Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra 2019: Leo Kraemer in concerto

Il 16 settembre, ore 20, alla Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola in Campo Marzio, Roma

0
161
Leo Kraemer
Foto di Musacchio & Ianniello

Lunedì 16 settembre (ore 20, ingresso libero) il Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra fa tappa alla Chiesa di SantIgnazio di Loyola in Campo Marzio con la Messa in do maggiore op. 86 per soli, coro e orchestra di Ludwig van Beethoven lavoro dalla scrittura innovativa per lo stile dellepoca e dal forte carattere intimo ed espressivo, che Beethoven stesso diresse per la prima volta nel 1807 per il suo committente il principe Esterhàzy.

Alla Messa di Beethoven seguirà l’imponente Te Deum per soli, coro e orchestra (1881-84) di Anton Bruckner, partitura di intensa religiosità, “uno spiegamento di forze per dirla con le parole del musicologo Sergio Sablich messo al servizio di ununica idea, innalzare un inno di lode a Dio che non ammetta distinzioni e riserve. Ne saranno protagonisti gli ensemble vocali tedeschi, già ospiti nelle edizioni passate del Festival, del Palatina Klassik Vocal Ensemble e del Philharmonischer Chor an der Saar, con i giovanissimi talenti dellOrchestra e il Coro del Conservatorio del Kazan, diretti da Leo Kraemer, organista, direttore, maestro di coro fra i più stimati in Germania.  

———

LA CONCLUSIONE DEL FESTIVAL

È nel segno del dialogo e dellaccoglienza fra comunità cristiane lappuntamento conclusivo del Festival, martedì 17 settembre (ore 21) nella splendida cornice della Basilica di Santa Maria Maggiore: protagonista il celebre Coro festivo maschile del Monastero Danilov di Mosca, il più antico della città sede anche della Residenza Sinodale del Santissimo Patriarca di Mosca. Lensemble sarà diretto da Georgy Safonov, e proporrà musica sacro-ortodossa tramandata attraverso preziosi manoscritti conservati nei monasteri russi e dellEuropa dellEst, spaziando dal XVI secolo fino a compositori russi contemporanei. 

Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito, fino a esaurimento dei posti disponibili. Saranno riservati alcuni settori per i sostenitori e gli ospiti della Fondazione Pro Musica e Arte Sacra e per le autorità ecclesiastiche e civili. Il pubblico potrà accedere ai concerti fino ad esaurimento dei posti disponibili previa prenotazione online. Basta compilare il modulo online scegliendo il concerto al quale si intende partecipare dal sito  www.fondazionepromusicaeartesacra.org. Per informazioni su come diventare sostenitore, partecipare alle attività istituzionali della Fondazione e per ogni altra informazione si può contattare la Segreteria della Fondazione Pro Musica e Arte Sacra.

———


Info:

Fondazione pro Musica e Arte Sacra

Via Paolo VI n. 29 (Piazza S. Pietro), 00193 Roma – Italia, Tel. 06-6869187

festival@musicaeartesacra.it , www.fondazionepromusicaeartesacra.org

————

Lunedì, 16 settembre 2019 ore 20.00

Chiesa di SantIgnazio di Loyola in Campo Marzio

Ludwig van Beethoven, Messa in do maggiore per soli, coro e orchestra op. 86

Anton Bruckner, Te deum in do maggiore per soli, coro e orchestra

Palatina Klassik Vocal Ensemble (Germania)

Philharmonischer Chor an der Saar (Germania)

Orchestra and Chorus of Kazan State Conservatory (Federazione Russa)

