Teatro Dragoni (Meldola): ecco la nuova stagione 2015/2016

0
453
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoCon la Stagione 2015/2016 del Teatro Dragoni, prosegue l’ininterrotta e ultratrentennale collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di Meldola e Accademia Perduta/Romagna Teatri. Una longevità in cui il Dragoni ha dimostrato una vivacità sia artistica che progettuale puntualmente premiata da una partecipata risposta del pubblico che, della dinamicità del Dragoni, ha dimostrato di apprezzare tanto le proposte tradizionali quanto quelle più innovative e coraggiose che ne hanno fatto anche esempio e modello per altre realtà del territorio.

Così, accanto alla rassegna di Prosa, qualificata da nomi e proposte d’eccellenza dell’offerta teatrale italiana, alle matinée di Teatro Scuola e alle commedie in lingua vernacolare, il Teatro Dragoni ha diversificato la sua offerta artistica con il cartellone “A Teatro in Famiglia”, nato dalla volontà ed intuizione dell’Amministrazione Zattini, che in poche edizioni è diventato il vero e proprio “fiore all’occhiello” del Teatro meldolese. Con le sue proposte del migliore teatro per ragazzi italiano, in scena nell’inconsueta fascia oraria serale del sabato, la rassegna offre a tutte le famiglie della città un’importante occasione di svago e condivisione in tempi frenetici come quelli moderni, in cui i momenti di aggregazione e divertimento comune del nucleo familiare sono quasi una chimera. Con una sala sempre gremita di pubblico, il cartellone è andato via via ampliandosi e, per la Stagione 2015/16, saranno cinque le rappresentazioni della rassegna che confermerà altresì la felice collaborazione con la ristorazione locale, nata parallelamente alla rassegna e che permette, con la formula “A cena e a Teatro in Famiglia”, di consumare la cena e recarsi a Teatro ad un prezzo assolutamente vantaggioso!

La rassegna di Prosa, che come ogni anno alternerà con eleganza ed equilibrio commedia brillante e registri drammatici, sarà inaugurata dalla simpaticissima Veronica Pivetti, protagonista di Lady Mortaccia – La vita è meravigliosa. Seguirà l’intenso e drammatico Mar del Plata di Claudio Fava, una nuovissima co-produzione di Accademia Perduta/Romagna Teatri e Società per Attori, interpretata da Claudio Casadio, Giovanni Anzaldo e Fabio Bussotti e diretta da Giuseppe Marini. Lunetta Savino sarà poi protagonista di Grand Guignol all’italiana per poi lasciare il palcoscenico a Vito e Claudia Penoni con l’esilarante Ogni martedì alle 18. In chiusura di rassegna arriveranno a Meldola due “prime donne” delle nostre scene: Mariangela D’Abbraccio che, insieme a Blas Roca Rey, presenterà la commedia Cancun e Lucrezia Lante Della Rovere con la sua più recente fatica Io sono Misia, diretta da Francesco Zecca.

Come già accennato, la rassegna A Teatro in Famiglia sarà composta da cinque rappresentazioni che, come da consolidata tradizione, andranno in scena nei sabato sera di gennaio, febbraio e marzo 2016. Cinque serate in cui il palcoscenico del Dragoni sarà “invaso” dalla magia, la poesia, la musica e tutti gli elementi propri che hanno fatto del Teatro Ragazzi italiano uno dei più apprezzati ed esportati al mondo. Protagoniste della rassegna saranno alcune delle compagnie leader del settore con spettacoli di altissima qualità che non mancheranno di meravigliare e divertire il giovane pubblico e le famiglie meldolesi.

L’offerta del Dragoni per i più giovani sarà poi completata dalle matinée di Teatro Scuola con un cartellone di quattro spettacoli (per sette rappresentazioni) per il pubblico delle Scuole materne e tutti gli ordini e gradi di quelle dell’obbligo.

Non mancheranno infine due appuntamenti con la grande tradizione del teatro dialettale romagnolo.

——–

PROSA

Ad inaugurare la nuova Stagione di Prosa del Teatro Dragoni sarà la brillante simpatia di Veronica Pivetti con la pièce Lady Mortaccia – La vita è meravigliosa, scritta e diretta da Giovanna Gra. Lady Mortaccia è uno spettacolo musicale dalle tinte gotiche e irriverenti con punte di comicità al confine con l’impegno, in cui Veronica Pivetti veste i panni di una morte moderna, dinoccolata, sarcastica e candida. In un’ora e mezzo di spettacolo, la Pivetti passa dal canto di denuncia alla commozione, allo sberleffo. Al suo fianco troviamo Sentenza, una dispettosa e poco servizievole falce (Elisa Benedetta Marinoni) e il buffo Funesto, maggiordomo mite e sottomesso (Oreste Valente), che seguono la “nera signora” improvvisando con lei balli, sfilate di moda e gags scoppiettanti e divertenti (lunedì 9 novembre ore 21).

