Scene invisibili d’inverno

0
179
Condividi TeatriOnline sui Social Network

opera foyer

Sabato 20 febbraio alle 17.30, nuovo appuntamento al Teatro Verdi di Padova con “Opera Foyer”. Il chitarrista e direttore d’orchestra Stefano Cardi eseguirà brani tratti dal repertorio di John Dowland, Hans Werner Henze, Mauro Giuliani e Francisco Tárrega.

Prosegue al Teatro Verdi di Padova il ciclo di concerti di “Opera Foyer”, rassegna ideata dagli Amici della Musica di Venezia in collaborazione con Comune di Padova, Regione del Veneto e Teatro Stabile del Veneto.

L’appuntamento di sabato 20 febbraio alle 17.30, dall’evocativo titolo “Scene invisibili d’inverno”, vedrà protagonista Stefano Cardi, chitarrista e direttore d’orchestra italiano internazionalmente noto, fondatore a Roma del Freon Ensemble e particolarmente attivo nel repertorio contemporaneo.

Stefano Cardi
Stefano Cardi

Il programma che Cardi presenterà al Foyer si sviluppa lungo oltre quattro secoli a partire dai celebri ritratti, e autoritratti, cortesi in forma di danza del viandante liutista John Dowland (1563–1626): The Most Sacred Queen Elizabeth Her Galliard, The Right Honourable Robert, Earl Of Essex His Galliard e Semper Dowland Semper Dolens. Ad essi si accompagneranno le visioni dei personaggi di shakespeariani Ofelia, Romeo e Giulietta e Lady Macbeth concepite da Hans Werner Henze (1926-2012) nell’opera per chitarra “First Sonata on Shakespearean Characters”. Trapuntano il programma le parafrasi operistiche virtuosistiche di Mauro Giuliani (1781-1829): Variazioni su ‘Nel cor più non mi sento’ da ‘La Molinara’ di Paisiello e la Seconda Marcia nell’opera La Semiramide di Rossini; e il Frammento dal Mefistofele di Boito di Francisco Tárrega (1852-1909).

Biglietti
Intero € 10,00
Ridotto € 8,00 (abbonati stagione di prosa 2015.16)

I Biglietti in vendita presso la biglietteria del Teatro Verdi oppure on line www.teatrostabileveneto.it

Per informazioni
Amici della Musica di Venezia
info@amicimusicavenezia.it +39 3287372286
www.amicimusicavenezia.it

LEAVE A REPLY