Piccolo Eliseo, il “Cous Cous Klan” di Carrozzeria Orfeo

Un affresco dell’umanità socialmente instabile e divertente nel nuovo spettacolo di Carrozzeria Orfeo. Dal 10 gennaio a Roma

0
217
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Laila Pozzo

Dopo il successo di Thanks for vaselina e Animali da bar, arriva il nuovo spettacolo di Carrozzeria Orfeo, Cous Cous Klan, produzione dell’Elfo-Eliseo-Marche Teatro, in collaborazione con Teatro della Toscana e Corte Ospitale in scena dal 10 al 28 gennaio 2018 al Piccolo Eliseo di Roma.

La compagnia Carrozzeria Orfeo, costituita nel 2007 da Gabriele Di Luca e Luisa Supino, autori, registi ed interpreti e anche compositori delle musiche originali, unisce il teatro fisico alla drammaturgia legata a tematiche della contemporaneità all’insegna dell’osservazione diretta della realtà e stavolta la compagnia ci proietta in un futuro squallido e inospitale dove un’umanità al limite della sopravvivenza e ridotta all’estrema disuguaglianza sociale, cerca di sopravvivere e come in Cous Cous Klan fotografa un’umanità debole e socialmente instabile, fra nevrosi e debolezze che restituiscono il senso del tragicomico con uno stile eccessivo.

Si racconta la disfatta totale dell’uomo in un mondo in cui l’acqua, da bene primario, è stata privatizzata e la differenza fra ricchi e poveri è allarmante: Cous Cous Klan racconta dei reietti costretti a cercare di sopravvivere al di fuori delle città recintate in un parcheggio abbandonato e degradato casa di una micro comunità di senzatetto che abitano due roulotte fatiscenti. Da una parte, tre fratelli diversissimi fra loro, Caio, ex prete nichilista e depresso, Achille, sordomuto e instabile e Olga, la sorella maggiore, obesa; dall’altra Mezzaluna, il compagno di Olga, un musulmano, immigrato in Italia da anni e Aldo, un medio borghese, elegante e decaduto che si ritrova a dover dormire per strada. Sarà l’arrivo di Nina, una ragazza ribelle e indomabile, l’elemento perturbatore della loro squallida quotidianità diventando anche l’arma del loro riscatto sociale.

Scritto da Gabriele Di Luca, anche regista insieme a Massimiliano Setti ed Alessandro Tedeschi, Cous Cous Klan racconta la realtà di un’umanità socialmente instabile attraverso uno stile irriverente e divertente in cui tutto da un momento all’altro può cambiare. In meglio o in peggio.

Con Angela Ciaburri, Alessandro Federico, Pier Luigi Pasino, Beatrice Schiros, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi.

Dopo Roma lo spettacolo prosegue la sua tournée al Teatro Sperimentale di Ancona al Teatro Lac di Lugano, all’Archivolto di Genova e al Teatro Excelsior di Reggello. Da martedì a sabato ore 20.00, domenica ore 17.00, Biglietteria tel. 06.8351021, www.teatroeliseo.com e www.vivaticket.it.

LEAVE A REPLY