Il Teatro Dragoni ospiterà poi Mar del Plata, nuovissima co-produzione di Accademia Perduta/Romagna Teatri e Società per Attori, un intenso testo di Claudio Fava interpretato, nei ruoli principali, da Claudio Casadio, Giovanni Anzaldo e Fabio Bussotti per la regia di Giuseppe Marini. La storia propone un parallelo fra i vissuti delle comunità argentina e italiana, in anni in cui la violenza e il potere hanno schiacciato i diritti umani. Il racconto degli scomparsi trova eco nelle parole dei vivi: quelle delle madri di Plaza de Mayo, quelle delle vedove di Via D’Amelio che riannodano i fili invisibili che legano vite lontane fra loro, quelle dei giovani agenti di Borsellino che rinunciano alle ferie per far da scorta al loro giudice e quelle dei giovani rugbisti di Mar del Plata che rinunciano a trovare rifugio in Francia pur di giocarsi fino all’ultima partita il loro campionato… (venerdì 27 novembre ore 21).

Lunetta Savino sarà poi protagonista, con la regia di Alessandro D’Alatri, di Grand Guignol all’italiana di Vittorio Franceschi. Gli “eroi” della pièce sono una innocente colf depressa, un salumiere di successo, una guida turistica ignorante con una moglie fedifraga e isterica e un postino sensibilmente gay, tutti coinvolti in una storia di liti, strafalcioni, soldi… come nelle migliori famiglie, con immancabile coup de théâtre finale… (mercoledì 9 dicembre ore 21).

Vito e Claudia Penoni saranno poi interpreti dell’esilarante Ogni martedì alle 18, una commedia di Francesco Freyrie e Andrea Zalone, diretta da Daniele Sala. Ogni martedì alle 18, nello studio di una psicoanalista, si presenta un uomo affetto da un disturbo di multi-personalità. Un giorno assume le sembianze di un postino, un altro quelle di un vescovo, un altro ancora quelle di Batman. L’uomo cambia in continuazione spinto da una necessità impellente: realizzare desideri. Per farlo scivola da una personalità all’altra per aggiustare piccole storture, per esaudire quei sogni che la società e la politica non riescono più ad avverare. Inizia così la più folle, comica, favolosa seduta psicoanalitica che si possa immaginare… (domenica 17 gennaio ore 21).

Seguirà Cancun, una commedia dagli aspetti comici e surreali sulle relazioni e i desideri inconfessabili dell’amore coniugale. Lo spettacolo, scritto da Jordi Galceràn e diretto da Marco Mattolini, è interpretato da Mariangela D’Abbraccio e Blas Roca Rey. Due coppie di amici vanno in vacanza a Cancun, meta perfetta per celebrare vent’anni di amicizia. Tutto sembra perfetto: Francesca e Giovanni con Laura e Paolo si godono il paradiso che li accoglie, in un ambiente naturale da favola, ma festeggiano forse con troppe bollicine il loro arrivo. L’ebbrezza infatti porta a rivelare segreti che sarebbe stato meglio restassero tali, rendendoli consapevoli che le cose in passato sarebbero potute andare in maniera diversa… (lunedì 8 febbraio ore 21).

L’ultima protagonista del cartellone sarà Lucrezia Lante Della Rovere con lo spettacolo Io sono Misia, un testo del poeta Vittorio Cielo liberamente ispirato alle memorie di Misia Sert, “regina” dei salotti parigini. Nello spettacolo, la Lante Della Rovere, nei panni di Misia, soprannominata “ape regina dei geni”, svelerà i segreti dei suoi amici Picasso, Proust, Chanel, Ravel, Debussy, Stravinsky, Toulouse Lautrec, Cocteau, Nijinsky… Dopo il successo di Malamore, Premio Flaiano, Lucrezia Lante della Rovere continua a dare vita a profili di donne straordinarie che hanno costruito la cultura del ‘900, rivelando al pubblico l’incredibile storia e la fascinosa personalità di Misia Sert (mercoledì 2 marzo ore 21).

