Teatro Verdi di Trieste e Teatro Nazionale Croato di Zagabria: nuova partnership internazionale

0
190
Condividi TeatriOnline sui Social Network

La Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste ha siglato un accordo di partnership artistica con il Teatro Nazionale Croato di Zagabria, Hrvatsko narodno kazalište u Zagrebu (HNK Zagreb).
Il protocollo di cooperazione internazionale, della durata di tre anni, è stato firmato nei giorni scorsi a Zagabria dal Sovrintendente della Fondazione triestina Stefano Pace e da Dubravka Vrgoč, Direttore Generale dell’HNK Zagreb.
Il nuovo accordo rafforza ulteriormente il ruolo del Teatro Verdi di Trieste nella cooperazione culturale internazionale nell’area della nuova Europa.

Analogamente alla partnership artistica, tutt’ora in corso, con il Teatro Nazionale Sloveno di Maribor, l’accordo prevede azioni sia per la valorizzazione reciproca delle risorse/produzioni artistiche che per la crescita e la circolazione del pubblico. Nelle prossime settimane, verrà istituito un gruppo tecnico di lavoro – con rappresentanti da entrambe le istituzioni culturali – per la definizione di un calendario di attività ed eventi, che si svilupperanno nel triennio 2018 – 2021.

Nel frattempo, già per la Stagione in corso, gli abbonati del Verdi e dell’HNK Zagreb potranno beneficiare di uno sconto del 10% sui biglietti per le rappresentazioni previste a Trieste e Zagabria: una sorta di “European Subscription“, già esistente per gli abbonati di Trieste e Maribor, che viene quindi ulteriormente ampliata.

Commenta Stefano Pace, Sovrintendente della Fondazione Triestina: “Il Teatro Verdi conferma il proprio ruolo internazionale: oggi si guarda a Trieste come ad una capitale, una realtà culturale di primissimo piano della nuova Europa. Zagabria è una splendida città di quasi 800mila abitanti, con una vita culturale di altissimo livello, dinamica e partecipata. Siamo orgogliosi di collaborare con un Teatro di grande storia e tradizione e ricco di giovani talenti e professionisti eccellenti in tutti i settori, dalla musica alla danza, dalla regia al management”.

LEAVE A REPLY