Rip it up and start again approda al Festival delle Colline Torinesi

Il 21 e 22 giugno, ore 22, al Festival delle Colline Torinesi

0
192

motus

“Cosa succede se i giovani non sono più in grado di suscitare stupore?” È la domanda da cui prende le mosse l’ultimo lavoro di Motus, Rip it up and start again, che porta in scena 15 giovanissimi attori, tutti nati negli anni ’90.

Prosegue così il lavoro di formazione che da anni la compagnia svolge con giovani performer per sperimentare pratiche collettive e condivise di esplorazione e scrittura drammaturgica: Rip it up and start again, spettacolo di fine studi del corso J della scuola di alta formazione alle arti sceniche di Losanna, diretto e creato dai registi di Motus Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande.

Spettacolo-concerto-karaoke-manifesto, Rip it up and start again prende come punto di partenza i testi delle canzoni del fenomeno musicale Post-punk dei primi anni ’80, per guardare l’oggi con occhi diversi e mettere in dubbio l’idea di una “generazione di cui ogni singola mossa è stata anticipata, tracciata, comprata e svenduta prima ancora di compiersi” (Mark Fisher).

Attraverso una provocazione indiretta, Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande hanno scelto di mettere in contatto un gruppo di 15 giovani attori e attrici con una generazione estrema di artisti che hanno tentato il tutto per tutto, decidendo di farla finita con il passato per sperimentare forme espressive “nuove” su tutti i fronti, dal linguaggio artistico alle modalità di produzione.

In un contesto politico simile a quello dei thatcheriani anni ’80, in cui governi conservatori, sovranisti e xenofobi, neoliberismo, demolizione del welfare e precarizzazione del lavoro stanno dilagando in tutto il mondo, Rip it up and start again si propone di far conoscere a fondo gli slanci utopici di questo movimento di giovani, che allora avevano esattamente l’età degli allievi de La Manufacture,  per contrastare la paura verso il futuro alimentata dai media e lo spirito “rinunciatario” instillato dallo stesso sistema scolastico, sempre più privatizzato. Il confronto con il Post-punk è quasi un pugno in faccia e un invito a mettersi a correre in avanti, anche senza una direzione prestabilita, alzare il volume del dissenso e immaginare alternative irriducibilmente aliene al neoliberismo imperante del No Alternative.

Rip it up and start again è anche il titolo scelto da Simon Reynolds per un recente libro sul Post-punk, proprio per l’estrema pulsione verso il nuovo, il rifiuto dell’obsoleto, del familiare, dell’esistente che ha connotato questa ondata… Oggi – sostiene – siamo piuttosto affetti da retromania: il presente sfugge ed è in atto una subdola slow cancellation of the future. Motus ha quindi invitato i 15 attori a ricercare, collezionare, immergersi nelle biografie e lyrics – racchiuse negli obsoleti vinili – di questi artisti tormentati, da Ian Curtis a Lydia Lunch…

“Così è nata la drammaturgia: tutti i testi di questo anomalo spettacolo-concerto sono infatti elaborazioni originali degli studenti stessi rispetto alle loro scelte di vita, il teatro e il futuro che li aspetta nel sistema dello spettacolo… (e del mondo). Ciascuno ha “reagito” a suo modo al confronto con una delle 15 biografie di musicisti da noi proposte, non per mitizzare nostalgicamente un’epoca, ma vivificare queste esperienze interrogandosi sul rapporto con il proprio tempo, la trasgressione e la libertà artistica… Riattivando lo spirito, per noi intramontabile, del Do it yourself (DIY)!” (Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande)

———-

Info Biglietti

Festival delle Colline Torinesi

festivaldellecolline.it

16 euro (intero) – 11 euro (ridotto)

Orari

ven 21 e sab 22 giugno ore 22:00

Durata 120′ circa

Spettacolo in francese sovratitolato in italiano

———–


Crediti

regia e drammaturgia Enrico Casagrande e Daniela Nicolò

con gli allievi de La Manufacture – Haute école des arts de la scène

Coline Bardin, Davide Brancato, Estelle Bridet, Arianna Camilli, Azelyne Cartigny, Guillaume Ceppi, Anastasia Fraysse, Aurélien Gschwind, Mathilde Invernon, Agathe Lecomte, Antonin Noël, Martin Reinartz, Elsa Thebault, Gwenaëlle Vaudin, Adèle Viéville

assistente alla regia Jonas Lambelet

video Simona Gallo

suono Enrico Casagrande, Ian Lecoultre e Micaël Vuataz

luci Simona Gallo e Daniela Nicolò

costumi Doria Gómez Rosay

tecnica Ian Lecoultre, Simona Gallo e Ludovic Fracheboud

produzione in Francia e Svizzera Marion Grossiord, Elodie Blomet

produzione in Italia Elisa Bartolucci con Shaila Chenet, Marta Lovato e Mariagloria Posani

una produzione La Manufacture – Haute école des arts de la scène con Motus

con il sostegno di MiBACT, Regione Emilia Romagna e della Fondation Ernst Göhner

————

MOTUS

La compagnia Motus viene fondata a Rimini nel 1991 da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò. Da subito, affianca la creazione artistica di spettacoli teatrali, performance e installazioni, a un’intensa attività culturale, conducendo seminari, incontri e dibattiti. I suoi lavori sono stati presentati nei festival più importanti del mondo, tra cui Under the Radar a New York, il Festival TransAmériques di Montréal, Santiago a Mil in Cile, il Fiba Festival di Buenos Aires, l’Adelaide Festival, il Taipei Arts Festival. La compagnia ha interpretato in modo assolutamente originale autori come Beckett, DeLillo, Genet, Fassbinder, Rilke, Pasolini. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui tre premi Ubu. Tra le produzioni più rilevanti di Motus, vi è il progetto Syrma Antigónes, dedicato alla figura di Antigone come archetipo di lotta e resistenza, sviluppato nei tre contest Let The sunshine In, Too Late! e Iovadovia e nello spettacolo Alexis. Una tragedia greca, vincitore nel 2012 del Critics’ Choice Award come “Best Foreign Show” dalla Québec Association of Theatre Critics. Altri lavori sono The Plot is the Revolution (2011), un emozionante incontro scenico fra l’attrice Silvia Calderoni e Judith Malina del Living Theatre, Nella Tempesta (2013), Caliban Cannibal (2013), MDLSX (2015) su gender e identità di confine, Über Raffiche (2017), Panorama (2018), Chroma Keys (2018). Dalla primavera 2014 Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande tengono l’atelier d’insegnamento poétique de la scène presso La Manufacture – Haute école de théâtre de la Suisse romande di Losanna. Nel 2020 Daniela Nicolò e Enrico Casagrande saranno direttori artistici della cinquantesima edizione del Santarcangelo Festival.

LEAVE A REPLY