Auditorium Parco della Musica (Roma): ecco gli appuntamenti del weekend

0
229
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Sussie Ahlburg
Foto di Sussie Ahlburg

Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia

Sabato 18 aprile ore 18 – lunedì 20 ore 20,30 – martedì 21 ore 19,30

Omaggio a Casella e Ravel

Il ritorno dopo dieci anni di Gianandrea Noseda

Il concerto sarà trasmesso in diretta su RAI RADIO 3 lunedì 20 aprile

Si potrà rimanere sorpresi ascoltando la Sinfonia n. 2 di Alfredo Casella, eseguita da uno specialista di questo repertorio quale è Gianandrea Noseda, assente dal podio di Santa Cecilia da oltre dieci anni; sarà perciò interessante risentirlo alla guida dei complessi ceciliani per il concerto di sabato 18 aprile alle ore 18 – Sala Santa Cecilia (con repliche lunedì 20 ore 20,30 e martedì 21 ore 19,30) in questa pagina che documenta la ricchezza e il cosmopolitismo della scena musicale italiana del ’900.

Questa Sinfonia testimonia le molteplici influenze che si intrecciano nell’opera del giovane Casella, e costituisce forse il più importante riflesso dell’opera di Gustav Mahler sulla musica italiana accogliendo echi di danza e ritmi militari in una costruzione di sicuro esito emotivo e spettacolare.

Casella svolse una attività fondamentale di diffusione e contatto, un trait d’union attento ed infallibile, tra quanto di nuovo accadeva in Europa e l’Italia musicale del suo tempo dove alcuni musicisti – tra cui lo stesso Casella – erano impegnati nella reazione al melodramma attraverso un ritorno alla musica strumentale.

Tra questi musicisti va annoverato anche Maurice Ravel – con il quale Casella ebbe continui contatti – di cui Noseda dirige, una accanto all’altra, le due Suites che Ravel stesso trasse dal suo balletto Daphnis et Chloé.

———–

Venerdì 17 aprile, ore 18.30 | Roma, Auditorium Parco della Musica| Libreria Notebook

OMAGGIO A ALFREDO CASELLA

in occasione della pubblicazione del dvd

Casella con Enrico Dindo e l’Orchestra Filarmonica della Scala diretta da Gianandrea Noseda (Sony Classical)

e del volume

La musica al tempo dell’aereo e della radio a cura di Francesco Lombardi (EDT/Cidim)

Insieme al Maestro Gianandrea Noseda interverranno

Michele dall’Ongaro Presidente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Francesco Lombardi musicologo

Gianandrea Noseda è riconosciuto come uno dei più importanti direttori d’orchestra della sua generazione. È stato premiato come “Direttore dell’anno” per il 2015 dal “Musical America”, la più autorevole pubblicazione dell’industria musicale internazionale.

La sua nomina a Direttore Musicale del Teatro Regio Torino nel 2007 segna per questo storico teatro italiano l’inizio di una nuova era, caratterizzata da un crescente interesse internazionale generato da nuove produzioni, tournée, registrazioni discografiche e progetti audiovisivi. Queste attività hanno proiettato il Teatro Regio Torino nel mercato globale, dove oggi svolge un ruolo importante nella promozione della cultura musicale italiana. Con Gianandrea Noseda il Teatro Regio Torino ha realizzato le sue prime importanti tournée internazionali che lo hanno visto protagonista in Austria, Cina, Francia, Germania, Giappone e Russia.

Nell’Agosto 2014 Gianandrea Noseda ha portato il Teatro Regio Torino – per il debutto nel Regno Unito – al Festival di Edimburgo, dove il Guglielmo Tell in forma di concerto è stato considerato uno degli eventi più significativi. Nel Dicembre dello stesso anno ha guidato i complessi del teatro nel primo storico e acclamatissimo tour nordamericano con recite in forma di concerto del Gugliemo Tell a Chicago (Harris Theater), Toronto (Roy Thomson Hall), New York (Carnegie Hall) e Ann Arbor, Michigan (University Musical Society).

