John e Joe

0
295
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi Agota Kristof

tradotto da Pietro Faiella

Interpreti Nicola Pannelli, Sergio Romano

Scene Mario Fontanini

Aiuto regia Aleph Viola

Regia Valerio Binasco

Produzione Narramondo Teatro/Popular Shakespeare Kompany/Fondazione Teatro Due Parma

————-

Il Teatro Stabile regionale, per la rassegna “Altri percorsi” ospita per la prima volta un testo di Agota Kristof, una delle scrittrici più moderne e interessanti del secolo, come sembra leggendo le note biografiche. Nata nel 1935 in una Ungheria profondamente segnata dalla Seconda Guerra Mondiale è arrivata in Svizzera, dove faticosamente apprende il francese, lingua che sceglierà per scrivere prima nell’ambito teatrale, poi cimentandosi con i romanzi: “La Trilogia della città di K.”, “Il grande quaderno”, La prova ecc. ecc.

Ha ricevuto inoltre riconoscimenti prestigiosi come il Premio Schiller, uno dei massimi premi letterari svizzeri, il Gottfried Keller- Preis, ed il Prix Kossuth.

John e Joe” è uno dei suoi primi lavori giovanili.

L’inizio è delicato. Con movenze quasi clowesche, due attori si rincorrono sulla scena passando dietro ad una tenda/pannello e diventando l’uno il prolungamento dell’altro.

Come? A teatro tutto è possibile anche che due gambe divengano elastiche e le braccia si muovano a mulinello avanti e indietro, nuotando nell’aria. Due sono gli attori, due quindi, i personaggi, ma rispecchiano un’unica complessa identità suddivisa in mille sfumature.

Uno è magro, l’altro no. Uno è stralunato, l’altro no. Uno ha il cappello, l’altro no. Uno è rotondo, l’altro no. Uno è morbido, l’altro ruvido.

foto
Foto di Sara Ciommei

Uno parla lentamente con voce debole ma chiara e comprensibile, quasi sillabando come a capire meglio ciò che dice, l’altro farfuglia impastando le parole velocemente. Un tavolino rotondo fra loro due, che non li divide ma li comprende, nel senso di “prenderli insieme”. E questo è il senso di indissolubilità che li collega con un filo invisibile e li rende “necessari” l’uno all’altro.

La quadratura del cerchio è data da un fondale che prosegue sulla scena a far da pavimento. È rosa, quel che gli intenditori di moda chiamano “rosa antico” o forse “confetto” o ancora meglio “cipria”. Sì. È un colore rosa cipria a far da sfondo e da terreno di incontro – scontro alla storia di John e Joe che non ha inizio né fine anche se divisa in due o tre momenti-giornate. E come la cipria, pur impalpabile e leggerissima, penetra nelle narici soffocando tutti quelli che sono nelle vicinanze del piumino di cipria sventolato nell’aria, così l’atmosfera della Sala Bartoli si è impregnata della cipria esistenziale del piumino sventolato da John e Joe.

Gestualità, sicuramente non originale, vista in mille altri grandi attori personalizzata però con simpatia, voci e silenzi, sguardi e ammiccamenti, risate trattenute che scoppiano silenziosamente, pensieri che sfuggono, inseguiti e condivisi: di piccole parole si compone una frase.

È l’attesa, momento di apparente ozio, che invita a riflessioni profonde. Il “doppio” di intenso e problematico ricordo, la “coppia” comica e surreale, le “due metà della mela”… sono due ma sembrano tanti… ognuno può riconoscersi almeno in un aspetto, anche marginale, del carattere tratteggiato con tenera mordace bravura dagli attori, Nicola Pannelli e Sergio Romano guidati con discrezione e incisività dalla sapiente regia di Valerio Binasco.

I passi registrati del cameriere, presenza invisibile ed ingombrante all’inizio infastidisce, poi se ne cerca una ragione.

È il solito trucchetto per risparmiare. Solo due attori in scena annoiano, c’è poco da dirsi. Avanguardia. Sperimentazione. Teatro intimista, teatro da camera. Teatro da bar. Il teatro, quello vero, è fatto da una compagnia con tanti attori. Teatro è quando la storia si dipana, con intrecci a volte anche troppo aggrovigliati tanto che diventa difficile sbrogliare il gomitolo. Teatro è dove accadono i famosi Colpi di scena. Teatro è Shakespeare!… ma non solo… Ne è passata di acqua sotto i ponti da allora…anche se non sempre limpida e rigenerante…

Abbiamo voglia di bere acqua fresca, pura, di sorgente… intanto aspettiamo fra un referendum e l’altro che l’acqua arrivi a tutti…

Teatro è aspettare sempre che arrivi qualcuno e a parte Godot non è facile aspettare senza che nulla accada.

Non voglio con questo penalizzare lo spettacolo, che ha assolutamente la sua ragion d’essere, ma il pubblico ha voglia di attori, tanti e bravi, della Compagnia che porta con sé il mistero del Teatro.

Vogliamo che lo Stato la smetta di tagliare i fondi alla cultura perché a parte le scelte più o meno intellettuali del regista o di chi per esso, la verità è che non ci sono i soldi e per poter recitare si fa di tutto.

Torniamo a John e Joe. Si sorride, nonostante la tristezza e la “drammaticità” della situazione. “Perché alcuni hanno tanti soldi e spendono e altri non ne hanno?

La risposta non è il lavoro, perché “non si può lavorare più di tutto il giorno in un giorno”. La semplicità delle domande non trova risposte altrettanto evidenti, ma è illuminante il senso profondo nascosto dietro a tutto il ragionamento appena accennato.

La difficoltà di pensare invita alla riflessione. La lentezza dell’azione è una non-azione e pertanto il non-agire è esso stesso un procedimento filosofico che conduce al nucleo essenziale dell’esistenza.

Quando cominceremo a smettere di agitarci per rimanere fermi e lasciare che le cose accadano?

Siamo noi occidentali capaci di lasciar andare il flusso degli eventi senza dover cercare di controllare tutto? Quando capiremo che è Tutto un’illusione?

Quando capiremo di essere manipolati e convinti di amare la nostra condizione di schiavi?

Lo spettacolo ha ottenuto il suo scopo. Fa divertire e fa riflettere

Il pubblico applaude ed esce soddisfatto.

LEAVE A REPLY