Notte di follia

Dal 23 gennaio al 4 febbraio al Teatro Parioli, Roma

0
549
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Al Teatro Parioli da martedi 23 gennaio a domenica 4 febbraio, Anna Galiena e Corrado Tedeschi portano in scena, Notte di follia, regia di Antonio Zavatteri, tratto da Nuit d’ivresse di Josiane Balasko, attrice e autrice francesce di cinema e teatro fra le più acclamate.Un incontro inatteso al bar di una stazione.Un noto conduttore di un programma TV beve per dimenticare e, brillo, importuna una cliente sotto gli occhi di un barista irriverente e dalla battuta pronta. Lei, da poco uscita di prigione, non si lascia mettere i piedi in testa e anzi risponde per le rime. Due persone agli antipodi, sole, accomunate dal- lo stesso segreto iniziano un dialogo divertente e serrato finché man mano che la notte si fa più assurda emerge il vero malessere che pervade e unisce queste due singolari anime.L’amnesia al risveglio del protagonista Jacques trasporterà i tre personaggi in un turbinio di follia dove, tra offese, battute e malintesi, emerge ciò che veramente conta, ciò che attira un essere umano verso l’altro. Tratto da Nuit d’ivresse di Josiane Balasko, attrice e autrice francesce di cinema e teatro fra le più acclamate, Notte di follia è un testo di grande intelligenza e divertimento per una coppia inedita come Anna Galiena e Corrado Tedeschi.

———-

Josiane Balasko

Attrice, regista, sceneggiatrice, scrittrice e costumista francese, Josiane Balasko ha conquistato la vetta del cinema d’oltralpe quando era ancora un’under 30, imponendosi come segno di rinnovamento nel vecchio panorama cinematografico dei nostri cugini francesi, nonostante il suo aspetto davvero lontano da quello charmant delle attrici francesi. Capace di creare piccoli gioielli di grande successo, è una raffinata e ironica personalità artistica capace di descrivere e giocare senza pudore con temi di attualità scottanti come la prostituzione maschile, l’ambiguità sessuale, le donne single con irriverenza e leggerezza, facendo della sua “poco ortodossia” il suo divertente e anticonformista marchio di fabbrica. Nel 1973, debutta al cinema con la pellicola “L’anno 01”, e da allora unininterrotta storia di successi sia a cinema che a teatro accanto ad alcuni dei più importanti attori e attrici francesi per i quali riceve varie nomination per il César sia come attrice che come sceneggiatrice e regista. Per tutti ricordiamo Peccato che sia femmina (1995) con Victoria Abril, Alain Chabat e Miguel Bosé di cui ha curato la regia.Al cinema continua a recitare ruoli di grande impatto come quello della portinaia Renée ne Il riccio (2009), aggiungendo un’altra piacevole, divertente e a tratti pruriginosa interpretazione. In teatro continuano i suoi successi come autrice e attrice in particolare Nuit divresse” (1986)“Tout le monde aime Juliette” (2009), “La nuit sera chaude” (2010).

———-

Antonio Zavatteri

Antonio Zavatteri studia recitazione alla scuola del Teatro Stabile di Genova fino al 1994. Comincia la propria attività di attore con vari teatri nazionali lavorando con registi quali Benno Besson, Matthias Langhoff, Marco Sciaccaluga, Alfredo Arias, Andrea De Rosa, Luca Ronconi, Inizia quindi lattività da regista mettendo in scena con la compagnia Gank (di cui è socio fondatore) spettacoli tra cui La Bottega del Caffè, Don Giovanni, Poker (Dealers Choice) di Patrick Marber e Le Prénom (Cena tra Amici).Ha fatto parte di una delle più importanti compagnie italiane di ricerca, la Popular Shakespeare Kompany diretta da Valerio Binasco, con cui realizza Romeo e Giulietta e La Tempesta di W. Shakespeare.Negli ultimi anni ha cominciato una intensa attività televisiva lavorando tra laltro in “1992” e “Non Uccidere” di Giuseppe Gagliardi, in “Gomorra la serie” di Stefano Sollima, “Sense8” di Lana e Lilly Wachowski; e cinematografica con Gabriele Muccino, Francesca Comencini, Maria Sole Tognazzi e Nanni Moretti. Ha recitato in Pecore in Erba, opera prima di Alberto Caviglia e ne Il Mangiatore di Pietre di Nicola Bellucci.

———-

Anna Galiena

Si è formata artisticamente a New York, dove ha studiato recitazione e partecipato a vari spettacoli di prosa e musical, tra cui The chain diretto da Elia Kazan. È una delle poche attrici europee Membro a vita del prestigioso Actors Studio. Rientrata in Italia a metà degli anni 80, ha iniziato una carriera cinematografica che lavrebbe vista interprete di oltre cinquanta film ma senza mai abbandonare lamato teatro e con frequenti incursioni nel cinema internazionale. Proprio un film girato in Francia, Il marito della parrucchiera di Patrice Leconte le ha dato nel 1990 una popolarità internazionale. In teatro, ha avuto il privilegio di essere la prima ed unica attrice al mondo ammessa in una Compagnia del Teatro Nô giapponese al Festival di Avignone del 1994. Negli ultimi anni, sempre in teatro, ha lavorato in alcune commedie di grande successo, fra cui Tres di Juan Carlos Rubio e Diamoci del tu di Norm Foster. In cinema, tra i suoi ultimi lavori, citiamo Nessuno si salva da solo regia di Sergio Castellitto e La pazza gioia di Paolo Virzì.

———-

Corrado Tedeschi

Conduttore televisivo e attore teatrale, Corrado Tedeschi si diploma all’accademia del Teatro Stabile di Genova. Numerose le sue apparizioni in televisione come presentatore, giusto per citarne alcune “Doppio Slalom”, “Il gioco delle coppie”. Intanto il teatro da passione diventa sempre di più la sua principale occupazione. Dopo numerose esperienze, nel 1999 diventa primo attore del Teatro Parenti di Milano: da allora continua a dividersi fra teatro e televisione. A teatro negli ultimi anni è protagonista di titoli come L’uomo dal fiore in bocca di Pirandello, Vite private di Noël Coward, Trappola mortale di Ira Levin e Quel pomeriggio di un giorno… da star! di Gianni Clementi, spettacolo nato da una sua idea.

———-

biglietti: da 24 a 35 euro

Teatro Parioli

Via Giosuè Borsi 20, 00197 Roma

tel. 06 8073040

www.parioliteatro.it

LEAVE A REPLY