Gianandrea Noseda è anche Direttore Ospite Principale della Israel Philharmonic Orchestra, “Victor De Sabata Guest Conductor” della Pittsburgh Symphony Orchestra, Direttore Principale dell’Orquestra de Cadaqués e Direttore Artistico del Festival di Stresa. È stato alla guida della BBC Philharmonic dal 2002 al 2011; nel 1997 era stato il primo artista non-russo ad assumere la carica di Direttore Ospite Principale del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, rimanendovi per un decennio.

Gianandrea Noseda collabora con alcune tra le maggiori orchestre del mondo, tra cui la London Symphony Orchestra (che dirige regolarmente al Barbican Centre di Londra e in tourné), la NHK Symphony di Tokyo, la Philadelphia Orchestra, la Filarmonica della Scala oltre ai Wiener Symphoniker. Dal 2002 è ospite abituale del Metropolitan di New York dove ha diretto diverse nuove produzioni, ultima in ordine di tempo quella del Principe Igor del quale, insieme al regista Dmitri Tcherniakov, ha realizzato una nuova versione di grande successo, ora disponibile in DVD per Deutsche Grammophon.

Momenti salienti del 2015 sono i debutti con la Filarmonica di Berlino e al Festival di Salisburgo, come pure il ritorno alla Israel Philharmonic, alla Philadelphia Orchestra e all’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Sul podio della Filarmonica Teatro Regio Torino è ospite per la prima volta del Festival di Pasqua di Aix-en Provence. L’impegno con i giovani musicisti proseguirà inoltre alla guida della European Union Youth Orchestra per la tournée europea che nell’Agosto 2015 visiterà anche il Festival di Edimburgo.

Gianandrea Noseda collabora dal 2002 con l’etichetta discografica Chandos, per la quale ha realizzato una quarantina di registrazioni discografiche, molte delle quali hanno ricevuto premi e riconoscimenti dalla critica internazionale; in particolare, da oltre un decennio è impegnato nel progetto Musica Italiana, che ha permesso di riportare alla luce capolavori sinfonici dimenticati. Con la Filarmonica di Vienna e con l’Orchestra Teatro Regio Torino ha registrato i più recenti album di arie di Ildebrando d’Arcangelo, Rolando Villazon, Anna Netrebko (per Deutsche Grammophon) e Diana Damrau (per Warner Classics).

Nato a Milano, Gianandrea Noseda è Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana, in riconoscimento del suo contributo alla diffusione della cultura musicale italiana nel mondo.

———–

Stagione Sinfonica 2014-2015

Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia

Sabato 18 aprile ore 18 – lunedì 20 ore 20,30 – martedì 21 ore 19,30

Gianandrea Noseda direttore

Ravel             Daphnis et Chloé: Suite n. 1 e n. 2

Casella           Sinfonia n. 2

Biglietti: da 19 € a 52 €   –   Info: 068082058

——————

Domenica in musica

La Grande Musica ad un piccolo prezzo! Rivolti ad un vasto pubblico, i Matinée sono destinati a giovani, studenti e famiglie che intendono avviare un rapporto “leggero” e vivo con l’esperienza dell’ascolto musicale. I concerti, della durata massima di un’ora e senza intervallo, hanno luogo presso la Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica e sono preceduti da un’introduzione al programma. Un’ occasione unica per accedere, ad un prezzo molto conveniente, alla grande Musica.

Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia

Domenica 19 aprile

ore 11 – introduzione

ore 12 – concerti

Orchestra e Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Gianandrea Noseda direttore

Ravel             Daphnis et Chloé: Suite n. 1 e n. 2

Biglietti: Intero 12, Euro – Under 30, 8 Euro

Stagione di Musica da Camera

Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli

Venerdì 17 aprile ore 20,30

The King’s Singers

Volare

Fondato nel 1968 da sei studenti del King’s College di Cambridge, l’ensemble dei King’s Singers è diventato in poco tempo uno dei più popolari gruppi “a cappella” prima in Gran Bretagna e poi nel mondo. Con un repertorio assai variegato che copre sei secoli di musica dal medioevo alla musica contemporanea, folk e pop si è esibito nelle maggiori sale da concerto e cattedrali di tutto il mondo. Il loro stile associa  tecnica, sicurezza di gusto e humour.

