Mercoledì 22 novembre, Galleria Frittelli Arte Contemporanea, Firenze, Enrico Malatesta presenta “Belabor”

0
95
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Una performance sperimentale dedicata agli strumenti a pelle in rapporto allo spazio e alla tecnologia.

FIRENZE. TRK. Sound Club il club di musica sperimentale organizzato da Tempo Reale mercoledì 22 novembre, h. 21.00 alla Galleria Frittelli Arte Contemporanea, presenta Enrico Malatesta e la sua performance Belabor, un progetto di ricerca volto ad approfondire alcune recenti intuizioni dedicate ai tamburi e alla morfologia delle superfici, al rapporto tra materiale-prensilità-spazio e ritmo. con Belabor, Malatesta vuole presentare gli strumenti a pelle – e, più in generale, le superfici di utensili – per ciò che offrono in quanto territori di azione e corpi in continua relazione con il movimento del performer, con lo spazio performativo e con la tecnologia audio.

Malatesta è musicista, ricercatore indipendente e curatore attivo in ambiti sperimentali posti tra musica, performance e intervento site-specific. La sua pratica esplora le relazioni fra suono, spazio e movimento, e le possibilità sonore dei materiali, con particolare attenzione alle superfici, alle modalità di ascolto e alla definizione di informazioni multiple attraverso un approccio ecologico e sostenibile allo strumento percussivo.

Belabor è un progetto volto ad approfondire alcune ricerche intorno ai tamburi e alla morfologia delle superfici, al rapporto materiale-prensilità-spazio e al ritmo inteso come configurazione di eventi multipli in un contesto specifico. Attraverso una personale ricerca intorno all’atto di percuotere e alle modalità di ascolto, Malatesta ha messo a punto una nuova performance sonora per strumenti a pelle e dispositivi di playback portatili.

Enrico Malatestà (1985). Percussionista attivo in ambiti sperimentali di ricerca posti tra pedagogia, musica e performance; la sua pratica esplora le relazioni tra suono, spazio e movimento con particolare attenzione alle modalità di ascolto, alle affordances degli strumenti e al poliritmo, inteso come definizione di informazioni multiple attraverso un approccio ecologico e sostenibile allo strumento percussivo.

Ingresso 5 euro Info tel. 055 717270 – www.temporeale.it

 

LEAVE A REPLY