Dante Inferno 2.0

Il 28 settembre, ore 19.30, al Teatro Studio Melato, Milano

0
48
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Se si sogna da soli, è solo un sogno. Se si sogna insieme, è la realtà che comincia”. Così si preannuncia l’ultimo spettacolo del Polo artistico di San Patrignano, Dante Inferno 2.0, con la regia di Pascal La Delfa, in scena al Teatro Studio Melato, giovedì 28 settembre. In scena la Compagnia di San Patrignano accompagnata dalle musiche originali di Nicola Rosti, eseguite dai ragazzi del SanpaGroup.

“Dal sonno al sogno, un cammino verso la ‘verace vita’ abbandonata nella selva oscura. Dal sogno al segno, il segno polivalente della visione, dell’intuizione o illuminazione dell’estasi. L’Inferno celebra la camminata umana, la misura e il ritmo dei passi, il piede e la sua forma. In viaggio quindi, in cammino, per contare i nostri passi, per rialzarsi se si cade, in cammino per restare in piedi, andare verso noi stessi per ri-conoscersi, capaci di affrontare il rischio di non superare la prova. Amore e odio, dolore e gioia, condanna e salvezza, perdono e speranza; questa la materia da affrontare durante il viaggio con corpo ed anima. Per Coro e Soli è il nostro modo di fare teatro, ormai consolidato, la forma espressiva con la quale ci presentiamo e confrontiamo e che ci contraddistingue nel panorama teatrale nazionale”.

Il regista Pascal La Delfa da anni si occupa di teatro sociale in situazioni di disagio e prevenzione e di teatro divulgativo.

——–

Piccolo Teatro Studio Melato (Via Rivoli, 6 – M2 Lanza), 28 settembre 2017 ore 19.30

Dante Inferno 2.0

per Coro, Soli e Strumenti

drammaturgia e regia Pascal La Delfa

musiche originali Nicola Rosti

con la compagnia di San Patrignano e SanpaGroup

produzione Polo Artistico di San Patrignano

con il sostegno della Fondazione Silvio Tronchetti Provera

evento sponsorizzato da BMW Italia

——–

Orari: giovedì 28 settembre, ore 19.30

Prezzi: posto unico 10 euro

Informazioni e prenotazioni 0242411889 – www.piccoloteatro.org

News, trailer, interviste ai protagonisti su www.piccoloteatro.tv

LEAVE A REPLY