Il Monello

0
190
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi Charlie Chaplin ideazione

ideazione e adattamento di Lorenzo Cognatti

Trasposizione  teatrale del  film  “THE  KID”  di Charlie  Chaplin.

con:

BRIAN LATINI Il Vagabondo

FRANCESCA DI FRANCO  La Donna

ROBERTO  FAZIOLI/JACOPO  SICCARDI  Il Poliziotto,  Il Bullo,  Il Dottore

GABRIELE  DAVOLI Il Monello

Regia: Lorenzo Cognatti

Costumi:  Fiome  & Kamila  Sarkova

Scenografie: Alessandro  Chiti  -­ Laboratorio Jobel

Direzione tecnica: Roberta Paolombo

Tecnico  luci:  Mariachiara Sammartino

Direzione  organizzativa: Marinella  Montanari

Produzione: Jobel Teatro

———

Sarà in scena al Teatro dell’Angelo  dal  9  al  25 ottobre  2015 lo spettacolo Il Monello di Charlie Chaplin, da un’ideazione e adattamento di  Lorenzo Cognati, una trasposizione teatrale del film The Kid di Charlie Chaplin, pellicola muta del 1921. Sul palco quattro virtuosi della danza e della pantomina:  Brian Latini, Il Vagabondo, Francesca Di Franco, La Donna, Roberto Fazioli e in alternanza Jacopo Siccardi Il Poliziotto,  Il Bullo, il Dottore  e il piccolo talento Gabriele Davoli, Il Monello, di soli sette anni.

Vincitore del Premio Attilio Corsini 2014 e del Premio Giovanni Cerami 2015, lo  spettacolo  traduce nel linguaggio della scena teatrale la divertente e  commovente vicenda del più celebre trovatello  della storia del cinema. Uno spettacolo incantevole, adatto al pubblico  tutte le età: la genialità, la poesia, il divertimento, il  divertimento e l’emozione del pubblico del prendono vita

sulla scena  divertimento e l’emozione del film prendono vita sulla scena. Aprono  la storia due misteriosi operai di Studios Cinematografici  intenti a svuotare un vecchio magazzino. Una delle pellicole risulta essere particolarmente interessante, aprendola appare una luce e… una voce. La pellicola prende vita sulla scena ed ecco: il Vagabondo. Come ogni mattina combatte il freddo tentando di accendersi una sigaretta, dopo  due boccate, il suo  sguardo si imbatte in neonato abbandonato. Suo malgrado decide di adottarlo e di diventare un ragazzo padre. Il bimbo cresce con il  Vagabondo accompagnandolo in una rocambolesca attività di vetraio ambulante. Il piccolo lo precede con il compito di rompere a sassate le finestre… che poi per coincidenza il Vagabondo, nei panni di un vetraio di passaggio, sarà chiamato a riparare. Partono così rincorse, fughe dalla polizia, combattimenti con teppisti di strada. La Madre del bambini, baciata da nuova fortuna e divorata dai sensi di colpa per l’abbandono compiuto incontra un giorno il   bizzarro  riconoscendo nel monello il proprio figlio perduto, ma prima di arrivare al lieto fine il Monello e il Vagabondo dovranno ancora faticare per difendere il loro essere insolita famiglia.

Un racconto muto, come muto è il film, ma incredibilmente comunicativo. Movimento, pantomima, musica, toccano il cuore del pubblico di ogni età.  Sulla scia del  grande film, una magia senza tempo per regalare e forse una lacrima. Tutta la famiglia può riunirsi a teatro per un indimenticabile incontro con l’intramontabile arte del grande Charlie Chaplin.

LEAVE A REPLY