Il concerto per la Stagione di Musica da Camera di Santa Cecilia di venerdì 17 aprile (ore 20,30 – Sala Sinopoli) darà l’occasione di ascoltare pagine polifoniche come quelle di Striggio, Palestrina, Gabrieli, accostate, con ironia e divertimento ai Nonsense di Petrassi o ai canti tradizionali, dal pop italiano alle ballate jazz e blues di Ella Fitzerald,  fino alle cover di tanti evergreen diventati veri e propri standard musicali.

Definiti dal Times come il gruppo “inossidabile da oltre quarant’anni, pur cambiando elementi di quando in quando” e da Gramophone come “incantevoli all’ascolto dalla prima all’ultima nota”, i King’s Singers sono un gruppo davvero straordinario e continuano ad essere uno dei gruppi vocali più amati dal pubblico e dalla critica di tutto il mondo, con un repertorio ricco e variato che va da Gesualdo a György Ligeti e Michael Bublé.

Noti a livello internazionale per le loro esibizioni in campo classico e nella musica antica, i King’s Singers mantengono quella brillantezza che è la gioia dei loro numerosi ammiratori anche quando cantano un repertorio più leggero e sono immediatamente riconoscibili per la loro intonazione impeccabile, la straordinaria fusione vocale, la chiarezza dell’articolazione , i tempi perfetti.

Il coro è formato da David Hurley controtenore, alla sua ventiseiesima stagione col complesso, da Julian Gregory tenore alla sua prima stagione, da Christopher Bruerton baritono alla sua quarta stagione, da Christopher Gabbitas baritono alla sua dodicesima stagione, da Timothy Wayne-Wright controtenore alla quarta stagione  e da Jonathan Howard basso alla sua terza stagione.

Si sono succeduti fino ad oggi solamente venticinque King’s Singers, compresi i sei attuali, e sono pochi considerando che il loro lavoro a tempo pieno esige una grande natura musicale, abilità vocale, presenza scenica e una resistenza fisica notevole per poter rimanere in tournée nove mesi all’anno.

Nel corso dello stesso concerto il loro repertorio può variare dalla Polifonia Rinascimentale, ai madrigali, alla musica popolare o folk fino alla musica contemporanea da loro commissionata o al pop, perché la regola dei King’s Singers è da sempre che tutto è musica.  Qualunque sia il genere musicale, i King’s Singers trovano il modo migliore di arrangiarlo per le loro sei voci.

“Questo rende  faticoso imparare il repertorio ma di grande soddisfazione” dice Tim, arrivato nel 2009 “Faccio fatica  a rendermi conto di quanta musica io sia riuscito ad imparare in così breve tempo, e per di più noi tutti dobbiamo presentare i brani nella lingua del paese che ci ospita e spesso scherziamo con il pubblico, cosa che è un vero marchio di fabbrica dei King’s Singers”.

Impresa non comune per un gruppo con un calendario così impegnativo, i sei membri continuano a dividersi alcune responsabilità amministrative ed a sviluppare i loro progetti personali. Ogni anno viaggiano attraverso il mondo tenendo circa 120 concerti oltre a registrazioni, trasmissioni televisive, corsi e  masterclasses.

I King’s Singers si sono esibiti in tutto il mondo in molte delle più belle sale da concerto in Francia, Germania, Stati Uniti, Ungheria, Polonia, Russia, Lituania, Belgio e Olanda, Svezia, Spagna, Messico, Giappone, Corea del Sud, Cina, Hong Kong, Australia e naturalmente in Italia .

Lanciato nell’autunno 2013 alla Royal Albert Hall di Londra, il loro cd live “Great American Songbook” comprende 17 brani arrangiati appositamente per il gruppo da Alexander L’Estrange. Le loro oltre 150 registrazioni hanno raccolto moltissimi premi e  riconoscimenti della critica internazionale, compreso un Premio Grammy per “Simple Gifts”.