Leo Kraemer, Direttore

 ————

Leo Kraemer Organista, direttore dorchestra e di coro, compositore e docente, è nato nel 1944 a Püttlingen in Germania. Ha studiato musica sacra a Trier e Saarbrücken, approfondendo gli studi con gli organisti Ludwig Doerr, Gaston Litaize e Michael Schneider, i pianisti Adrian Aeschbacher e August Leopolder e i direttori Sergiu Celibidache, Günter Wand e Eugen Jochum.  È vincitore di vari premi in concorsi organistici internazionali e viene spesso richiesto come membro di giuria di concorsi dorgano internazionali. Ha ricevuto attenzione anche come compositore, scrivendo ad esempio il brano per organo solo Salische Impressionen, commissionato dalla Regione Rheinland-Pfalz; la cantata di Natale in dialetto mosellano En Schdern fellt vom Himmel oppure, per linsediamento del Vescovo Wiesemann come Vescovo di Spira nel 2008, il Lauda Sion Salvatorem. La sua attività artistica è documentata da unampia discografia e da numerose apparizioni in radio e TV. Per 38 anni, dal 1971 al 2009, Leo Kraemer è stato Organista al Duomo di Speyer, dal 1990 anche Maestro di Cappella e direttore del coro, influenzando in maniera evidente ed eccezionale la vita musicale di questa importante cattedrale europea. Sotto la sua direzione, nel 1980 fu costituito il concorso internazionale dorgano Dom zu Speyerche negli anni si è sviluppato fino ad affermarsi a livello internazionale sotto il nome Giornate Internazionali di Musica Duomo di Spira. Le sue esecuzioni di vari cicli dopere quali la completa produzione bachiana per organo, i grandi cicli di Messiaen o tutte le sinfonie di Bruckner lo portarono presto sui palchi dei festival internazionali. Dal 1992 al 1994 era direttore principale della Filarmonia Estone a Tallinn, dal 1995 è Exclusive Principal Conductor della Filarmonia di Minsk e Direttore ospite permanente dei Filarmonici di San Pietroburgo. Dal 1997 è inoltre Direttore principale dellOrchestra da Camera di questultimi. Leo Kraemer fu nominato Professore nel 1998. Insegna alle università della musica di Mannheim e Saarbrücken, e nel corso della sua attività di docente ha formato un gran numero di giovani organisti dalleccellente talento. Nel 2010 gli è stata conferita la Croce al Merito al nastro della Repubblica Federale tedesca per i suoi meriti. Leo Kraemer è direttore artistico dellAssociazione PalatinaKlassik e.V. e del coro PalatinaKlassik-Vokalensemble, direttore della Saarland-Sinfonietta e direttore del coro della Società Bachiana del Saarland. È inoltre regolarmente attivo a Seoul (Corea), Tokio (Giappone), Kazan (Fed. Russa), Ciudad de México (Messico), e Danzica (Polonia).

————

Il PalatinaKlassik-Vokalensemble è formato da 40 cantori provenienti dalle regioni tedesche del Palatinato e del Saarland, distinguendosi come una delle formazioni di maggior importanza nel suo genere nel sud-ovest della Germania. La stampa ne ha lodato la versatilità, il suono e lespressività. Il repertorio spazia dal XV al XXI secolo, dalla formazione a cappella a un ensemble corale di più ampio respiro, che vede la partecipazione anche del Philharmonischer Chor an der Saar.

————-

Philharmonischer Chor an der Saar, Germania. Il coro è stato fondato nel 1960 da Robert Leonardy inglobando i cantori del Coro da chiesa Cäcilia Hülzweiler. A dirigerlo dal 1969 è Leo Kraemer che ha portato lensemble fra i più rinomati in Germania nellesecuzione di oratori. I coristi provengono principalmente dalle due regioni tedesche Saarland e Rheinland-Pfalz, anche se il nucleo principale è sempre di Hülzweiler. Il repertorio del coro, che in passato si è quasi sempre esibito insieme al Coro del Duomo di Spira e al Coro della Società Bachiana del Saarland, comprende oratori, messe e requiem di diverse epoche. Il coro collabora frequentemente anche con il PalatinaKlassik-Vokalensemble di Kraemer con sede a Spira. Si è esibito a Chartres, Salisburgo, Roma, Minsk, Kazan e San Pietroburgo

————-

Orchestra del Conservatorio Statale di Kazan, Tatarstan. Il rinomato Conservatorio Statale N.G. Zhiganov fu fondato nel 1945 a Kazan, capitale della Repubblica Tatarstan, appartenente oggi alla Federazione Russa. Lorchestra venne costituito nel 1947 ed è composto da studenti del Conservatorio. Esegue concerti in tutta la Federazione Russa presentando un ampio repertorio. Grazie alla collaborazione con il prof. Leo Kraemer lOrchestra ha suonato anche allestero e soprattutto in Germania, dove presenta in concerto grandi opere per coro e orchestra quali Messa dellIncoronazione e Requiem di Mozart oppure Passione secondo Giovanni e Oratorio di Natale di Bach.

LEAVE A REPLY