Sarajevo e il Muro di Berlino, due appuntamenti di Teatro Civile

Il 25 e 26 ottobre, ore 21, al Teatro Pime, Milano

0
406

Sarajevo e il muro di BerlinoVenerdì 25 Ottobre “OGGI E’ UN BEL GIORNO”, scritto e interpretato da Antonio Roma. Sabato 26 Ottobre “DIE MAUER – IL MURO”, di e con Marco Cortesi e Mara Moschini.

Entra nel vivo la Stagione Pime con due appuntamenti di teatro civile su temi di vivida attualità.

Il 25 Ottobre, Antonio Roma presenta “Oggi è un bel giorno”, la storia di uno scrittore non ancora trentenne che abita la Sarajevo di oggi, e a cui la vita ha tolto da poco anche il padre, il solo affetto rimastogli dopo la morte della madre e del fratello Andrej durante la guerra nella ex Jugoslavia. La storia porta lo spettatore a interrogarsi se sia possibile rimarginare le ferite di una guerra e ricucire il tessuto lacerato delle relazioni umane.

Il 26 Ottobre sarà la volta di “Die Mauer – Il muro” dove Marco Cortesi e Mara Moschini, attraverso reali testimonianze frutto di un’inchiesta giornalistica sul campo, portano in scena indimenticabili storie vere di determinazione, coraggio e fede nel nome della libertà e del rispetto dei diritti umani, a 30 anni dalla caduta del muro di Berlino.

“La ricchezza di questo cartellone PIME – commenta Andrea Zaniboni direttore artistico della Stagione –, è proprio la varietà di proposte. Ho puntato sul teatro civile perché nella casa dei missionari PIME non potevano mancare certi temi. Il pubblico spero gradirà la qualità delle performance, come già avvenuto con il concerto di apertura sulle musiche di Ennio Morricone”.

Teatro PIME ‘Piero Gheddo’, via Mosé Bianchi 94 – Ore 21- Ingresso € 16 intero / € 12 convenzioni / € 10 ridotto fino a 30 anni, maggiori di 65 anni e allievi scuole di teatro. (Metro Lotto).  Posti disponibili 600. Acquisto online su Teatro Pime.

———

Nuovo Centro PIME

Il teatro è all’interno del Nuovo centro PIME di Milano, realizzato a seguito della dismissione del polo romano dell’Istituto anche per dare più servizi, quali, oltre al teatro: il Museo Popoli e Culture ampliato e arricchito di installazioni multimediali; una video-installazione per conoscere da vicino i 450 missionari del PIME oggi ptresenti in 18 Paesi in tutti i Continenti; una caffetteria culturale dove ascoltare testimonianze e musica dal mondo; la Libreria e lo Store per lo shopping  equo e solidale e dei prodotti delle cooperative sociali attive in Italia; la Biblioteca  con il suo patrimonio di 43.000 volumi, una nutrita emeroteca, una sala lettura aperta alla cittadinanza con particolare attenzione ai giovani studenti; infine una nuova sala polivalente e altri spazi per appuntamenti culturali e proposte per il tempo libero (calendario su Pimemilano.com). Il PIME pubblica anche la rivista Mondo e Missione. L’Ufficio Educazione Mondialità del PIME organizza attività con i ragazzi delle scuole e degli oratori. La scelta di sobrietà e risparmio economico di riunire in un’unica sede tutta la realtà PIME è quindi mirata a incrementare l’attività missionaria in Italia e all’estero garantendo anche un maggior sostegno ai padri e ai laici operanti tra i bisognosi nelle periferie del mondo.

LEAVE A REPLY