Nel giugno 2013 il grande contributo dei King’s Singers alla discografia classica è stato riconosciuto selezionandoli come uno dei due soli gruppi vocali aggiunti alla “Grammophone Hall of Fame”, sottolineando la loro influenza e ispirazione attraverso gli anni. I progetti discografici del prossimo futuro comprendono anche un disco per DGG con l’oboista Albrecht Mayer dedicato all’inverno.

I King’s Singers mantengono un grande impegno a favore della nuova musica e hanno commissionato oltre 200 opere a numerosi importanti compositori contemporanei , tra i quali:  Richard Rodney Bennett, Luciano Berio, Peter Maxwell Davies, György Ligeti, Steve Martland, GianCarlo Menotti, Krzysztof Penderecki, Ned Rorem, John Rutter, Gunther Schuller, Toru Takemitsu e John Tavener, Ivan Moody, Gabriela Lena Frank, John McCabe, Bob Chilcott e Eric Whitacre. Nel 2013/14 il gruppo ha commissionato delle nuove composizioni a James MacMillan e a Joanna Marsh.

Il gruppo ha naturalmente anche una straordinaria storia televisiva. Molto amati dal famoso Mormon Tabernacle Choir, i King’s Singers si sono esibiti con loro durante i Giochi Olimpici Invernali di Salt Lake City nel 2002 e nel 2007 sono apparsi come ospiti d’onore nel loro concerto di Natale davanti ad un pubblico di oltre 80.000 persone. L’esibizione è stata diffusa negli Stati uniti dal Public Broadcasting Service (PBS) che riunisce oltre mille reti televisive ed è disponibile in DVD.

Nei primi anni della loro attività  il coro è stato famoso per le sue frequenti partecipazioni al Nana Moskouri Show (una volta anche con l’attore comico e musicista Dudley Moore), al programma di Ronnie Corbett e al Royal Variety Show.  Le loro apparizioni televisive negli USA comprendono la partecipazione ad uno special di Natale – vincitore di un Premio  Emmy – con Julie Andrews, Placido Domingo, e John Denver e numerose presenze ai Tonight Show e Today Show della NBC.

I loro DVD, come il documentario From Byrd to The Beatles, hanno ulteriormente incrementato il numero dei loro fans, che vanno dal Sud America a Singapore, e il complesso è apparso alla tv anche in Corea, Giappone e Cina e naturalmente in molte televisioni e radio in tutta Europa.

Oltre che nei loro concerti sempre esauriti in tutto il mondo, i King’s Singers condividono la loro arte anche in numerosi incontri e masterclasses. Le vendite degli spartiti della loro musica hanno raggiunto cifre eccezionali con tre diversi editori. Basti dire che un solo editore ne ha venduto oltre due milioni di copie. Gli arrangiamenti dei King’s Singers sono cantati in tutto il mondo nelle scuole, dai cori dei colleges, e da cori professionisti ed amatoriali .

Due DVD sono disponibili presso l’editore delle loro musiche  Hal Leonard, King’s Singers: A workshop, con estratti da masterclasses e da concerti e un precedente video The Art of the King’s Singers, illustra la vita quotidiana del sestetto durante prove, concerti e masterclasses.

Stagione di Musica da Camera

Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli

Venerdì 17 aprile ore 20,30

The King’s Singers

Trionfo di Dori

Alessandro Striggio Eran ninfe e pastori

Philippe de Monte Lungo le chiare linfe

Giovanni Gabrieli Se cantano gl’augelli

Gasparo Zerto L’inargentato lido

Giovanni da Palestrina Quando dal terzo cielo

Mendelssohn, Der Erste Frühlingstag

Petrassi, Nonsense

Cartoline da tutto il mondo

Trad. Canada Feller from Fortune

Trad. Galles Suo Gan

Trad. Scozia O my love is like a red, red rose

A postcard from Italy

American Songbook

Cy Coleman and Carolyn Leigh, The best is yet to come

Arthur Hamilton, Cry me a river

Charles Trenet and Jack Lawrence, Beyond the sea

Victor Young and Edward Heyman, When I fall in love

Richard Rodgers and Lorenz Hart, The lady is a tramp

Biglietti da 18 a 38 euro – Infoline 068082058

LEAVE A REPLY