-professionisti, che lavorano in vari ambiti.

D.I.A (Dichiarazione Inizio Attività) è una giovanissima compagnia che costituisce la struttura produttiva del triennio di alta formazione professionale (TAF) della Formazione Bartolomei diretta da Raffaella Appià con il coordinamento organizzativo di Michele Pogliani

 

C.V.

MICHELE POGLIANI

Nato a Roma comincia i suoi studi di danza presso il Centro Professionale di Danza Contemporanea diretto da Elsa Piperno e Joseph Fontano. Nel 1984 si trasferisce a New York per continuare i suoi studi principalmente con Merce Cunningham e nel balletto classico.

Durante i dodici anni trascorsi a New York, lavora con varie compagnie: Rosalind Newman and Dancers (1986-87), Laura Dean Dancers and Musicians (1988) e la Lucinda Childs Dance Company (1989-1996), con la quale partecipa al tour mondiale dell’opera Einstein on the Beach di Robert Wilson e Philip Glass. Contemporaneamente lavora con giovani coreografi quali Eric Barsness,Ruby Shang, Doug Varone e in Italia con Enzo Cosimi, Roberta Gelpi e Adriana Borriello.

Al suo rientro in Italia nel 1996 presenta uno spettacolo di assoli, Rebel Angels, con le coreografie di Molissa Fenley, Jeremy Nelson, Sara Skaggs, Doug Varone e Tere O’Connor.

Debutta come coreografo nel 1996 con La Rosa Incarnata commissionata dalla compagnia Danzare la Vita.

Nel 1997 forma la sua compagnia CMP con la quale produce diversi spettacoli a serata. Dal suo debutto alla definitiva chiusura nel 2005, la compagnia lavora molto in Italia e all’estero (Francia, Inghilterra, Israele, Marocco, Belgio). Vanta inoltre coproduzioni con festival ed enti quali Festival Inequilibrio, AMAT, Festival Montpelleir Danse, Comune di Roma e Festival di Todi.

Dal 1997 a oggi ha creato balletti per varie compagnie e accademie: Ilinx per il Balletto di Toscana (per loro monta anche una versione di 20 minuti di Cyber Queer Lounge), SINless e Coppelius:ACT2themirror per la Compagnia del Teatro Nuovo di Torino, The Four Sections, Pulcinella e Ballo Sport per l’Accademia Nazionale di Danza, Venus as a Boy #1 per la Rotterdamse Dansacademie, Capricci e Bisticci per il Balletto di Mimma Testa, The Arena Love per il Dansgroep Krisztina de Chatel e L’Arte della Fuga per il Festival RODA di Rotterdam. Quest’anno ha montato The Arena Love per Il Balletto di Roma. Quest’anno crea per loro Compromised: The Drama, WWW e Parental Advisory.

Attualmente sta lavorando ad un proprio progetto video,Ambiguity 7.0

Comincia a insegnare nel 1993 a Milano presso la Scuola D’Arte Drammatica “P. Grassi”. Da allora ha insegnato in Italia, a Londra (International Dance Workshop), New York (New York University – Tish School for the Arts), ), Rotterdam (Rotterdamse Dansacademie, DansAteliers, Izola Plesni Kampus (Slovenia), L’Aia (Holland Dance Festival), Amesterdam (Henny Jurriens Stichting), e per le compagnie Dansgroep Krisztina de Chatel, Danceworks Rotterdam e DV8 Physical Theater.

Dal 2004 al 2009 é stato Coordinatore e docente presso CODARTS – Rotterdamse Dansacademie in Olanda sotto la Direzione Artistica di Samuel Wuersten.

Dal 2010 insegna per il triennio di Alta Formazione presso la Formazione Bartolomei e continua a collaborare in veste di ospite con l’Accademia di Rotterdam.

Nel 1998 vince il Premio Danza&Danza come miglior coreografo/danzatore, nel 2001 il Premio Positano alla carriera e nel 2005 il Premio Anita Bucchi come miglior coreografia con Venus as a Boy.

LORENZO SCHIAVO

Nato nel 1980 inizia i suoi studi di danza a Roma, perfezionandosi a Reggio Emilia presso la Fondazione Nazionale della Danza Aterballetto e diplomandosi presso il Codarts Rotterdam Dance Academy in Olanda. Studia la tecnica classica e contemporanea, recitazione, improvvisazione, tecniche di respirazione e rilassamento, danza jazz e hip hop con maestri di fama internazionale.

Lavora in diverse compagnie di danza contemporanea in Italia e all’estero. Tra le più importanti Krisztina De Chatel Dansgroep (Amsterdam), Compagnia Michele Pogliani (Roma), Balletto dell’ Esperia (Torino), Compagnia Petrillo Danza, danzando coreografie di Michele Pogliani, Stephen Shropshire, Itzik Galili, Krisztina De Chatel, Vaclav Kunes, Mauro Bigonzetti, Paolo Mohovich, Loris Petrillo, Massimiliano Volpini. Ha collaborato come danzatore, mimo e attore con il Teatro del’ Opera di Roma , il Teatro Regio di Torino, il Teatro La Fenice di Venezia, la Fondazione Nazionale della Danza Aterballetto.

E’ attualmente assistente alle coreografie di Michele Pogliani per le sue produzioni presso il Balletto di Roma. E’ insegnante e coreografo presso il Centro di Danza Mimma Testa e presso Formazione Bartolomei a Roma.Oltre all’ ottima conoscenza musicale coltiva interessi nel mondo dell’arte, della fotografia e del design ed è consulente d’immagine e Fashion Advisor.

Biglietteria danza

intero € 10,00

ridotto € 10,00

Abbonamenti

carnet 10 spettacoli a scelta (prosa+danza) € 100,00

carnet 5 spettacoli a scelta (prosa+danza) € 60,00

Botteghino:

dal martedì al venerdì dalle 9 alle 21.30 orario continuato

lunedì dalle 9 alle 18,00

sabato dalle 16 alle 21,30

domenica dalle 16 alle 19

Teatro Vascello

Via Giacinto Carini 78 _ Zona: Monteverde ROMA

SOSTIENI LA CULTURA VIENI AL TEATRO VASCELLO

UNO SPAZIO DI LIBERTA’ DOVE L’IMMAGINAZIONE DIVENTA REALTA’

Come raggiungerci: Il Teatro Vascello si trova in Via G. Carini 78 a Monteverde Vecchio a Roma sopra a Trastevere, vicino al Gianicolo. Con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma tel 06 5800108; Via Francesco Saverio Sprovieri, 10, Roma tel 06 58122552; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma tel 06 5803217.

Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano: da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello

Coop. La Fabbrica dell’Attore (ONLUS) iscritta all’Albo delle Cooperative n.A138933 Partita Iva 00987471000 C.F. 01340410586

via Giacinto Carini n.78 00152 Roma tel. 065881021 fax 065816623 E-mail: amministrazione@teatrovascello.it www.teatrovascello.it

LEAVE A REPLY