——–

A TEATRO IN FAMIGLIA

Con la conferma di un successo che immancabilmente si rinnova di anno in anno, in questa Stagione il cartellone A Teatro in Famiglia sarà composto da cinque rappresentazioni del migliore teatro per ragazzi italiano (ma adatti a tutti i pubblici), programmate nella fascia oraria serale del sabato. Per questa rassegna si conferma altresì la collaborazione con l’Assessorato al Commercio del Comune di Meldola e dei ristoratori della città, grazie alla quale, nelle sere di spettacolo, sarà possibile cenare al ristorante e andare a Teatro con soli 10 euro!

L’edizione 2016 della rassegna partirà con Voglio la luna del Teatro Pirata. Fabio è nella sua cameretta, alle prese con i suoi giochi ma soprattutto con comandi, raccomandazioni e rimproveri della mamma. Non è per niente tranquillo, gli sembra che le cose non vadano mai come lui vorrebbe e di non poter far niente per cambiarle. Finché una notte, come per magia, viene svegliato da un soffio di vento e si accorge che lì, proprio nella sua camera, è venuta a trovarlo la luna! È bellissima, grande, luminosa… giocano insieme e poi lei, così come è arrivata, scompare. Fabio decide che vuole averla a tutti i costi e parte per una fantastica avventura alla fine della quale riesce a catturare la luna e a portarla in camera sua. Gli sembra che tutti i suoi problemi siano finiti per sempre, solo che Fabio non sa che nel mondo, senza più la luna nel cielo, i problemi sono appena cominciati… (sabato 16 gennaio ore 21).

La rassegna proseguirà con Sotto la neve di Accademia Perduta/Romagna Teatri, uno spettacolo di Marcello Chiarenza interpretato da Maurizio Casali e Mariolina Coppola. Sotto la neve dipinge con allegria e poesia l’alternanza del caldo e del freddo nel ciclo delle stagioni: l’arrivo (inizialmente spiacevole) del freddo, con le sue piccole seccature, e l’avvento, dolce ed inatteso, della primavera. Il tutto in un gioco buffo e gaio, portato avanti con ironia e dolcezza da due attori-clown che coinvolgono il pubblico (sabato 6 febbraio ore 21).

Sarà poi la volta di La storia di un punto dei Teatri Comunicanti, la vera, incredibile e mai prima d’ora raccontata, storia del mondo. Cronaca di uno spazio primordiale, immenso, bianco e silenzioso, di un piccolo punto nero che lo abita, della sua solitudine e del suo scoramento. Di una provvidenziale punta che arriva, del loro incontro, di tanti puntini scalmanati che nascono e che, prendendosi per mano, incredibilmente diventano linee. Fatti di linee curiose che, incastrandosi, vanno a formare delle inaspettate figure geometriche che mosse da irrefrenabile attrazione si compongono, disegnando il mondo delle origini… (sabato 20 febbraio ore 21).

La compagnia Fontemaggiore presenterà poi un classico senza tempo che vanta innumerevoli versioni: I tre porcellini. In alcune riletture, i primi due porcellini riescono a sopravvivere, in alcune il lupo viene mangiato, mentre in altre scappa sconfitto con la coda in fiamme. In questo spettacolo la compagnia è rimasta fedele alla versione del racconto più simile all’originale: i primi due porcellini muoiono, il lupo viene mangiato dal terzo, simbolo della sopravvivenza e della capacità di prevedere le cose (sabato 5 marzo ore 21).

Il quinto ed ultimo appuntamento in cartellone sarà Il giro del mondo in 80 giorni della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani. Il londinese Phileas Fogg ed il suo cameriere francese Passepartout tentano di circumnavigare il globo terrestre in soli 80 giorni, utilizzando ogni mezzo di trasporto, antico e moderno, per vincere una scommessa di 20.000 sterline fatta con i compagni del Reform Club. Uno spettacolo dinamico, ricco di suggestioni gestuali e musicali, provenienti da vari continenti… (sabato 19 marzo ore 21).

——–

TEATRO SCUOLA

Le rappresentazioni mattutine per le Scuole della città partiranno con la nuovissima produzione di Accademia Perduta/Romagna Teatri Jack e il fagiolo magico, uno spettacolo di Marcello Chiarenza, diretto da Claudio Casadio e interpretato da Maurizio Casali e Mariolina Coppola. Lo spettacolo è agito da due attori che impersonano i ruoli del narratore, del protagonista e dei vari personaggi della vicenda ed è ambientato in una vecchia soffitta in cui, di volta in volta, vengono ritrovati oggetti-chiave, elementi che richiamano alla memoria l’antica fiaba narrata. Affiancati da alcuni oggetti “magici” (per esempio l’enorme scarpone del gigante, il grande paiolo della moglie dell’orco, gli strumenti per la mungitura…) gli attori coinvolgeranno i bambini fino a farli entrare completamente nella vicenda di Jack, con le sue emozioni, le sue speranze, le sue scoperte ma soprattutto con i suoi tremendi spaventi (14 e 15 gennaio ore 9,30).

