Tamerlano

Il 12, 19, 22, 25, 27, 30 settembre; 4 ottobre al Teatro alla Scala, Milano

0
218
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Opera in tre atti

Libretto di Nicola F. Haym da Agostino Piovene

Musica di  GEORG FRIEDRICH HÄNDEL

Nuova produzione Teatro alla Scala

———

Direttore DIEGO FASOLIS

Regia DAVIDE LIVERMORE

Scene DAVIDE LIVERMORE e GIÒ FORMA

Costumi MARIANA FRACASSO

Video VIDEOMAKERS d-WOK

———

Personaggi e interpreti

Tamerlano Bejun Mehta

Bajazet Plácido Domingo (12, 19, 22, 25, 27 sett.)

Kresimir Spicer (30 sett.; 4 ott.)

Andronico Franco Fagioli

Irene Marianne Crebassa

Asteria Maria Grazia Schiavo

Leone Christian Senn

Orchestra del Teatro alla Scala su strumenti storici

———

Date:

martedì 12 settembre 2017 ore 20 ~ prima rappresentazione ~ turno D

martedì 19 settembre 2017 ore 20 ~ turno E

venerdì 22 settembre 2017 ore 20 ~ turno C

lunedì 25 settembre 2017 ore 20 ~ turno B

mercoledì 27 settembre 2017 ore 20 ~ turno A

sabato 30 settembre 2017 ore 20 ~ fuori abbonamento

mercoledì 4 ottobre 2017 ore 20 ~ ScalAperta*

Il 12 settembre l’opera sarà trasmessa in diretta stereofonica da Rai Radio Tre.

———

Prezzi: da € 210 a € 13

*Prezzi recita ScalAperta: da € 105 a € 6,5

Infotel 02 72 00 37 44

www.teatroallascala.org

———

La produzione segna il debutto scaligero di uno dei più importanti registi italiani, Davide Livermore, manager e direttore artistico del Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia.La produzione segna il debutto scaligero di uno dei più importanti registi italiani, Davide Livermore, manager e direttore artistico del Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia.Tra le novità più importanti della scorsa Stagione spicca la nascita di un complesso barocco in seno all’orchestra scaligera sotto la supervisione di uno specialista come Diego Fasolis. Banco di prova è stato Il trionfo del Tempo e del Disinganno, oratorio in forma scenica cui nel 2017 fa seguito una delle grandi opere di Händel: Tamerlano, scritta per la Royal Academy of Music nel 1724 ed eseguita per la prima volta al King’s Theatre lo stesso anno. L’opera porta in scena l’amore del re dei Tartari (qui Bejun Mehta, uno dei grandi controtenori del nostro tempo al debutto scaligero) per Asteria (Maria Grazia Schiavo), figlia del prigioniero imperatore ottomano Bajazet (Plácido Domingo, che ritorna al registro tenorile).

La produzione segna il debutto scaligero di uno dei più importanti registi italiani, Davide Livermore, manager e direttore artistico del Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia.

Tra le novità più importanti della scorsa Stagione spicca la nascita di un complesso barocco in seno all’orchestra scaligera sotto la supervisione di uno specialista come Diego Fasolis. Banco di prova è stato Il trionfo del Tempo e del Disinganno, oratorio in forma scenica cui nel 2017 fa seguito una delle grandi opere di Händel: Tamerlano, scritta per la Royal Academy of Music nel 1724 ed eseguita per la prima volta al King’s Theatre lo stesso anno. L’opera porta in scena l’amore del re dei Tartari (qui Bejun Mehta, uno dei grandi controtenori del nostro tempo al debutto scaligero) per Asteria (Maria Grazia Schiavo), figlia del prigioniero imperatore ottomano Bajazet (Plácido Domingo, che ritorna al registro tenorile).

La produzione segna il debutto scaligero di uno dei più importanti registi italiani, Davide Livermore, manager e direttore artistico del Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia.

Tra le novità più importanti della scorsa Stagione spicca la nascita di un complesso barocco in seno all’orchestra scaligera sotto la supervisione di uno specialista come Diego Fasolis. Banco di prova è stato Il trionfo del Tempo e del Disinganno, oratorio in forma scenica cui nel 2017 fa seguito una delle grandi opere di Händel: Tamerlano, scritta per la Royal Academy of Music nel 1724 ed eseguita per la prima volta al King’s Theatre lo stesso anno. L’opera porta in scena l’amore del re dei Tartari (qui Bejun Mehta, uno dei grandi controtenori del nostro tempo al debutto scaligero) per Asteria (Maria Grazia Schiavo), figlia del prigioniero imperatore ottomano Bajazet (Plácido Domingo, che ritorna al registro tenorile).

———

 

Tamerlano per la prima volta alla Scala

con Domingo e Bejun Mehta

Il complesso barocco dell’Orchestra scaligera guidato da Diego Fasolis alla seconda prova dopo il successo de Il trionfo del Tempo e del Disinganno l’anno scorso. In scena un grande cast che accanto al Tamerlano di Bejun Mehta e al Bajazet di Plácido Domingo comprende Marianne Crebassa e Franco Fagioli. Debutto scaligero per il regista Davide Livermore che ambienta la vicenda nell’ottobre 1917

La grande opera barocca torna alla Scala dal 12 settembre con Tamerlano di Händel diretto da Diego Fasolis. La regia è affidata a Davide Livermore, al debutto scaligero, che firma anche le scene con lo studio Giò Forma; il cast riunisce intorno al Bajazet di Plácido Domingo alcuni dei più interessanti cantanti della scena barocca: protagonista è il controtenore Bejun Mehta, mai ascoltato al Piermarini, Irene il mezzosoprano Marianne Crebassa, ormai beniamina del pubblico scaligero dopo le apparizioni ne Le nozze di Figaro e L’enfant et les sortilèges, Andronico il controtenore Franco Fagioli e Asteria il soprano Maria Grazia Schiavo.

Tamerlano è il secondo impegno del complesso barocco dell’Orchestra scaligera formatosi l’anno scorso per impulso di un gruppo di strumentisti insieme al Sovrintendente Pereira: il primo era stato la versione scenica dell’oratorio Il trionfo del Tempo e del Disinganno, sempre di Händel.

L’opera, composta nel 1724 per la Royal Academy of Music e andata in scena lo stesso anno al King’s Theatre, costituisce una svolta nella produzione di Händel per l’inedito spessore drammaturgico (il libretto è di Nicola Haym ma le fonti risalgono fino al Bajazet di Racine del 1672): la sequenza di arie e recitativi secchi tipica del melodramma italiano si arricchisce di recitativi accompagnati in cui la musica moltiplica gli echi psicologici di un canto che è più che mai anche recitazione. La stessa vicenda dell’amore di Tamerlano per Asteria, figlia del prigioniero imperatore ottomano Bajazet, infrangeva le consuetudini dell’epoca portando in scena il suicidio dell’imperatore. Non a caso il testo di Agostino Piovene da cui Haym trasse il libretto sarà all’origine di decine di versioni musicali per tutto il ‘700, alternando i titoli Tamerlano e Bajazet: da ricordare almeno quelle di Porpora (1730) e Vivaldi (1735).

Davide Livermore, direttore artistico del Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia e affermatosi negli anni tra i più importanti registi italiani, collega la svolta storica segnata dalle campagne turco-mongole contro l’impero ottomano alla fine del ‘300 con quella rappresentata dall’Ottobre 1917, ambientando contrasti politici, tensioni affettive e atmosfera tragica e crepuscolare nei gelidi palazzi conquistati dei bolscevichi.

LEAVE A REPLY