Il pianista Pietro De Maria e il direttore Marco Boni con l’OPV

0
348
Condividi TeatriOnline sui Social Network

banner borgoriccoMartedì 17 marzo verrà recuperato il concerto previsto inizialmente per giovedì 19 febbraio e rinviato per un’indisposizione del pianista franco-canadese Louis Lortie. Invariato il programma, interamente dedicato a Beethoven. Il ricavato del concerto, organizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, sarà devoluto in beneficenza all’Associazione Sportiva Dilettantistica Coco Loco di Padova.

Orchestra di Padova e del Veneto
Orchestra di Padova e del Veneto

Martedì 17 marzo 2015 al Teatro Aldo Rossi di Borgoricco (PD) verrà recuperato il concerto dell’Orchestra di Padova e del Veneto inizialmente programmato per giovedì 19 febbraio e rinviato per l’indisposizione del pianista franco-canadese Louis Lortie. È prevista una doppia sostituzione in quanto al posto di Louis Lortie, che avrebbe ricoperto il doppio ruolo di pianista e direttore, si esibiranno il pianista veneziano Pietro De Maria e il direttore d’orchestra emiliano Marco Boni. Rimarrà invariato il programma, interamente dedicato a Ludwig van Beethoven, con l’esecuzione del Primo, del Terzo e del Quinto Concerto per pianoforte e orchestra.

L’appuntamento è realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, con cui l’Orchestra di Padova e del Veneto può arricchire la propria offerta al territorio promuovendo occasioni concertistiche di respiro internazionale.

La giornata musicale inizierà alle 11.00 con la prova generale aperta alle scuole. Alle 21.00 si terrà il concerto aperto al pubblico. Il biglietto d’ingresso avrà la cifra simbolica di 10 euro: il ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza all’Associazione Sportiva Dilettantistica Coco Loco di Padova.

Pietro De Maria
Pietro De Maria

Il programma beethoveniano inizia con il Concerto n. 1 in do maggiore per pianoforte e orchestra op. 15, ultimato nel 1798 e pubblicato nel marzo del 1801. La composizione venne dedicata da Beethoven a una sua giovane allieva, Anna Luisa Barbara von Keglevich, detta Babette. Questo Primo Concerto risente ancora dell’influsso di Haydn e di Mozart: nei tre tempi che lo compongono — Allegro con brio, Largo e Rondò (Allegro scherzando) — si ammirano l’eleganza dello stile strumentale e la scorrevolezza della tecnica pianistica, che danno vita a un discorso di grande fluidità e di sicura presa sul pubblico.

Si prosegue con il Concerto n. 3 in do minore per pianoforte e orchestra op. 37, con la dedica «A Son Altesse Royale Monseigneur le Prince Louis Ferdinand de Prusse». Già abbozzato intorno al 1800, fu completato nel 1802 ed eseguito, con Beethoven al pianoforte, il 5 aprile 1803 a Vienna. L’anno seguente verrà pubblicato e rieseguito, con l’autore sul podio e Ferdinand Ries come solista, incontrando un successo tale da renderlo il concerto pianistico beethoveniano più eseguito di tutto l’Ottocento. Tra i momenti più esaltanti di questo Concerto va senz’altro citata la cadenza del primo tempo, cioè la magia con cui Beethoven inventa il ‘passaggio del testimone’ tra il solista e l’orchestra per la conclusione del movimento.

Il programma si conclude con il Concerto n. 5 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra op. 73 detto “L’Imperatore”, l’ultimo concerto beethoveniano per pianoforte e orchestra. Il lavoro, dedicato all’arciduca Rodolfo d’Asburgo, venne composto tra il 1809 e il 1810 e presentato la prima volta il 28 novembre 1811 a Lipsia. Il Quinto Concerto di Beethoven è una delle composizioni per pianoforte e orchestra più celebri e popolari di tutti i tempi. Vi sono già alcune caratteristiche che saranno tipiche dello stile romantico: il solista dialoga con l’orchestra, anticipandone o raccogliendone le straripanti invenzioni.

Il pianista veneziano Pietro De Maria, già vincitore del Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca nel 1990, del primo premio al Concorso Internazionale Dino Ciani alla Scala di Milano (1990), del primo premio al Géza Anda di Zurigo (1994) e del Premio Mendelssohn ad Amburgo (1997), ha inciso l’integrale delle opere di Chopin per la DECCA e dal 2012 è impegnato in un progetto bachiano con l’esecuzione e la registrazione dei due libri del Clavicembalo ben temperato e delle Variazioni Goldberg. ll direttore d’orchestra emiliano Marco Boni, fondatore e violoncello solista dei Virtuosi Italiani, si è dedicato alla direzione d’orchestra dopo l’incontro con Sergiu Celibidache, divenuto suo insegnante nel 1987.

Biglietto unico 10 euro

I biglietti saranno messi in vendita da OPV presso la biglietteria del Teatro a partire dalle ore 10.00 del 17 marzo. Il ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza all’Associazione Sportiva Dilettantistica Coco Loco di Padova.

www.opvorchestra.it – info@opvorchestra.it – T. 049 656626 – 656848

 

LEAVE A REPLY