Seguiranno: 1914 La Tregua della compagnia Anfiteatro (12 febbraio ore 9,30), Cuore di ciccia di Cà Luogo D’Arte, uno spettacolo tratto dal noto e omonimo testo di Susanna Tamaro (17 e 18 marzo ore 9,30) e La gallinella rossa di Tanti Cosi Progetti (7 e 8 aprile ore 9,30).

——–

TEATRO DIALETTALE

I tradizionali appuntamenti con il teatro in lingua vernacolare vedranno protagonisti il Cinecircolo del Gallo con A.S.M.A. Agenzia Segreta Matrimoni Affini (5 dicembre alle ore 21) e la storica Cumpagnì dla Zercia con Ines, Ada, Ida e è su fradel (19 dicembre alle ore 21).

——–

ABBONAMENTI e BIGLIETTI

PROSA

Rinnovo abbonamenti della scorsa stagione (2014/2015): da sabato 10 a venerdì 16 ottobre 2015 (festivi esclusi) dalle ore 17 alle ore 19 presso il Teatro Dragoni – Piazza Orsini, Meldola (tel. 0543 490089).

Nuovi abbonamenti: sabato 24 ottobre 2015 dalle ore 9 alle ore 12 presso il Teatro Dragoni e da lunedì 26 a giovedì 29 ottobre 2015 dalle ore 9 alle ore 12 presso il Teatro Il Piccolo – Via Cerchia 98, Forlì (tel. 0543 64300)

Prevendita Biglietti: il sabato antecedente ogni spettacolo (salvo eccezioni) dalle ore 9 alle ore 12 presso il botteghino del Teatro Dragoni e dal lunedì antecedente al giorno di spettacolo presso gli uffici del Teatro Il Piccolo di Forlì. Non si effettuano prevendite nei giorni festivi.

Nelle sere di spettacolo il botteghino del Teatro Dragoni apre alle ore 20.

Vendita on line PROSA (www.vivaticket.it): da venerdì 30 ottobre al giorno precedente lo spettacolo prescelto (salvo diverse disposizioni della Direzione del Teatro).

Prezzi

Abbonamenti Prosa Intero Ridotto

Platea – Palchi I, II, III ordine centrale € 100,00 € 84,00

III Ordine Palchi laterali € 71,00 € 58,00

Biglietti Prosa Intero Ridotto

Platea – Palchi I, II, III ordine centrale € 19,00 € 16,00

III Ordine Palchi laterali € 14,00 € 12,00

Loggione € 8,00

Riduzioni: giovani che non abbiano ancora compiuto 18 anni e persone oltre i 65 anni.

——–

A TEATRO IN FAMIGLIA

Non si effettuano prevendite, né vendite on line, né abbonamenti per gli spettacoli di questa rassegna. Nelle sere di spettacolo la Biglietteria del Dragoni aprirà alle ore 20. Come nelle precedenti edizioni, si conferma l’iniziativa A cena e… A Teatro in Famiglia, grazie alla quale, nelle sere di spettacolo sarà possibile recarsi a cena in tutti i ristoranti convenzionati, tra le ore 19 e le ore 20,30, a soli 10 euro.

Il tagliando che sarà consegnato alla cassa del ristorante darà diritto all’ingresso al Teatro Dragoni.

Per chi non usufruirà di tale convenzione, il biglietto d’ingresso è di 5 euro (prezzo unico per bambini e adulti). La prenotazione in Teatro è obbligatoria ai numeri: 0543/64300 oppure 0543/490089.

——–

TEATRO SCUOLA: prenotazioni telefoniche dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 presso gli uffici del Teatro Il Piccolo di Forlì (0543/64300). Prezzo del biglietto: 4 euro (posto unico).

——–

TEATRO DIALETTALE

Biglietti: € 6 (settore unico). Non sono previste riduzioni. La vendita dei biglietti si effettuerà il giorno stesso dello spettacolo presso il botteghino del Teatro Dragoni a partire dalle ore 20.

——–

Per informazioni: 0543/490089 oppure 0543/64300

teatrodragoni@accademiaperduta.it – www.accademiaperduta.it

LEAVE A REPLY